Skip to content

La sindrome del colon irritabile come disturbo di somatizzazione

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Pica
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia clinica e della salute
  Relatore: Stefano Lera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 212

La sindrome del colon irritabile (Irritable Bowel Syndrome, IBS) è un disturbo molto frequente nei contesti sanitari e nella popolazione generale, che crea notevole disagio e che influenza negativamente la qualità della vita di chi convive con esso. Vari tentativi sono stati messi a punto fin’ora per comprendere una patologia che sfugge alla classica visione biomedica della malattia, che non ha una patofisiologia chiara e che per questo viene definita come disturbo gastrointestinale funzionale. Come disturbo così diffuso e che crea un simile disagio quotidiano risulta di rilevanza clinica cercare di approfondire i fattori in gioco per poter intervenire in modo efficace e mirato.
L’obiettivo del presente lavoro è quindi quello di entrare approfonditamente dentro la patologia per scoprire quali sono tutti i fattori in gioco e cercare di ipotizzare come si combinano tra loro. Così facendo si vuole dimostrare che l’IBS, così come tutti i disturbi funzionali di cui fa parte, non possono essere compresi se non all’interno di un modello integrato. Il contesto in cui il disturbo è inserito è quello della somatizzazione, intesa qui nel suo senso generale di tendenza a esprimere a livello somatico un disagio psicologico che poi può prendere diverse forme in base a come interagisce con vulnerabilità organiche, fattori ereditari e ambientali e che viene usata come sinonimo di Medically Unexplained Symptoms (MUS) e disturbi somatici funzionali. La rassegna presente è volta a dare ragione a queste analogie.
Si è scelto di affrontare il tema sotto l’aspetto di una rassegna dei contributi teorici sull’argomento: nel primo capitolo si illustrano le caratteristiche cliniche del disturbo, per fornire una panoramica delle principali componenti, la sintomatologia, la diagnosi, la terapia. Nel secondo capitolo si inizia ad affrontare la contestualizzazione dell’IBS all’interno del modello biopsicosociale, mostrando quanto sia frequente trovare una determinata serie di disturbi in comorbidità e vedendo quanto abbia in comune con gli altri MUS.
Una volta contestualizzato l’IBS all’interno dei MUS, nel terzo capitolo si entra più in profondità e vediamo quali sono i vari fattori psicologici in gioco nell’IBS che possono contribuire al suo esordio e mantenimento. Nel quarto capitolo si affronta l’IBS e i MUS nell’ottica del rapporto medico-paziente, sottolineando quanto questo sia importante nell’influenzare la condizione clinica.
Infine nel quinto capitolo si osservano i criteri diagnostici attuali dei distrurbi MUS e si passano in rassegna le varie ipotesti che sono state fatte per modificare gli attuali criteri diagnostici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. La Sindrome del Colon Irritabile (IBS) 1.1 Presentazione clinica Quella che noi adesso chiamiamo Sindrome del Colon Irritabile (IBS) indica un quadro sintomatologico che in passato è stato denominato in molti altri modi nel corso degli anni: colite spastica, colite mucosa, colite nervosa, ma col progredire degli studi il termine colite è sembrato sempre meno appropriato, poiché denota un processo infiammatorio che non ha nulla a che vedere con la sindrome in questione. L’IBS è stata infatti definita un disturbo gastrointestinale funzionale, che non implica quindi infiammazione a carico della mucosa ma soltanto disordini di tipo funzionale, come dolore addominale e alterazioni nella motilità intestinale. Difatti non sembra possibile identificare nessuna anormalità a livello fisico, radiologico o di altri esami di laboratorio. Inoltre quei termini tendevano a designare un’unica entità fisiopatologica, mentre adesso parliamo proprio di sindrome per caratterizzare una patologia multifattoriale e dal quadro sintomatico molto vario. Alcuni autori tuttavia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ansia
colon
ipocondria
diarrea
colon irritabile
colite
stipsi
meteorismo
dolori addominali
irregolarità intestinale
paura delle malattie
tumore al colon

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi