Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Musica Elettronica d'Ascolto - Dalla Techno di Detroit alla Techno Inglese

Ricerca storica, tecnica, sociologica e musicologica sulla techno di Detroit e sulla sua influenza in Inghilterra agli inizi degli anni novanta.
Il presente elaborato cercherà di ricostruire tutti gli elementi propri alla musica elettronica d'ascolto con un tragitto teso a individuare nella techno di Detroit la principale fonte ispiratrice. Il progetto indagherà sul collegamento storico e tecnico tra quella che viene anche definita “techno intelligente”, nata nel panorama musicale elettronico inglese nei primi anni Novanta, e le sue radici statunitensi risalenti alla prima metà del decennio precedente. In sostanza il confronto tra techno americana e techno inglese sarà fatto su tre livelli collegati tra loro. Il primo riguardante l'idea stessa di techno, il secondo focalizzato sul rapporto strumentazione/musicista o macchina/uomo, infine, non per importanza, un terzo sugli aspetti formali, compositivi e ritmici.

Mostra/Nascondi contenuto.
MUSICA ELETTRONICA D'ASCOLTO DALLA TECHNO DI DETROIT ALLA TECHNO INGLESE INTRODUZIONE Il presente elaborato cercherà di ricostruire tutti gli elementi propri alla musica elettronica d'ascolto con un tragitto teso a individuare nella techno di Detroit la principale fonte ispiratrice. Il progetto indagherà sul collegamento storico e tecnico tra quella che viene anche definita “techno intelligente”, nata nel panorama musicale elettronico inglese nei primi anni Novanta, e le sue radici statunitensi risalenti alla prima metà del decennio precedente. In sostanza il confronto tra techno americana e techno inglese sarà fatto su tre livelli collegati tra loro. Il primo riguardante l'idea stessa di techno, il secondo focalizzato sul rapporto strumentazione/musicista o macchina/uomo, infine, non per importanza, un terzo sugli aspetti formali, compositivi e ritmici. In generale la musica elettronica contemporanea si nutre del rapporto simbiotico uomo/macchina, ovvero musicista/strumentazione, concetto già ampiamente descritto con diverse modalità espressive dai pionieri elettronici come Edgar Varèse, John Cage, Karlheinz Stockhausen. 1 È in questo spazio in continuo mutamento che la mia ricerca si muove, partendo dall'osservazione della musica techno di Detroit come quel fenomeno che è stato capace, allacciandosi da un lato alla popular music europea a cavallo tra anni Settanta e Ottanta, dall'altro alle sue radici afroamericane, di profilare nuovi metodi compositivi col supporto onnipresente dei nuovi strumenti musicali elettronici e della tecnologia. Sin dalle sue origini la techno ha attivato un percorso di "cannibalismo musicale" basandosi sulla cultura del remix – quell'atto pratico di intervento “in diretta” su materiale musicale originale che viene riassemblato in un 1 C. Zingales, Techno, Storia, Dischi, Protagonisti, Tuttle Edizioni, Camucia, 2011, p. 10 1

Laurea liv.I

Facoltà: Musicologia

Autore: Marco Coluccia Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17773 click dal 01/10/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.