Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fine dei pasti a buon mercato: le cause della tendenza all'aumento e dei recenti picchi dei prezzi delle materie prime alimentari e le modalità di impatto sul benessere di intere popolazioni

Le serie storiche sugli indici dei prezzi internazionali reali di cereali ed altre materie prime alimentari esibiscono un trend crescente dal 2002-2004 ad oggi e valori straordinariamente elevati nel corso di due intervalli recenti: 2007-2008 e 2010-2011. Sia la componente di breve-medio periodo che quella di lungo termine dell’agflazione riflettono diverse concause con gradi di correlazione vari e molto incerti.

La prima parte dell’elaborato tratta delle quattro cause comunemente indicate per spiegare l’andamento dei prezzi agricoli:
 il cambiamento quantitativo e qualitativo della domanda di alimenti,
 l’incremento della domanda di biocarburanti sostenuta da politiche pubbliche soprattutto negli Stati Uniti e nell'Unione Europea,
 l’aumento della frequenza, della intensità e della durata di eventi climatici negativi per la produzione agricola,
 l’indebolimento del nesso tra l’attività speculativa finanziaria e le previsioni razionali sulle quantità reali della domanda e dell’offerta.
L’aumento della domanda mondiale di commodities per usi alimentari sembra aver contribuito ad originare il trend inflattivo, mentre la diminuzione temporanea della produttività del settore agricolo in vaste aree del pianeta per ragioni climatiche lo ha sicuramente rafforzato. Per quel che riguarda, invece, l’influenza dell’espansione del settore agro-energetico sulla dinamica dei prezzi, essa è giudicata molto probabile, ma non è chiaro ancora se si debba considerare una componente transitoria o strutturale della tendenza in atto. Infine riguardo all’intensità e perfino alla reale esistenza di una relazione tra la speculazione sui mercati agricoli a termine e l’agflazione per ora non possono essere espressi dei giudizi netti.

La seconda parte della tesi mette in luce i possibili effetti provocati dall’aumento del costo reale dei prodotti agricoli sulla situazione economica generale dei Paesi e sul tenore di vita di famiglie e comunità.
Mentre si potrebbe pensare che l’agflazione, agendo sui redditi degli imprenditori agricoli, abbia generato chiari benefici economici per gran parte dei Pvs, che di solito hanno un’economia fortemente basata sul settore agricolo, l'elaborato evidenzia le condizioni che hanno reso cruciale l’effetto depressivo sul potere d’acquisto dei consumatori netti di alimenti e pessimo il bilancio delle implicazioni globali della dinamica dei prezzi.
Per molti Paesi nel mondo si stima infatti che l’aumento del costo reale del cibo possa aver minato la stabilità macroeconomica e politica e depauperato classi sociali già povere spingendole in uno stato di profonda insicurezza alimentare. Il livello di debolezza delle economie nazionali, il grado di dipendenza dei Paesi rispetto al mercato agro-alimentare internazionale e la misura della concentrazione dei diritti fondiari nelle popolazioni sono forse le variabili che più hanno deciso il segno e l’entità delle ripercussioni.
Gli interventi adottati dai governi in risposta alla crisi dei prezzi internazionali per minimizzare l’agflazione interna o per tamponarne l’effetto sul benessere delle famiglie più vulnerabili – i net food buyer più poveri – sono stati in molti casi limitati da vincoli economici e finanziari e spesso hanno amplificato essi stessi i rincari congiunturali delle merci scambiate sui mercati mondiali.

La costruzione della tesi si è basata sull’analisi critica della letteratura scientifica e sulla verifica empirica delle considerazioni dei ricercatori tramite la consultazione delle banche dati messe a disposizione da istituzioni quali la FAO e l’USDA.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Dopo un ultradecennale periodo di stabilità, negli ultimi anni i prezzi delle materie prime alimentari hanno scalato montagne russe assumendo a tratti valori straordinariamente elevati. Le due impennate succedutesi nell’arco temporale 2007-2011 si inseriscono in un trend di moderata crescita dei prezzi agricoli iniziato a delinearsi tra il 2002 ed il 2004. In termini reali nel 2008 e nel 2011 i prezzi degli alimenti erano 1,5 ed 1,8 volte più alti di quelli del 2005 (dati Fao Wfs 1 , 2012) mentre in termini nominali i recenti valori sono i massimi registrati da almeno un secolo e mezzo (Economist, 2007b). L’incremento dei prezzi dei prodotti agricoli, la cosiddetta “agflazione”, non è l’unico fenomeno a caratterizzare i mercati e a suscitare accesi dibattiti nel mondo accademico internazionale. Anche la contestuale perdita di stazionarietà dei valori di mercato merita delle riflessioni. Mentre il primo tipo di cambiamento preoccupa per i rischi che aggiunge alla capacità di approvvigionamento alimentare delle famiglie già nell’immediato, il secondo suscita timore per il conseguente ispessimento del velo di incertezza che avvolge le scelte economiche di produttori, consumatori e governi. Nel corso della trattazione verrà dato maggiore spazio alla prima componente della dinamica dei prezzi, quella puramente inflattiva, che più ha suscitato le riflessioni di studiosi e policy makers e forse ha anche da sola più evidenti riflessi diretti sul benessere sociale. 1 World Food Situation, FAO Food Price Index.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Marco Bova Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1116 click dal 16/10/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.