Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le nuove tendenze dell'innovazione commerciale nel largo consumo

L’innovazione è una modifica, per lo più in meglio, delle stato di cose esistente. In ambito distributivo essa viene realizzata creando prodotti commerciali che siano in grado di risolvere problemi e di facilitare la vita delle persone, adattando i servizi proposti ai bisogni espressi dal mercato. In altre parole un prodotto commerciale innovativo deve soddisfare nuove necessità, di recente emersione nelle struttura dei bisogni delle persone, o comunque non ancora soddisfatti da altre imprese commerciali. Ricerca dell’innovazione e costante monitoraggio del della domanda, al fine di percepire mutamenti nelle preferenze dei consumatori, sono due variabili strettamente correlate, che non possono mai prescindere l’una dall’altra: solo tramite questa connessione e con un approccio stabile e strutturale all’innovazione, anche dal punto di vista gestionale, si può giungere alla creazio-ne di un vantaggio competitivo duraturo e consistente. Le imprese commerciali che raggiungono con successo questo obiettivo sono avvantaggiate rispetto ai concorrenti che non perseguono l’innovazione con metodi codificati e istituzionalizzati. Il presente lavoro si propone di offrire una panoramica sul tema dell’innovazione commerciale, partendo dalle caratteristiche di inquadramento dell’argomento quali gli attributi fondamentali del prodotto commerciale e dei beni banali. In seguito verranno poi descritti gli elementi distintivi dell’innovazione commerciale e le variabili sulla base delle quali essa è generabi-le. Successivamente verranno esposte le principali teorie economiche incentrate sull’innovazione commerciale degli ultimi decenni, per offrire anche dal punto di vista teorico un quadro di riferimento completo (Capitolo 1). Nel secondo capito-lo saranno presentati i principali driver dell’innovazione commerciale: essi gui-dano le imprese innovatrici nei loro tentativi di evoluzione, condizionandone le politiche strategiche. Il terzo capitolo si focalizzerà sulle leve del retailing mix, che pur essendo uno strumento tradizionale di creazione dell’innovazione, ri-mangono di estrema importanza nella gestione del processo innovativo, anche se attualmente, nelle realtà commercialmente più evolute, vi si affiancano nuovi vettori che ne superano l’importanza. Si parlerà approfonditamente del contributo che le leve del retailing mix possono offrire se implementate in un ottica innova-tiva. Il quarto e ultimo capitolo dell’opera si concentra invece su un esempio di innovazione di formato, conseguita tramite modifiche di tipo incrementale agli attributi del servizio: il convenience store. Nel corso dell’opera verranno analizzate caratteristiche e punti di forza del sopra citato prodotto commerciale, studiandone i fattori di contesto che ne hanno reso possibile lo sviluppo, le nuove traiettorie caratterizzanti le recenti introduzioni di formati di prossimità all’estero e descrivendo anche un esempio concreto di questo fenomeno nella realtà italiana: i convenience store Conad City.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Linnovazione è una modifica, per lo più in megli o, dello stato di cose esi- stente. In ambito distributivo essa viene realizzata creando prodotti commerciali che siano in grado di risolvere problemi e di facilitare la vita delle persone, adat- tando i servizi proposti ai bisogni espressi dal mercato. In altre parole un prodot- to commerciale innovativo deve soddisfare nuove necessità, di recente emersione nelle struttura dei bisogni delle persone, o comunque non ancora soddisfatti da altre imprese commerciali. Ricerca dellinnovazione e costante monitoraggio del della domanda, al fine di percepire mutamenti nelle preferenze dei consumatori, sono due variabili strettamente correlate, che non possono mai prescindere luna dallaltra: s olo tramite questa connessione e con un approccio stabile e strutturale allinnovazione, anche dal punto di vista gestionale, si può giungere alla creazi o- ne di un vantaggio competitivo duraturo e consistente. Le imprese commerciali che raggiungono con successo questo obiettivo sono avvantaggiate rispetto ai concorrenti che non perseguono linnovazione con metodi codificati e istituzio- nalizzati. Il presente lavoro si propone di offrire una panoramica sul tema dellinnovazione commerciale, partendo dalle caratteristiche di inquadramento dellargomento quali gli attributi fondamentali del prodotto commerciale e dei beni banali. In seguito verranno poi descritti gli elementi distintivi dell innovazione commerciale e le variabili sulla base delle quali essa è generabi- le. Successivamente verranno esposte le principali teorie economiche incentrate sullinnovazione commerciale degli ultimi decenni, per offrire, anche dal punto di vista teorico, un quadro di riferimento completo (Capitolo 1). Nel secondo ca- pitolo saranno presentati i principali driver dell innovazione commerciale: essi guidano le imprese innovatrici nei loro tentativi di evoluzione, condizionandone le politiche strategiche. Il terzo capitolo si focalizzerà sulle leve del retailing mix, che pur essendo uno strumento tradizionale di creazione dellinnovazione, ri- mangono di estrema importanza nella gestione del processo innovativo, anche se attualmente, nelle realtà commercialmente più evolute, vi si affiancano nuovi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dell'Economia

Autore: Monica Tognetti Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3262 click dal 13/09/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.