Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo della Spagna alla riforma delle Nazioni Unite

Introduzione

La presente trattazione si occuperà della riforma istituzionale delle Nazioni Unite e, in particolare, del ruolo ricoperto dalla Spagna nella questione.
Si è partiti con alcune brevi considerazioni sulla genesi dell’Organizzazione, e sui problemi che essa incontra nel nuovo contesto mondiale del dopo Guerra Fredda (capitolo I).
Si è continuato con un’analisi più complessa del rapporto tra l’istituzione di New York e Madrid (capitolo II).
Una prima parte (paragrafi II.1.1-7) si è soffermata sulla storia recente del Paese, mettendo in luce gli aspetti comuni e, soprattutto, le sue particolarità rispetto al resto delle Nazioni europee.
Una seconda (paragrafi II.2.1-4) ha invece approfondito il contributo della Spagna del passato all’attività delle Nazioni Unite in generale e, successivamente, in due dei suoi organi più importanti, ossia il Consiglio di Sicurezza e l’Assemblea Generale.
Si è passati poi alla questione vera e propria dello studio, la riforma delle Nazioni Unite. Una parte introduttiva ha cercato di tracciare le linee principali del tema, discutendone l’origine, gli sviluppi nel corso degli anni, presentando un elenco rappresentativo delle proposte generali spagnole e non (capitolo III).
Si è terminato il lavoro con l’analisi specifica delle ipotesi avanzate per la riforma del Consiglio e dell’Assemblea, e con uno studio più limitato delle idee presentate per il Consiglio Economico e Sociale, il Consiglio di Amministrazione Fiduciaria, il Segretariato e la Corte Internazionale di Giustizia, naturalmente tentando, per ognuno degli organi considerati, di isolare e sottolineare gli apporti spagnoli (capitolo IV).
Si è infine cercato di trarre le proprie conclusioni sul contributo e sul ruolo che il Paese riveste nello scenario descritto.

Mostra/Nascondi contenuto.
- - V Introduzione La presente trattazione si occuperà della riforma istituzionale delle Nazioni Unite e, in particolare, del ruolo ricoperto dalla Spagna nella questione. Si è partiti con alcune brevi considerazioni sulla genesi dell’Organizzazione, e sui problemi che essa incontra nel nuovo contesto mondiale del dopo Guerra Fredda (capitolo I). Si è continuato con un’analisi più complessa del rapporto tra l’istituzione di New York e Madrid (capitolo II). Una prima parte (paragrafi II.1.1-7) si è soffermata sulla storia recente del Paese, mettendo in luce gli aspetti comuni e, soprattutto, le sue particolarità rispetto al resto delle Nazioni europee. Una seconda (paragrafi II.2.1-4) ha invece approfondito il contributo della Spagna del passato all’attività delle Nazioni Unite in generale e, successivamente, in due dei suoi organi più importanti, ossia il Consiglio di Sicurezza e l’Assemblea Generale. Si è passati poi alla questione vera e propria dello studio, la riforma delle Nazioni Unite. Una parte introduttiva ha cercato di tracciare le linee principali del tema, discutendone l’origine, gli sviluppi nel corso degli anni, presentando un elenco rappresentativo delle proposte generali spagnole e non (capitolo III). Si è terminato il lavoro con l’analisi specifica delle ipotesi avanzate per la riforma del Consiglio e dell’Assemblea, e con uno studio più limitato delle idee presentate per il Consiglio Economico e Sociale, il Consiglio di Amministrazione Fiduciaria, il Segretariato e la Corte Internazionale di Giustizia, naturalmente tentando, per ognuno degli organi considerati, di isolare e sottolineare gli apporti spagnoli (capitolo IV). Si è infine cercato di trarre le proprie conclusioni sul contributo e sul ruolo che il Paese riveste nello scenario descritto.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Yuri Gatto Contatta »

Composta da 252 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1096 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.