Skip to content

Studio Idrogeochimico e Mineralogico delle aree minerarie di Su Suergiu (Villasalto) e Monte Narba (San Vito)

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Cuzzocrea
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze della Terra
  Relatore: Rosa Cidu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

Nella regione sarda, dal Neolitico ad oggi, si è susseguita un’ incensante attività mineraria che ha portato all’estrazione di diverse tipologie di minerali di prima e seconda categoria. I resti visibili e tangibili di questa attività sono diventati patrimonio dell’Unesco con l’istituzione del Parco GeoMinerario della Regione Autonoma della Sardegna. In queste aree sono state riconosciute differenti tipologie di inquinamento dove il P.R.A.E. riconosce e delibera delle linee guida su come intervenire per poter minimizzare le diverse tipologie di impatto ambientale che continuano a persistere nel territorio sardo. Prendendo in considerazione le due aree argomento di questa tesi, Su Suergiu e Monte Narba, si cercherà di determinare la composizione mineralogica dei campioni solidi attraverso delle analisi diffrattometriche. Sulle aliquote prelevate dai campioni originali verranno effettuati dei test di lisciviazione a tempi differenti. Le soluzioni ottenute dai test
di lisciviazione verranno sottoposte ad analisi chimiche quantitative attraverso l’uso di strumenti spettroscopici per ricercare quali specie ioniche possano passare in soluzione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Per caratteristiche ambientali e aspetti geominerari, il territorio della Sardegna ha mostrato una forte vocazione mineraria che si è manifestata, dai tempi più remoti sino agli anni più recenti, con un intenso sfruttamento minerario. Il gran numero di miniere di diverso valore produttivo, scientifico e culturale, sparse per tutta l’isola, ne è la testimonianza. La Sardegna rappresenta un caso pressoché unico nel panorama mondiale dell’attività mineraria, non solo in considerazione della sua durata plurisecolare, estesa in un arco di oltre duemila anni, senza considerare l’estrazione dell’ossidiana risalente all’epoca neolitica, ma anche per la varietà delle produzioni, comprendenti l’intera gamma delle sostanze minerali: metallifere (piombo, zinco, rame, argento, oro, stagno, molibdeno), industriali (sabbie quarzifere, argille bentoniche e refrattarie, barite, fluorite, caolino, feldspati, talco, ocre), e litoidi (lapidei ornamentali, materiali per l’edilizia). Durante il lunghissimo periodo di esercizio, l’attività mineraria, storicamente poco attenta all’impatto ambientale, oltre a modificare i lineamenti del paesaggio naturale con la realizzazione di scavi a cielo aperto e imbocchi di gallerie sotterranee, ha prodotto grandi quantità di materiali. Questi, portati in superficie, venivano accantonati come “sterili di miniera” o “minerali utili” alla produzione. A tal fine subivano, in prossimità dell’area mineraria, un trattamento di arricchimento o un processo per la produzione di metalli, dai quali si originavano i cosiddetti “ residui minerari”. La complessa e lunga attività produttiva, ha portato nel tempo a una profonda modificazione dello stato dei luoghi, caratterizzata dalla presenza non solo d’infrastrutture (macchinari e fabbricati) ma anche e soprattutto di numerose aree nelle quali venivano stoccati provvisoriamente o definitivamente materiali, la cui natura comprende le “rocce inerti”, gli “ sterili di miniera”, “minerali poveri” e “fini di lavorazione mineraria”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geochimica
mineralogia
piombo
idrogeochimica
miniera
antimonio
test lisciviazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi