Skip to content

La cartolarizzazione dei mutui ipotecari per la gestione dei crediti in sofferenza

Informazioni tesi

  Autore: Rossana Brembilla
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Bancaria, Finanziaria ed Assicurativa
  Relatore: Lucia Gibilaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

La cartolarizzazione dei crediti consiste nella trasformazione di attività tipicamente illiquide in strumenti mobiliari negoziabili sui mercati finanziari. Alla base del suo funzionamento vi è la cessione, da parte di un intermediario finanziario, dei propri crediti ad una società veicolo, la quale ne finanzia l’acquisizione emettendo titoli mobiliari che vengono negoziati sul mercato.
La cartolarizzazione nasce nel 1970 in America come modalità alternativa di funding: la necessità di risorse finanziarie per la concessione di nuovi finanziamenti venne soddisfatta ricorrendo allo smobilizzo dei crediti ipotecari esistenti.
In Italia tale istituto viene disciplinato con l’introduzione della legge 130/99. Il suo utilizzo venne adattato alle esigenze contingenti di rimozione dal bilancio bancario dei crediti in sofferenza. Ciò è confermato anche da particolari agevolazioni fiscali che hanno permesso di distribuire su più esercizi la perdita derivante dalla cessione di tali prestiti. La cartolarizzazione di crediti in sofferenza ha riguardato soprattutto mutui ipotecari, in quanto si tratta di un’attività garantita: la presenza di un’ipoteca assicura l’ottenimento di flussi di cassa, e potrebbe pertanto non condurre a perdite. Tra le varie soluzioni a cui una banca può ricorrere per gestire il problema delle sofferenze, la securitisation presenta dunque evidenti vantaggi.
Il suo impiego ha consentito inoltre un miglioramento della redditività complessiva della banca, conseguente alla rimozione di crediti deteriorati, un migliore rispetto degli obblighi di vigilanza e il contenimento dei costi connessi, e una migliore gestione dei rischi tipici dell’attività bancaria. Tra questi, la cartolarizzazione consente innanzitutto la rimozione di parte del rischio di credito, che viene frazionato, ma non totalmente annullato, e distribuito su soggetti disposti ad assumerlo.
L’acquisto di titoli ABS ha costituito per numerosi investitori un’ottima opportunità di investimento. Gli investitori rappresentano i soggetti che, mediante l’acquisto dei valori mobiliari, forniscono un supporto finanziario all’operazione. L’attrattiva per gli investitori dipende da una combinazione ottimale che tali titoli offrono in termini di rendimento e rischio.
Nonostante evidenti benefici, la cartolarizzazione è considerata un’operazione pericolosa: il suo utilizzo genera nuovi ed incontrollabili rischi, che potrebbero comprometterne l’attività futura. Un suo impiego per l’eliminazione dal bilancio bancario di crediti deteriorati deve inoltre essere valutato in un’ottica di straordinaria pulizia di bilancio, e dunque essere necessariamente accompagnato dall’impegno alla rimozione delle cause che hanno provocato un così elevato livello di sofferenze.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La cartolarizzazione dei crediti ipotecari si inserisce in un contesto di riassetto competitivo richiesto al sistema bancario italiano nel corso degli anni ’90. In questa situazione la cartolarizzazione risulta essere uno strumento capace di gestire problematiche connesse alla remunerazione ed adeguatezza del capitale in considerazione dei rischi assunti e dei vincoli imposti dall’Accordo di Basilea, all’ottenimento di nuove risorse per la concessione di nuovi finanziamenti e al miglioramento del bilancio bancario, con la cessione di prestiti in sofferenza. Tale tecnica consente quindi di conseguire indubbi vantaggi in termini di risorse a disposizione delle banche per l’erogazione di nuovi finanziamenti e maggiore qualità del portafoglio prestiti, di riduzione della rischiosità dell’attivo e conseguentemente di minore assorbimento del capitale di vigilanza. La nascita di questo istituto risale al 1970 in America 1 , quando il boom di acquisto di immobili residenziali 2 ha reso evidente l’inadeguatezza del capitale a disposizione degli istituti di credito americani, le savings and loan institutions 3 , per la concessione di nuovi finanziamenti. La raccolta tradizionale non sarebbe riuscita a garantire l’ottenimento del capitale necessario per soddisfare l’accresciuta domanda. Da questa situazione emerge la necessità di ricorrere allo smobilizzo dei crediti ipotecari esistenti, per permettere l’afflusso nel bilancio bancario di risorse disponibili per l’erogazione di nuovi finanziamenti. Le prime operazioni di cartolarizzazione vennero dunque progettate sui flussi finanziari derivanti da mutui ipotecari. La cartolarizzazione in Italia viene disciplinata con l’introduzione della legge 130/99 che recepisce nel nostro ordinamento l’istituto della securitization, ispirato all’esperienza del mondo anglosassone e già diffuso ormai da due decenni. Tale norma è stata successivamente aggiornata con l’approvazione della legge 80/2005 che ha portato all’introduzione di articoli 4 recanti disposizioni in materia di obbligazioni bancarie garantite e di norme applicabili alla costituzione di patrimoni. 1 De Angeli S., Oriani M. (2000), La securitization dei crediti bancari, Franco Angeli, Milano, pag.27. 2 “Le persone nate all’epoca della cosiddetta baby boom generation, infatti, erano ormai prossime all’età del matrimonio e avrebbero significativamente incrementato la domanda di abitazioni”. De Angeli S., Oriani M., op. cit., pag.27 3 Istituzioni degli anni ’70 che prendevano a prestito fondi dai risparmiatori e impiegavano le risorse finanziarie acquisite in finanziamenti, che mantenevano in portafoglio fino a scadenza. 4 Inserimento degli articoli 7bis e 7 ter

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cartolarizzazione
securitisation
abs
mutuo
mutui ipotecari
legge 130/99

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi