Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

David Maria Turoldo: "Parola, il fiore dell’anima". Dall’impegno sociale alla mistica: O sensi miei…, analisi tematologica di un’opera compendiaria

La Parola turoldiana, concepita come "fiore dell’anima", come Verbo che "era presso Dio", è l’oggetto del seguente lavoro, concepito per dare ulteriori ed approfondite chiavi di lettura alle più belle e imponenti tematiche della poesia di padre David Maria Turoldo. Per dare una primissima idea della Parola turoldiana mi avvalgo di una citazione di Mons. Gianfranco Ravasi, amico fedele del nostro autore:

"La pagina turoldiana è come un intarsio di citazioni,allusioni, ammiccamenti, evocazioni bibliche: il suo è lo spartito della Parola suprema orchestrata in parole. Per usare liberamente un’immagine dello scrittore mistico ebreo Abraham J. Heschel, potremmo dire che ogni poesia di p. David è da esaminare come una foglia alla trasparenza della luce solare: se il tessuto connettivo è la storia e la vicenda personale, il reticolo che sostiene, alimenta e impedisce ogni raggrinzimento o dissolvimento è la Parola divina."

La seguente citazione ci porta immediatamente in contatto con ciò che sono state le tappe fondamentali del nostro lavoro: l’impegno sociale, la mistica – senza però addentrarci nella pura teologia – il linguaggio mistico dell’indicibile e le Sacre Scritture. Questi sono stati i mezzi usati per comprendere appieno la poesia di padre Turoldo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La Parola turoldiana, concepita come «fiore dell’anima» 1 , come Verbo che «era presso Dio», è l’oggetto del seguente lavoro, concepito per dare ulteriori ed approfondite chiavi di lettura alle più belle e imponenti tematiche della poesia di padre David Maria Turoldo. Per dare una primissima idea della Parola turoldiana mi avvalgo di una citazione di Mons. Gianfranco Ravasi, amico fedele del nostro autore: La pagina turoldiana è come un intarsio di citazioni,allusioni, ammiccamenti, evocazioni bibliche: il suo è lo spartito della Parola suprema orchestrata in parole. Per usare liberamente un’immagine dello scrittore mistico ebreo Abraham J. Heschel, potremmo dire che ogni poesia di p. David è da esaminare come una foglia alla trasparenza della luce solare: se il tessuto connettivo è la storia e la vicenda personale, il reticolo che sostiene, alimenta e impedisce ogni raggrinzimento o dissolvimento è la Parola divina. 2 La seguente citazione ci porta immediatamente in contatto con ciò che sono state le tappe fondamentali del nostro lavoro: l’impegno sociale, la mistica – senza però addentrarci nella pura teologia – il linguaggio mistico dell’indicibile e le Sacre Scritture. Questi sono stati i mezzi usati per comprendere appieno la poesia di padre Turoldo. La tesi, infatti, è stata volutamente suddivisa in tre parti, delle quali le prime due "propedeutiche" alla terza: la prima affronta il tema dell’impegno sociale come "radice" della poetica dell’autore in una Milano cattolica della Resistenza che si muove tra regime e antifascismo, nella quale Turoldo è stato fortemente attivo. Conseguentemente alla sua vocazione "attiva" e "partecipativa" i rapporti con le gerarchie ecclesiastiche si fecero più complessi: iniziò per il nostro autore un periodo di allontanamento che lo mise in "viaggio forzato" 1Turoldo D.M., in Merola N. (a cura di), Il poeta e la poesia, Atti del Convegno di Roma, Università «La Sapienza», 8-10 febbraio 1982, diretto da Mario Petrucciani e Giuseppe E. Sanone), Napoli, Liguore Editore, 1986, cit. p.180. 2Ravasi G., Una voce che risuona dal roveto ardente, http://www.finnegans.it/ PDF articoli/ravasi.pdf I

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Valentina Calista Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1088 click dal 09/10/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.