Skip to content

La città nell’orto. Analisi esplorativa degli orti urbani di Mirafiori sud per un progetto di riqualificazione “dal basso”.

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Baldo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Egidio Dansero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 243

La ricerca nasce dalla necessità di conoscere gli attori ed esplorare il territorio degli orti urbani di Strada del Drosso in Mirafiori sud (Torino), in vista di un allargamento della fruizione dell’area a tutta la cittadinanza. Nasce in collaborazione con la Cooperativa Biloba, che da circa due anni porta avanti un progetto di ricerca-azione (MiraOrti) con gli ortolani del quartiere; la cooperativa necessitava di un contributo sociologico, inizialmente qualitativo, di analisi sulla propensione degli attori nel condividere spazi e pratiche e nel partecipare alla costituzione di un’associazione che sapesse gestire il territorio, nel contempo riqualificato per divenire “Parco Agricolo”. In questa tesi si va dunque a valutare se le intuizioni sui metodi alternativi di riqualificazione territoriale “dal basso” sono ben connesse con i bisogni, le possibilità, le attitudini e le competenze degli attori che attualmente vivono questo territorio.
In questo lavoro si effettuano una serie di tentativi con un preciso approccio metodologico, costruito nell’intersezione di due discipline, sociologia e geografia, individuate come quelle maggiormente adatte a studiare il fenomeno. La geografia perché in grado di offrire una prospettiva spazializzata del fenomeno e di qualificarne la produzione di territorio; la sociologia in quanto necessaria ad indagare negli attori le percezioni, le intenzioni ed il loro confluire in tale produzione. Nel secondo capitolo ci si avvale anche dei contenuti di un’altra disciplina, l’antropologia, per comprendere da una terza prospettiva la necessità di “territorializzazione”, intesa come appropriazione di un territorio che possa costituire un riferimento da cui partire alla ricerca di un senso del luogo.
Oltre la ricostruzione storica di ciò che l’orticoltura urbana ha rappresentato nelle vicende umane, si dà in questo lavoro un tentativo di definizione del fenomeno, delle funzioni cui assolve oggigiorno (sociali, paesaggistiche, pedagogiche) ed una raffigurazione socio-spaziale del contesto in cui si sviluppa: lo sprawling urbano; si è ritenuto infatti opportuno ragionare sullo spiazzamento che questo fenomeno comporta nella percezione del rapporto fra le periferie delle città e le zone agricole, sia a livello topografico che sociale.
Ci si addentra poi all’interno del contesto in cui avviene la ricerca, quello torinese e, ancor più nello specifico, quello del quartiere Mirafiori Sud in cui, oltre che esser presente un’ampia porzione di terreno adibita ad orti urbani “spontanei”, esiste un progetto di riqualificazione dell’area. Vengono dunque presentati il progetto ufficiale, della Provincia di Torino, e quello “alternativo”, MiraOrti.
In tale scenario parte la ricerca empirica vera e propria, condotta su venti interviste non strutturate.
L’ipotesi che scaturisce da questo lavoro è che il progetto MiraOrti non solo sia auspicabile, considerata l’alternativa, per evitare l’anonimato di un’area, ma sia possibile, viste le tendenze studiate nella popolazione in esame, una popolazione con ottime capacità di “creazione” del territorio. Se di quest’autogestione auspicata si trova riscontro, meno tracce però si trovano di quella “partecipazione collettiva” che aiuterebbe ad attuarla in maniera condivisa ed equilibrata. L’autogestione, senza il giusto supporto, rischia di rimanere una pratica individuale e di creare diseguaglianze.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Note alla redazione Il lavoro nasce all’interno di uno scenario non sociologico, bensì pedagogico, di partecipazione fortuita da “esterno” ad un progetto di cui sarei poi divenuto collaboratore interno. Seguendo, in quanto educatore professionale, un minore dimorante nella zona Mirafiori sud della città di Torino, mi sono ritrovato a cercare, per attitudini che riguardano il ragazzino in questione, un’attività/laboratorio di orticoltura ed uno spazio a questa dedicato. La mia ricerca è, per ovvie ragioni di comodità, partita dal web ed ha rintracciato presto una risposta calzante: il blog di MiraOrti. Questo canale, oltre che offrirmi un panorama delle attività pregresse ed in corso nella zona perifluviale in cui si svolge il progetto, mi ha permesso di instaurare una buona comunicazione con gli “addetti ai lavori”: la Cooperativa Biloba. Da qui è partita un’attività, tutt’ora in corso, con il minore, in cui egli ha potuto, affiancato da Isabella, Stefano e Luca della Cooperativa, sperimentarsi nella messa a dimora di alcune piantine nell’orto “collettivo”, l’orto che la Cooperativa mantiene privo di barriere (in una posizione che favorisce la visibilità, oltre che la partecipazione) e nell’“orto di Elvira”, orto “privato” che una anziana e brillante vedova ha messo disposizione della Cooperativa e della “volenterosa gioventù” che può aiutarla nel ripulirlo sfruttandone la terra e collaudando i primi aneliti di condivisione e lavoro comune. In uno dei primi episodi che mi hanno visto all’orto in qualità di educatore ho appreso che l’orto in cui conducevo e conduco l’educando a vivere un’esperienza costruttiva, è una realtà non autorizzata, terreno pubblico abusivamente ritagliato in quanto non destinato ad altri usi. In merito a tale scelta il mio feedback è stato positivo, in quanto da sempre questi orti spontanei 1 “strappati” all’abbandono pubblico hanno fatto parte del mio immaginario, fatto anche di qualche esperienza di ritrovo sociale all’interno di tali spazi; la risposta del minore è stata più incredula, quasi affascinato dal carattere proibito di questa sua nuova attività. Ai miei appuntamenti settimanali come educatore hanno dunque man mano cominciato ad affiancarsi altri come collaboratore del Progetto MiraOrti, in veste di aspirante sociologo, inserendomi io in un momento in cui era alle porte una necessaria indagine sul campo, a seguito di un lungo periodo di conoscenza di una parte del contesto e di alcuni attori (con tutti i presupposti di una ricerca-azione) ed in vista della costruzione di alternative possibili ad una riqualificazione urbana, presumibilmente devastante dal punto di vista sociale e lontana dalle esigenze del territorio. I miei “mercoledì con MiraOrti” sono cominciati a fine Novembre 2011 ed hanno visto partecipe un equipe di 4 elementi composta di un paesaggista, un architetto, un’agronoma (Presidente della Cooperativa) ed appunto un laureando in Sociologia; i primi incontri sono serviti alla 1 Si è preferito usare il termine “orti spontanei” a “orti abusivi” perché più neutro, senza la connotazione negativa dell’abuso, anche perché si potrebbe parlare di abuso vero e proprio in un luogo in cui la legge viene esercitata; in queste aree invece la legalità entra di rado. I due termini indicano comunque lo stesso concetto: un’appropriazione non organizzata e non regolamentata di un lotto di terra di non proprietà usato per la produzione di frutta e verdura destinata principalmente all’autoconsumo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

torino
territorio
riqualificazione
mirafiori
analisi esplorativa
orti urbani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi