Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diffusione della struttura divisionale: il caso Italiano

La tesi si basa sullo studio dell'evoluzione della struttura organizzativa divisionale nel tempo, partendo da Chandler fino ai giorni nostri.
Si inizia con un focus sugli stati uniti, patria natia di questa struttura, ma il lavoro mira ad analizzare il trend europeo e soprattutto quello Italiano.
E' stata anche svolta una ricerca sulle prime 50 aziende italiane per fatturato in modo da suddividerle per struttura adottata.
Tutti i trend analizzati, poi sono stati confrontati con quelli Tedeschi e Francesi in modo da avere una visione più ampia della situazione italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
LA DIFFUSIONE DELLA STRUTTURA DIVISIONALE: IL CASO ITALIANO CAPITOLO 1: INTRODUZIONE ALLA TESI La tesi che ho svolto si basa sullo studio della struttura divisionale nel tempo, partendo da Chandler fino ai giorni nostri, seguendone l’evoluzione. Si è dovuto iniziare con un focus sugli Stati Uniti, patria natia di questa struttura, ma il lavoro mira a seguire gli sviluppi e i trend in Europa ed in particolare in Italia, per la quale ho svolto una ricerca empirica sulle prime cinquanta maggiori aziende Italiane per fatturato classificandole secondo la struttura divisionale adottata. Per far ciò ho dovuto analizzare singolarmente i singoli report annuali delle varie aziende italiane in modo da suddividere al meglio, senza però trovare difficoltà durante la loro lettura e la comprensione, perché molte di esse riportavano solamente degli organigrammi riguardanti la struttura, altri invece, a mio parere, erano esplicitate in maniera molto esaustiva. Successivamente ho eseguito una ricerca sui rispettivi trend organizzativi in Germania, Francia, e Gran Bretagna, durante gli anni di maggiore sviluppo della struttura organizzativa, messi a confronto, poi, con quelli italiani, sempre riferiti a quegli anni. Prima dell’analisi empirica ho effettuato una ricerca su alcuni articoli in lingua madre di Neil Fligstein e su riviste come “Studi organizzativi” e “sviluppo e organizzazione”. Tra questi mi sono riferito in particolare all’articolo di Richard L. Daft “come progettare le organizzazioni”, che mi ha permesso di riportare delle considerazioni contemporanee riguardo a questo tipo di struttura organizzativa. -La diffusione della struttura divisionale: Il caso Italiano- 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Galli Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2700 click dal 26/09/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.