Skip to content

Analisi economica di un procedimento antitrust: il caso Microsoft

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Cantabene
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Riccardo Martina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

L’obiettivo del lavoro è quello di analizzare, da un punto di vista economico, il più importante caso antitrust degli anni ‘90, ovvero il procedimento intentato dal Dipartimento di Giustizia americano contro Microsoft. Per inquadrare tale procedimento nel giusto contesto abbiamo descritto la nascita e la successiva evoluzione dell’autorità antitrust e quelli che si ritiene siano gli obiettivi che tale autorità dovrebbe perseguire. Sono state, inoltre, brevemente ricostruite le prime indagini dell’Authority contro Microsoft, fino a giungere al procedimento in esame, che viene descritto ponendo in evidenza gli elementi principali su cui è stato incentrato il dibattimento. L’analisi si sofferma sulle motivazioni economiche a fondamento del procedimento antitrust. Gran parte del lavoro è incentrata sull’analisi del mercato rilevante, del problema della condotta predatoria e del tying, e sulla liceità degli exclusive dealings. Ciascun problema è stato esaminato sia da un punto di vista strettamente teorico, rifacendosi alla principale letteratura, che nel contesto del processo. In riferimento a quest’ultimo punto si è dato rilievo sia alle tesi degli economisti intervenuti nel dibattito che a quelle dei numerosi esperti che, pur non avendo preso parte al processo, hanno avanzato le proprie teorie in merito. Infine, sono state esaminate le sanzioni decise dal giudice e le loro conseguenze sul futuro della Microsoft, del settore del software e sul benessere dei consumatori. Si è, inoltre, cercato di individuare i possibili scenari futuri che saranno determinati dai rimedi decisi dalla Corte.
Dall’analisi condotta sono emerse importanti considerazioni sulle modalità e sui problemi evidenziati dal caso in esame e sul ruolo dell’autorità antitrust nella new economy.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I Il processo Microsoft Introduzione “… the Court concludes that Microsoft maintained its monopoly power by anticompetitive means and attempted to monopolize the Web browser market, both in violation of § 2. Microsoft also violated § 1 of the Sherman Act by unlawfully tying its Web browser to its operating system. The facts found do not support the conclusion, however, that the effect of Microsoft’s marketing arrangements with other companies constituted unlawful exclusive dealing under criteria established by leading decision under § 1.”1 Con queste parole il giudice Thomas Penfield Jackson ha dato ragione al Dipartimento di Giustizia e ai 19 Stati americani, che il 18 maggio 1998 avevano denunciato la Microsoft Corporation, ed ha condannato quest’ultima per aver violato le sezioni 1 e 2 dello Sherman Act, ritenendola colpevole di aver instaurato un regime di monopolio e di aver adottato comportamenti lesivi della concorrenza. Nonostante il processo di primo grado si sia concluso con una condanna, la vicenda giudiziaria della Microsoft non è terminata, poiché bisognerà aspettare la sentenza della Corte d’Appello e, successivamente, quella della Corte Suprema per conoscere quale sarà il destino della società di Redmond. In ogni caso questo 1 Conclusion of law, paragrafo 1.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antitrust
exclusive dealing
microsoft
procedimenti antitrust
tying
settore del software
tutela della concorrenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi