Skip to content

La lottizzazione della Rai. Partiti politici e servizio pubblico televisivo in un quadro comparato

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Mezzalira
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Martino Mazzoleni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

Perché la televisione italiana è sempre parsa un’appendice della politica, uno strumento asservito al potere e ai partiti? E fino a che punto tale percezione ha corrisposto alla realtà dei fatti e quanto, invece, vi è stato di strumentalizzazioni polemiche? Questo lavoro cercherà di dare una risposta a tale quesito, suddividendosi in due parti. La prima riguarda le vicende storiche del servizio pubblico che, nel nostro Paese, è incarnato nella Rai, con un focus particolare sui meccanismi di nomina dirigenziale e sull’influenza che il potere politico ha ed ha avuto su di essa. La seconda si presenta come un breve confronto, tenendo fermi i parametri di comparazione, tra le emittenti di servizio pubblico di Italia, Gran Bretagna, Francia e Germania. Dopo la conclusione, un’appendice riporta gli elenchi dei presidenti, dei direttori generali e degli amministratori delegati della Rai, oltre a due interviste dedicate al parere di due esperti, a loro modo diversi, sull’attuale condizione della Radiotelevisione Italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La parola “lottizzazione” viene da “lotto” (fr. lot, da un’antica voce franca, col significato di “eredità, sorte, bottino, parte assegnata”) e ha una connotazione di tipo edilizio-urbanistico. In tempi recenti, però, il termine è stato sempre piø riferito all’ambito politico, ad indicare la spartizione concordata di cariche dirigenziali in aziende ed enti pubblici tra i diversi partiti politici o fazioni, ai fini di distribuire tali cariche a guisa di benefit per i sostenitori di quelle parti politiche stesse. Il vocabolo lottizzazione fu applicato per la prima volta alla Rai (in un’accezione fortemente polemica) dal giornalista e scrittore Alberto Ronchey, in una lettera inviata a Ugo La Malfa il 14 ottobre 1968 1 , ma si può dire, senza timore di essere smentiti, che la televisione è, in Italia, il mass media che piø di ogni altro ha subìto l’influenza della politica nel corso del tempo. Prima dell’affermazione di Ronchey, la Rai era già sotto uno stretto controllo politico, piø precisamente del Governo, all’epoca monopolizzato già da venti anni dal partito della Democrazia Cristiana. La situazione cambia con la Riforma del 1975, che pone le premesse per l’istituzionalizzazione della spartizione partitica della Rai: sotto la bandiera del pluralismo, la concessionaria del servizio pubblico viene messa a disposizione del Parlamento, non piø del Governo. Ciò porterà ad una progressiva lottizzazione delle reti e dei rispettivi telegiornali a favore dei partiti piø forti nell’emicerchio, ovvero la solita Democrazia Cristiana (che si accaparra l’intera Raiuno), il Partito Socialista Italiano (a cui va Raidue) e il Partito Comunista Italiano (che si impossesserà di Raitre). Questo quadro verrà ribaltato da Tangentopoli: i partiti storici si dissolvono e vengono sostituiti da nuove forze politiche (Forza Italia, Lega Nord, Partito Democratico della Sinistra, Centro Cristiano Democratico) ma la lottizzazione sarà un fenomeno che sopravviverà e, al contrario, prospererà nella cosiddetta Seconda Repubblica, venendo coadiuvato da un principio nuovo, la par condicio. Detto questo, la domanda sorge spontanea: perchØ la televisione italiana è sempre parsa un’appendice della politica, uno strumento asservito al potere e ai partiti? E fino a che punto tale percezione ha corrisposto alla realtà dei fatti e quanto, invece, vi è stato di strumentalizzazioni polemiche? Questo lavoro cercherà di dare una risposta a tale quesito, suddividendosi in due parti. La prima riguarda le vicende storiche del servizio pubblico che, nel nostro Paese, è incarnato nella Rai, con un focus particolare sui meccanismi di nomina dirigenziale e sull’influenza che il potere politico ha ed ha avuto su di essa. La seconda si presenta come un breve confronto, 1 Il segretario repubblicano aveva chiesto a Ronchey di accettare, da “indipendente” ma su designazione del suo partito, una nomina nel Comitato Direttivo e nel Consiglio d’Amministrazione dell’azienda. Ronchey però rifiuta. A questa prima lettera ne seguirono altre due, datate rispettivamente 21 ottobre e 14 novembre dello stesso anno. E in tutte e tre compare, in questo nuovo significato televisivo, la parola “lottizzazione”. Nella prima lettera Ronchey ne denuncia l’imminente pericolo; nella seconda rafforza la sua analisi; nella terza rifiuta definitivamente la proposta. Ecco una selezione delle tre lettere: 1. “Caro La Malfa, un’improvvisa spartizione del potere, concordata fra democristiani e socialisti senza chiedere altri consigli e a quanto pare senza ripensamenti, sta per sconvolgere il Telegiornale e i Servizi giornalistici della televisione. […] Si direbbe che i partiti perseguano in questo delicato servizio pubblico un puro profitto di potere -così come altrove il mondo della pubblicità e degli affari piega le televisioni commerciali a fini di puro profitto economico- senza riguardo per la qualità dell’informazione e per l’opinione pubblica, con grande sperpero di risorse tecniche e culturali. Ai lottizzatori della tv basta che ogni redazione abbia un direttore democristiano e un vicedirettore socialista. […]” 2. “[…] Esempi: Telegiornale, Servizi collaterali, programmi culturali-educativi. Questa lottizzazione non può essere funzionale per l’azienda nØ utile dal punto di vista dell’interesse pubblico; è semplicemente meccanica […] e per assurdo un socialista è nei migliore dei casi un “vice” per definizione”. 3. “Non ho avuto sufficienti garanzie contro la prospettiva che la RAI-TV sia gestita in base a un rigido accordo fra due partiti, scavalcando il Comitato Direttivo dell’azienda […]. In tali circostanze, non vedo quale apporto potrei dare alla RAI-TV se fossi membro del suo Consiglio d’Amministrazione e del suo Comitato Direttivo […]. Ti ringrazio della fiducia che il tuo partito mi aveva dato, designandomi a quegli incarichi in condizione di autonomia e come professionista indipendente”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

partiti
pci
mediaset
rai
psi
berlusconi
fininvest
eiar
bbc
dc
bettetini
pd
craxi
bernabei
lottizzazione
grasso
ard
pdl
ronchey
france televisions
zdf
simonelli
butti
poltrona

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi