Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto della crisi finanziaria 2008-2009 sul mercato automobilistico globale

Nel presente elaborato si è tentato di spiegare in che modo la crisi finanziaria del biennio 2008-2009 abbia influenzato le dinamiche economiche dei principali mercati automobilistici mondiali.
A partire dalla correlazione tra macroeconomia e settore automobilistico, fino all'analisi dettagliata dei singoli mercati nazionali, il lavoro cerca di strutturarsi come una guida per comprendere gli avvenimenti più importanti nel settore e le cause stesse che hanno determinato tali avvenimenti. Inoltre si tenta di scoprire i meccanismi di difesa, posti in essere dai diversi organi governativi nazionali e sovranazionali per rimediare a una crisi globale di rilevanza storica.
Nel primo capitolo si analizza la crisi finanziaria ed economica a livello generale. L'analisi iniziale si concentra sulle difficoltà del mercato immobiliare statunitense, per dimostrare come gli effetti della crisi in questo settore abbiano influenzato i principali agenti economici ( assicurazioni, banche, borse ) a livello nazionale, per poi espandersi a
livello globale, fino a toccare tutti settori compreso il mercato protagonista della nostra analisi.
Il capitolo prosegue analizzando la correlazione tra economia e mercato automobilistico, concentrandosi sulle caratteristiche strutturali di quest'ultimo, e sulle più importanti variabili esogene in grado di mutarne l'andamento.
Il secondo capitolo tratta in maniera dettagliata il mercato automotive che più ha risentito del disastroso impatto della crisi finanziaria, quello statunitense, analizzando in che modo una flessione nel settore influenzi l'intera economia nazionale e viceversa.
Il terzo capitolo prende in considerazione i mercati automobilistici delle nazioni asiatiche, concentrando l'attenzione sui mercati più importanti del continente: quello giapponese e quello cinese.
Nel quarto capitolo si analizza il mercato automobilistico europeo a livello strutturale, per poi approfondire gli avvenimenti dei principali mercati del vecchio continente: Gran Bretagna, Germania, Francia e infine Italia.
Il quinto e ultimo capitolo presenta una sintesi statistica dei dati economici di mercati nazionali meno importanti di quelli analizzati, ma che meritano comunque di essere presi in considerazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 “CRISI ECONOMICA E MERCATO DELL'AUTO” 1.1 LA CRISI ECONOMICA DEL BIENNIO 2008 - 2009 La crisi finanziaria, che ha colpito le economie dei Paesi economicamente avanzati ha interessato il mercato dell'automobile e la maggior parte dei mercati ha radici molto lontane. Il 2008 e il 2009 sono anni in cui famiglie, imprese e nazioni hanno subito rilevanti cambiamenti nella gestione delle risorse economiche ma bisogna partire dai primi anni del 2000 per spiegare l'evoluzione della crisi che ha condotto a una situazione così delicata l'intero sistema economico. Nell'ultimo decennio alcuni dei Paesi economicamente all'avanguardia – in particolare gli USA - hanno visto una crescita esponenziale dei debiti delle famiglie. Queste, a partire dall'acquisto di case, automobili fino ad arrivare ai prodotti elettronici, all'abbigliamento, nonché all'istruzione per i propri figli, hanno dovuto ricorrere ai prestiti delle banche che hanno “dopato” il sistema sostenendo lo sviluppo del consumo e quindi la produzione industriale. Parallelamente all'aumento del consumo e della produzione è aumentato anche il rischio che le famiglie non riuscissero a sanare i propri debiti. Banche e assicurazioni si sono scambiate tali rischi, finendo per distribuirli negli investimenti dei risparmiatori, illudendosi di porre rimedio a questa complessa situazione che nel lungo periodo non ha più retto, portando al collasso tutto il sistema economico. Tutto ebbe inizio con la crescita delle domande nel mercato immobiliare statunitense. Le banche sostenevano la spesa delle famiglie che a loro volta sostenevano significativamente la domanda di immobili. Le case di proprietà negli USA erano passate dal 64% del 1994 al 69%(record) del 2006 incrementando del 124% i valori reali dei prezzi di tali beni in soli nove anni. 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Roberto Salerno Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2314 click dal 09/07/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.