Skip to content

La fine dei pasti a buon mercato: le cause della tendenza all'aumento e dei recenti picchi dei prezzi delle materie prime alimentari e le modalità di impatto sul benessere di intere popolazioni

Informazioni tesi

  Autore: Marco Bova
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Maria Caterina Fonte
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Le serie storiche sugli indici dei prezzi internazionali reali di cereali ed altre materie prime alimentari esibiscono un trend crescente dal 2002-2004 ad oggi e valori straordinariamente elevati nel corso di due intervalli recenti: 2007-2008 e 2010-2011. Sia la componente di breve-medio periodo che quella di lungo termine dell’agflazione riflettono diverse concause con gradi di correlazione vari e molto incerti.

La prima parte dell’elaborato tratta delle quattro cause comunemente indicate per spiegare l’andamento dei prezzi agricoli:
 il cambiamento quantitativo e qualitativo della domanda di alimenti,
 l’incremento della domanda di biocarburanti sostenuta da politiche pubbliche soprattutto negli Stati Uniti e nell'Unione Europea,
 l’aumento della frequenza, della intensità e della durata di eventi climatici negativi per la produzione agricola,
 l’indebolimento del nesso tra l’attività speculativa finanziaria e le previsioni razionali sulle quantità reali della domanda e dell’offerta.
L’aumento della domanda mondiale di commodities per usi alimentari sembra aver contribuito ad originare il trend inflattivo, mentre la diminuzione temporanea della produttività del settore agricolo in vaste aree del pianeta per ragioni climatiche lo ha sicuramente rafforzato. Per quel che riguarda, invece, l’influenza dell’espansione del settore agro-energetico sulla dinamica dei prezzi, essa è giudicata molto probabile, ma non è chiaro ancora se si debba considerare una componente transitoria o strutturale della tendenza in atto. Infine riguardo all’intensità e perfino alla reale esistenza di una relazione tra la speculazione sui mercati agricoli a termine e l’agflazione per ora non possono essere espressi dei giudizi netti.

La seconda parte della tesi mette in luce i possibili effetti provocati dall’aumento del costo reale dei prodotti agricoli sulla situazione economica generale dei Paesi e sul tenore di vita di famiglie e comunità.
Mentre si potrebbe pensare che l’agflazione, agendo sui redditi degli imprenditori agricoli, abbia generato chiari benefici economici per gran parte dei Pvs, che di solito hanno un’economia fortemente basata sul settore agricolo, l'elaborato evidenzia le condizioni che hanno reso cruciale l’effetto depressivo sul potere d’acquisto dei consumatori netti di alimenti e pessimo il bilancio delle implicazioni globali della dinamica dei prezzi.
Per molti Paesi nel mondo si stima infatti che l’aumento del costo reale del cibo possa aver minato la stabilità macroeconomica e politica e depauperato classi sociali già povere spingendole in uno stato di profonda insicurezza alimentare. Il livello di debolezza delle economie nazionali, il grado di dipendenza dei Paesi rispetto al mercato agro-alimentare internazionale e la misura della concentrazione dei diritti fondiari nelle popolazioni sono forse le variabili che più hanno deciso il segno e l’entità delle ripercussioni.
Gli interventi adottati dai governi in risposta alla crisi dei prezzi internazionali per minimizzare l’agflazione interna o per tamponarne l’effetto sul benessere delle famiglie più vulnerabili – i net food buyer più poveri – sono stati in molti casi limitati da vincoli economici e finanziari e spesso hanno amplificato essi stessi i rincari congiunturali delle merci scambiate sui mercati mondiali.

La costruzione della tesi si è basata sull’analisi critica della letteratura scientifica e sulla verifica empirica delle considerazioni dei ricercatori tramite la consultazione delle banche dati messe a disposizione da istituzioni quali la FAO e l’USDA.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Dopo un ultradecennale periodo di stabilità, negli ultimi anni i prezzi delle materie prime alimentari hanno scalato montagne russe assumendo a tratti valori straordinariamente elevati. Le due impennate succedutesi nell’arco temporale 2007-2011 si inseriscono in un trend di moderata crescita dei prezzi agricoli iniziato a delinearsi tra il 2002 ed il 2004. In termini reali nel 2008 e nel 2011 i prezzi degli alimenti erano 1,5 ed 1,8 volte più alti di quelli del 2005 (dati Fao Wfs 1 , 2012) mentre in termini nominali i recenti valori sono i massimi registrati da almeno un secolo e mezzo (Economist, 2007b). L’incremento dei prezzi dei prodotti agricoli, la cosiddetta “agflazione”, non è l’unico fenomeno a caratterizzare i mercati e a suscitare accesi dibattiti nel mondo accademico internazionale. Anche la contestuale perdita di stazionarietà dei valori di mercato merita delle riflessioni. Mentre il primo tipo di cambiamento preoccupa per i rischi che aggiunge alla capacità di approvvigionamento alimentare delle famiglie già nell’immediato, il secondo suscita timore per il conseguente ispessimento del velo di incertezza che avvolge le scelte economiche di produttori, consumatori e governi. Nel corso della trattazione verrà dato maggiore spazio alla prima componente della dinamica dei prezzi, quella puramente inflattiva, che più ha suscitato le riflessioni di studiosi e policy makers e forse ha anche da sola più evidenti riflessi diretti sul benessere sociale. 1 World Food Situation, FAO Food Price Index.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

speculazione
povertà
fame
biocarburanti
cambiamento climatico
crisi alimentare
mercati agricoli
land grabbing
agflazione
crisi dei prezzi agricoli
insicurezza alimentare
sviluppo demografico
net food buyers
cereali
economia agraria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi