Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il “Così è (se vi pare)'' di Luigi Pirandello: le origini del testo nella biografia dell'autore e la fortuna scenica dal debutto del 1917 alla messinscena di Giulio Bosetti.

Il nostro lavoro propone una panoramica sia testuale che scenica di questo capolavoro, sottolineando come la sua ricchezza lo renda un testo dagli inesauribili spunti interpretativi. Ne seguiremo le linee fondamentali per tracciare un’’analisi che metta in risalto la complessità di un dramma che, nonostante gli otto decenni di presenza costante sui palcoscenici di tutto il mondo, mantiene ancora intatto il suo fascino misterioso.
La nostra analisi si svilupperà su tre diversi piani: la biografia di Pirandello, la Parola dell’’Autore, e, infine, l’’interpretazione ad essa data dai principali allestimenti del testo. Ci siamo avvalsi dello studio di differenti tipologie di fonti, a seconda delle necessità analitiche richieste dalle varie prospettive di studio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il 18 aprile 1917 Luigi Pirandello informava il figlio Stefano di aver portato a termine la stesura di «una gran diavoleria» 1 : Così è (se vi pare). Esso si presenta alla scena teatrale italiana sconvolgendo il pubblico per l’’audacia del tema trattato, per la struttura innovativa del dramma, per lo scardinamento dei meccanismi tradizionali. Con questo testo nasce il grande teatro pirandelliano e un nuovo modo di fare teatro che verrà sviluppato in diverse direzioni nel corso del Novecento. Il nostro lavoro propone una panoramica sia testuale che scenica di questo capolavoro, sottolineando come la sua ricchezza lo renda un testo dagli inesauribili spunti interpretativi. Ne seguiremo le linee fondamentali per tracciare un’’analisi che metta in risalto la complessità di un dramma che, nonostante gli otto decenni di presenza costante sui palcoscenici di tutto il mondo, mantiene ancora intatto il suo fascino misterioso. La nostra analisi si svilupperà su tre diversi piani: la biografia di Pirandello, la Parola dell’’Autore, e, infine, l’’interpretazione ad essa data dai principali allestimenti del testo. Ci siamo avvalsi dello studio di differenti tipologie di fonti, a seconda delle necessità analitiche richieste dalle varie prospettive di studio. Abbiamo deciso di iniziare la nostra indagine dalla biografia dello scrittore siciliano: una scelta suggerita dalle parole da lui spesso ripetute, «ciò che scrivo è il contenuto della mia vita» 2 . Nel tracciare la genesi di Così è (se vi pare) c i s i a m o r e s i c o n t o d i c o m e l a v i t a p r i v a t a d i P i r a n d e l l o n o n semplicemente abbia influenzato le sue tematiche, ma ne sia stata l’’origine stessa. Il I capitolo, dunque, riporta le vicende più significative della sua vita, allo scopo di mostrarne il percorso di avvicinameto alla scrittura drammatica: 1 Il figlio prigioniero –– Carteggio tra Luigi e Stefano Pirandello durante la guerra 1915-1918, a cura di A. PIRANDELLO, Milano, Mondadori, 2005, p. 191. 2 M. MANAIRA, Interviste a Pirandello: parole da dire, uomo, ad altri uomini, a cura di I. PUPO, Soverina Mannelli, Rubbettino Editore, 2002, p. 319.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Doati Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3363 click dal 14/09/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.