Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio di fattibilità per l'applicazione di un differenziale elettronico su una vettura di formula SAE

Questa tesi si propone lo scopo di analizzare vari tipi di differenziale, dal classico open fino ai differenziali elettronici, passando per quelli autobloccanti; descrivendo, in funzione del tipo di vettura, i vantaggi e gli svantaggi che i vari modelli presentano. Quest’analisi permetterà di realizzare uno studio di fattibilità (in termini sia tecnici che economici) sul montaggio, da parte di una vettura di formula SAE, di un differenziale attivo differente da quello attualmente adoperato (passivo).

Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione La dinamica del veicolo è quella branca dell’ingegneria che si occupa dello studio rigoroso e scientifico dell’autoveicolo. Tale studio ricopre numerosi e differenti aspetti, tutti ugualmente rilevanti ma nello stesso tempo molto diversi per quanto riguarda approccio e sviluppo. Dalla nascita del primo modello di autovettura sino ad oggi sono stati affrontati, evengonotutt’oggistudiati,questivariaspettiassistendoaduncontinuoprogresso in tutti gli ambiti di questa disciplina. Le questioni principali riguardano la resisten- za (o affidabilità), cioè la capacità del veicolo di mantenere i propri organi integri e le proprie prestazioni uguali nel tempo; la guidabilità, ovvero la capacità del veicolo di rispondere fedelmente all’input direzionale del pilota e la facilità nella trasmis- sione dello stesso; la stabilità, ossia la capacità del veicolo di mantenere la propria traiettoria anche in presenza di asperità o disturbi esterni incontrati sul percorso; il comfort, vale a dire la predisposizione del veicolo a mantenere una condizione di benessere portata ad esser turbata dalle irregolarità stradali o ambientali; la po- tenza o motricità, ovverosia la capacità del veicolo di tradurre la coppia motrice in accelerazione longitudinale; il consumo, ovvero il rendimento del veicolo, etc... Nell’ultimo decennio si è assistito all’introduzione di sistemi attivi ovvero sistemi non più esclusivamente meccanici ma comprendenti parti oltre che, appunto, passi- ve (ruote dentate,frizioni,bielle,corone..) anche elettroniche. Tale cambiamento ha migliorato vari aspetti del comportamento del veicolo. Alcunifruttidiquesteinnovazionisonorappresentati: dalsistemaanti-bloccaggio ABS, che evita il bloccaggio delle ruote durante le manovre di frenata di emergen- za; dal sistema di controllo elettronico della rigidezza antirollio (Active Roll Con- trol); dal sistema di incremento di stabilità (Electronic Stability Sistem) che agendo 1

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Flavio Stanzione Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 887 click dal 12/10/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.