Skip to content

La riforma delle imprese di Stato in Vietnam: il caso Vinashin

Informazioni tesi

  Autore: Denita Cozzolino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni e politiche internazionali
  Relatore: Pietro Masina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Alla metà degli anni Novanta il Vietnam sembrava attraversare una fase positiva, e guardava con grande speranza verso un futuro prospero. Dopo decenni di guerra e di isolamento internazionale, il paese stava ripristinando le relazioni con le nazioni vicine e con il resto del mondo. L’economia era in pieno fermento, con elevati tassi di crescita e un forte flusso di investimenti diretti esteri, e il tasso di povertà declinava. Tali risultati potevano essere considerati il frutto del Doi Moi (Rinnovamento), il processo di riforma economica adottato nel 1986 con l’obiettivo di ristrutturare lo Stato e il settore pubblico, incoraggiare lo sviluppo del settore privato, e incentivare l’apertura agli investimenti esteri e al mercato globale.
Già qualche mese prima della crisi regionale asiatica (1997-1998), però, cominciarono a concentrarsi nel paese una serie di problematiche, che resero evidenti gli ostacoli verso il raggiungimento di una crescita economica florida e costante. Gli investimenti esteri cominciarono a contrarsi e la crescita del Pil iniziò a rallentare. Le istituzioni finanziarie internazionali (Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, Banca Asiatica di Sviluppo, ecc.) iniziarono a manifestare dure critiche e a reclamare una approccio più rapido alle riforme. Il Vietnam riuscì a superare la crisi in un stato di relativa salute, e il “fallimento” fu evitato grazie ad una limitata esposizione sul mercato finanziario globale. Diverso l’iter intrapreso per rispondere alla crisi del 2008, dove il Governo ha dovuto sostituire l’obiettivo della crescita rapida alla stabilizzazione. La crisi non toccava direttamente il paese, in virtù dello scarso uso di quegli strumenti finanziari che avevano causato il suo scatenarsi e il suo propagarsi, ma sul paese incombeva la riduzione della crescita dei suoi principali partner. Sul finire del 2008 aumentava il deficit commerciale e si riducevano le esportazioni, inoltre erano palesi segnali di declino, come la perdita di posti di lavoro e un decadimento del settore degli investimenti esteri diretti.
Il processo di riforma delle imprese a completa proprietà statale (SOEs state owned enterprises), fulcro del mio lavoro, si inserisce in tale contesto, ed è al centro del dibattito politico-economico vietnamita da oltre venti anni. Le SOEs continuano a svolgere un ruolo fondamentale in quei settori ritenuti strategici (ad esempio quello energetico), più marginale in altri (calzaturiero e abbigliamento). Sono presenti in quasi tutte le attività economiche e il loro contributo in termini di formazione del Pil e di creazione di posti di lavoro rimane fondamentale. Tuttavia, le recenti normative in materia di impresa e la recente trasformazione in società per azioni (o equitization) di alcune grandi SOEs potrebbero segnare una netta inversione di tendenza.
Tale elaborato si propone di fornire un quadro più ampio sul sistema delle SOEs e sui mutamenti cui esso è andato incontro in tempi recenti, analizzando in modo dettagliato il Gruppo Vinashin (il colosso di cantieristica navale), un gruppo di Stato che ha approfittato della facilità di accesso al credito garantita dalle politiche governative per espandersi in settori non di core-business, e gestito in modo errato sia dal punto di vista economico che finanziario, creando situazioni prossime al default.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Alla metà degli anni Novanta il Vietnam sembrava attraversare una fase positiva, e guardava con grande speranza verso un futuro prospero. Dopo decenni di guerra e di isolamento internazionale, il paese stava ripristinando le relazioni con le nazioni vicine e con il resto del mondo. L’economia era in pieno fermento, con elevati tassi di crescita e un forte flusso di investimenti diretti esteri, e il tasso di povertà declinava. Tali risultati potevano essere considerati il frutto del Doi Moi (Rinnovamento), il processo di riforma economica adottato nel 1986 con l’obiettivo di ristrutturare lo Stato e il settore pubblico, incoraggiare lo sviluppo del settore privato, e incentivare l’apertura agli investimenti esteri e al mercato globale. Già qualche mese prima della crisi regionale asiatica (1997-1998), però, cominciarono a concentrarsi nel paese una serie di problematiche, che resero evidenti gli ostacoli verso il raggiungimento di una crescita economica florida e costante. Gli investimenti esteri cominciarono a contrarsi e la crescita del Pil iniziò a rallentare. Le istituzioni finanziarie internazionali (Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, Banca Asiatica di Sviluppo, ecc.) iniziarono a manifestare dure critiche e a reclamare una approccio più rapido alle riforme. Il Vietnam riuscì a superare la crisi in un stato di relativa salute, e il “fallimento” fu evitato grazie ad una limitata esposizione sul mercato finanziario globale. Diverso l’iter intrapreso per rispondere alla crisi del 2008, dove il Governo ha dovuto sostituire l’obiettivo della crescita rapida alla stabilizzazione. La crisi non toccava direttamente il paese, in virtù dello scarso uso di quegli strumenti finanziari che avevano causato il suo scatenarsi e il suo propagarsi, ma sul paese incombeva la riduzione della crescita dei suoi principali partner. Sul finire del 2008 aumentava il deficit commerciale e si riducevano le esportazioni, inoltre erano palesi segnali di declino, come la perdita di posti di lavoro e un decadimento del settore degli investimenti esteri diretti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vietnam
doi moi
vinashin
state owned enterprises

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi