Skip to content

La libertà religiosa nella Costituzione

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Devigili
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maurizio Pedrazza Gorlero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

Le questioni connesse al diritto di libertà religiosa erano tradizionalmente quelle dell’emersione, del riconoscimento costituzionale, dell’impatto dei culti acattolici e dell’ateismo in una società sostanzialmente omologa e a maggioranza cattolica come quella italiana.
Emergevano in anni più vicini a noi le questioni relative ad una tendenziale secolarizzazione della società italiana, con la discussione e l’opposizione rivolta verso una serie di norme contenenti un favor religionis, in massima parte relativa alla Chiesa cattolica. Nello stesso periodo occorreva prendere posizioni rispetto a fedi non tradizionali (Testimoni di Geova) e a nuovi gruppi di ispirazione religiosa per i quali si poneva la questione della qualificazione in termini di confessioni religiose (Scientology, sette).
Nell’ultimo periodo, in Italia come nel resto del mondo occidentale, la questione religiosa sta suscitando nuove forme di interesse, e di emersione di vicende nuove, connesse ai fenomeni migratori ed al contatto con le più diverse esperienze e fedi religiose; si è sul punto osservato che“negli anni più recenti le problematiche più sentite riguardo alla libertà di religione originano da un lato dagli importanti flussi migratori da paesi extracomunitari che comportano il diffondersi di una ampia varietà di religioni fra la popolazione, e dall’altro dal diffondersi di posizioni laiche nella sfera pubblica”.
Si è così verificato che mentre le singole società autoctone vivevano un progressivo allontanamento dal fenomeno religioso, sia pure con tempi e connotati diversi nei vari Stati, il fenomeno immigratorio e la globalizzazione hanno determinato “un ambiente socio-culturale in repentino cambiamento ove la dimensione religiosa, lungi dall’uscire di scena, riaffiora robusta e prepotente” .
Il fenomeno ha comportato in più Stati la ridefinizione dei rapporti fra Stato e confessioni religiose (Portogallo, Norvegia, Paesi Bassi, Spagna) e l’esame di questioni nuove.
Sono poi emerse nell’ultimo decennio una serie di posizioni relative alla destatalizzazione della questione religiosa (Corte di giustizia e Parlamento Europeo, CEDU, Consiglio d’Europa).
Nei termini del diritto costituzionale, l’emersione delle questioni suindicate pone oggi il problema della effettiva “tenuta” del sistema, al fine di verificare se il diritto di libertà religiosa, faticosamente emerso nella società italiana, poi costituzionalizzato ed infine inverato nelle sentenze della Corte costituzionale e della giurisprudenza, possa illuminare l’opera legislativa.
Lo stesso sistema delle Intese coi culti acattolici, prefigurato dal Costituente e di fatto realizzato nel breve periodo che va dal 1984 (in concomitanza con il Nuovo Accordo con la S. Sede) al 1995, sembra oggi segnare il passo, per le difficoltà concrete di utilizzazione del meccanismo dell’art. 8 Cost. con determinate fedi, tra cui l’Islam e in qualche misura i Testimoni di Geova. E’ recente d’altro canto il contrario avviso della giurisprudenza amministrativa, che ha riconosciuto l’esistenza di un vero e proprio “diritto all’accesso” all’Intesa.
Una pluralità di questioni, poco analizzate nei decenni precedenti, sono emerse dal contatto tra culture: dalla questione della simbologia personale o pubblica (dal velo all’esposizione del crocifisso) al sistema scolastico.
In Italia, a fronte dell’affioramento di odio etnico-religioso (dall’emersione di nuove forme di antisemitismo alle manifestazioni crescenti di xenofobia e anti-islamismo), sia in campo politico che in vari settori della popolazione, si pone con maggiore forza il recupero dei principi costituzionali sotto il profilo del divieto assoluto di discriminazione tratto dai principi costituzionali di uguaglianza e di libertà religiosa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
La libertà religiosa nella Costituzione / Lucia Devigili 1 Introduzione Le questioni connesse al diritto di libertà religiosa erano tradizionalmente quelle dell’emersione, del riconoscimento costituzionale, dell’impatto dei culti acattolici e dell’ateismo in una società sostanzialmente omologa e a maggio- ranza cattolica come quella italiana. Emergevano in anni più vicini a noi le questioni relative ad una tendenziale secolarizzazione della società italiana, con la discussione e l’opposizione ri- volta verso una serie di norme contenenti un favor religionis, in massima parte relativa alla Chiesa cattolica. Nello stesso periodo occorreva prendere posizio- ni rispetto a fedi non tradizionali (Testimoni di Geova) e a nuovi gruppi di i- spirazione religiosa per i quali si poneva la questione della qualificazione in termini di confessioni religiose (Scientology, sette). Nell’ultimo periodo, in Italia come nel resto del mondo occidentale, la questione religiosa sta suscitando nuove forme di interesse, e di emersione di vicende nuove, connesse ai fenomeni migratori ed al contatto con le più diver- se esperienze e fedi religiose; si è sul punto osservato che“negli anni più re- centi le problematiche più sentite riguardo alla libertà di religione originano da un lato dagli importanti flussi migratori da paesi extracomunitari che com- portano il diffondersi di una ampia varietà di religioni fra la popolazione, e dall’altro dal diffondersi di posizioni laiche nella sfera pubblica”. 1 Si è così verificato che mentre le singole società autoctone vivevano un progressivo allontanamento dal fenomeno religioso, sia pure con tempi e con- notati diversi nei vari Stati, il fenomeno immigratorio e la globalizzazione 1 V. ONIDA, M. PEDRAZZA GORLERO, Compendio di diritto costituzionale, Milano, 2009, 113.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

religione
diritto costituzionale
ateismo
obiezione di coscienza
libertà religiosa
costituzione italiana
rapporti tra stato e chiesa
diritto ecclesiastico
libertà di coscienza
culti acattolici
articolo 19 della costituzione
formazione delle coscienze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi