Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli studi linguistici nel Giappone del periodo Meiji

Nel 1868, il Giappone si traformò da Paese feudale a uno Stato moderno. E' la rivoluzione Meiji, una serie di riforme che coinvolsero tutti i campi, dalla politica alla scienza senza trascurare l'aspetto più importante all'epoca, l'istruzione. Nuovi manuali di lingua giapponese vennero introdotti nelle scuole, la linguistica occidentale andò a influenzare inesorabilmente gli studi linguistici cambiandone l'approccio. E' in questa fase che si creò una frattura all'interno di questi studi, dando origine a tre tipologie di manuali lingustici: i manuali influenzati dagli studi occidentali (Yōshiki Nihon Bunten), i manuali influenzati dagli studi del Kokugaku del periodo Edo (Kokugakufū Nihon Bunten) e i manuali che uniscono le due categorie (Secchū Bunten). Fra i linguisti degni di nota i cui lavori sono analizzati in questa tesi, è obbligatorio ricordare Nakane Kiyoshi, Mozume Takami e Otsuki Fumihiko.

Mostra/Nascondi contenuto.
16 1. La nascita degli studi sulla lingua Il periodo Meiji (1868-1912), è contraddistinto dalle numerose riforme che coinvolsero il Giappone trasformandolo da un Paese feudale a un Paese moderno. Il Giappone che fece la sua comparsa nella scena internazionale della seconda metà dell’Ottocento, era un Paese dinamico, alla ricerca di una nuova identità e in continuo movimento verso nuovi canoni che gli consentirono di trovare la chiave per poter accedere in un nuovo mondo, l’Occidente. Tuttavia, le riforme che coinvolsero le sfere della politica e dell’economia, non furono le uniche caratteristiche che rappresentarono questa fase di svolta. Dal lontano mondo occidentale, giunsero nuove idee e nuovi stimoli anche sul fronte degli studi e della ricerca. Le scienze occidentali, tra cui la medicina che già aveva fatto il suo ingresso durante il periodo Edo con i rangaku 蘭学 1 , andò lentamente a sostituire la medicina tradizionale. Ma non solo questo, a fare il suo ingresso in Giappone durante il periodo Meiji, furono anche gli studi umanistici, tra cui la linguistica moderna. Ed è per queste ragioni che gli studi sulla lingua giapponese si affermarono e fiorirono proprio in questo periodo. Tuttavia, questi studi non nacquero casualmente, essi erano strettamente legati al processo di trasformazione a cui il Giappone dell’epoca era sottoposto. Infatti, coloro che portarono alla nascita e all’affermarsi di questi studi appartenevano a ceti molto alti e divennero degli strumenti in mano al potere per poter riuscire a stabilire un nuovo sistema scolastico. In altre parole, in questi primi anni del periodo Meiji, tra le varie riforme, divenne strettamente necessaria una riforma scolastica per poter combattere l’analfabetizzazione, e questi studiosi ebbero un ruolo predominante. Va tenuto presente che la riforma del sistema scolastico era considerata un tema molto delicato, in quanto è attraverso di essa che sarebbe stata aducata la massa appartenente a un nuovo Stato dove l’ideologia stava lentamente cambiando; non più un Giappone che guardava alla Cina, ma un Giappone che si voleva estraniare dall’Asia Orientale e avvicinarsi sempre più 1 Studi olandesi fioriti durante il periodo Edo.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Alessandro Turlon Contatta »

Composta da 287 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1569 click dal 28/09/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.