Skip to content

Applicazione del Trust nel Diritto Societario

Informazioni tesi

  Autore: Paola Elena Cerno
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Fabio Emilio Ziccardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Il trust è un istituto del sistema giuridico anglosassone di common law cui l’Italia si è obbligata a dare riconoscimento a seguito della ratifica della Convenzione dell’Aja del 1° luglio 1985, con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989 ed entrata in vigore il 1° gennaio 1992.
Il trust si concretizza attraverso il trasferimento di alcuni beni o diritti per atto tra vivi o mortis causa dal settlor al trustee; quest’ultimo li amministra secondo quanto stabilito dal disponente nel deed of trust, e nell’interesse del beneficiario, ovvero per uno scopo prestabilito.
L’approccio dei professionisti al trust è stato talora entusiastico ed operativo, talaltra più critico ed incerto; inoltre l’istituto ha suscitato in dottrina un acceso dibattito tra fautori ed oppositori, principalmente in merito al suo utilizzo nella vita economica e giuridica, per finalità sia private che di carattere imprenditoriale, oltre che per la sua classica connotazione di strumento per la protezione dei patrimoni nel passaggio generazionale.
Nonostante la discussione non si sia ancora del tutto esaurita, l’istituto ha ricevuto un generale assenso, suffragato dalla giurisprudenza.
Tra le ragioni per cui il trust ha avuto un ampio successo tra i suoi sostenitori vi è la flessibilità che esso offre nel perseguire alcune finalità, altrimenti solo in parte raggiungibili; ciò è possibile grazie all’eterogeneità e alla versatilità dello strumento ed alla possibilità di utilizzarlo in diversi settori come quello patrimoniale familiare, quello societario, quello bancario, e in materia di scambi internazionali.
Gli oppositori all’istituto ed in particolare al trust interno, ossia al trust che ha tutti gli elementi del rapporto riconducibili all’ordinamento italiano ed in cui l’unico elemento d’estraneità è la legge applicabile, rimproverano invece al trust di essere uno strumento non trasparente e, soprattutto, ritengono che un negozio giuridico con tutti gli elementi riconducibili ad un ordinamento debba essere disciplinato secondo gli strumenti giuridici propri di quell’ordinamento.
Il presente elaborato presenta l’istituto del trust accennando alle origini del medesimo in seno all’ordinamento inglese ed esaminando i tratti salienti della Convenzione dell’Aja.
Il secondo capitolo studia la disciplina del trust nell’ordinamento italiano, con un primo riferimento ai profili di diritto internazionale privato. Si esamina poi la legittimità del trust interno e come viene risolta la questione della responsabilità patrimoniale. Il capitolo si conclude con la trattazione dell’istituto della fiducia, che è l’istituto dell’ordinamento italiano più vicino al trust.
Nel terzo capitolo viene esaminato l’utilizzo del trust in ambito societario, in particolare si parla dei voting trust, delle stock options, dei trust azionari, e dei business trust, per evidenziare la poliedricità dell’istituto; ci si sofferma inoltre sulle analogie e le differenze tra il trust e i patrimoni destinati ad uno specifico affare.
I profili trattati principalmente sono quelli di natura economica e finanziaria; il capitolo esamina anche quali possano essere gli utilizzi dell’istituto in esame nelle operazioni di commercio internazionale e quali gli utilizzi per un imprenditore, menzionando il fondo patrimoniale quale strumento proprio dell’ordinamento italiano. Il capitolo si conclude con un accenno ai profili fiscali che si sono delineati negli ultimi anni.
Infine, nell’ultimo capitolo viene presentata una ricerca sugli utilizzi più frequenti del trust rilevati tra gli operatori del settore; vengono inoltre presentate le ultime novità legislative.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I Origini del trust e la ratifica della Convenzione dell’Aja 1.1 Alcuni cenni sulle origini del trust Per comprendere l’istituto del trust sembra opportuno fare riferimento al sistema in cui è nata questa figura, ossia il sistema giuridico anglosassone di common law, ed, in particolare, il sistema della law of property inglese. La law of property nel diritto inglese L’Inghilterra fu, per Guglielmo il Conquistatore e per i suoi seguaci, una terra di conquista. Dagli effetti di quest’ultima nascono le concezioni base della law of property, di cui la fondamentale stabilisce che tutta la terra è di proprietà del Re e di nessun altro 1 . Il Re, unico proprietario e Lord, assegna le terre mediante un atto unilaterale di concessione ai nobili locali posti sotto di lui, che diventano tenants, i quali a loro volta assegnano il fondo in sub-concessione a soggetti loro sottoposti; questi ultimi diventano i tenants di colui che ha concesso il fondo, che a sua volta diventa il lord; nel caso concedessero la terra ad altri tenants, diventerebbero loro stessi dei lord; e così a seguire. Solo il Re è sempre lord e mai tenant. Il rapporto giuridico nascente da tale concessione unilaterale tra il lord ed il tenant si chiama free tenure 2 ; esso non determina alcun trasferimento immobiliare ma solo l’attribuzione di un ampio potere di usare e godere del fondo. Il diritto di godere del fondo è attribuito al free tenant e la durata risulta essere indefinita, sebbene limitata nel tempo. I diversi tipi di free tenure si distinguono proprio in base alla durata, e sono: - il fee simple, in cui il godimento spetta a Tizio ed ai suoi eredi; - il life estate, in cui il godimento spetta a Tizio per la durata della sua vita, ma ove i poteri di godimento sono più limitati rispetto alle altre due ipotesi; - il fee tail, in cui il godimento spetta ad un soggetto e, dopo la sua morte, ad una certa classe di soggetti designati 3 . 1 LUPOI, Appunti sulla real property e sul trust nel diritto inglese, Milano, Giuffrè, 1971, pag. 7. 2 “l’aggettivo “free” indica che la sottoposizione del tenant al lord è priva di ogni connotazione servile, ma si fonda sul rapporto gerarchico nobiliare feudale,così LUPOI, Appunti sulla real property, cit., pagg. 13 ss. 3 LUPOI, Appunti sulla real property, cit., pag. 56 ss. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

common law
project financing
equity
convenzione dell'aja
trust
fiducia
commercio internazionale
stock option
patrimoni destinati
black list
fondo patrimoniale
passaggio generazionale
responsabilità patrimoniale
trust societario
business trust
security trust
garanzia di un finanziamento
countertrade
voting trust
lupoi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi