Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Product placement dalle origini ai giorni nostri

La tesi tratta il Product placement, fenomeno emergente nell'area della comunicazione aziendale. E' stutturata in tre capitoli: nel primo capitolo si parla delle caratteristiche generali del product placement, delle diverse tipologie e dei vantaggi/svantaggi nei confronti della pubblicità tradizionale.
Nel secondo capitolo si analizza la diffusione di questo fenomeno in Italia, in particolare sotto al punto di vista giuridico, esaminando in particolare come la Decreto Urbani del 2004 e il Decreto Romani del 2010 lo hanno influenzato.
Nel terzo ed ultimo capitolo si esamina il processo di comunicazione attivato dal product placement e l'efficacia degli inserimenti nei confronti del consumatore.

Mostra/Nascondi contenuto.
I NOTA METODOLOGICA La comunicazione d’impresa sta attraversando ormai da alcuni anni un periodo di grandi trasformazioni, che comportano la necessità di rivedere i principi di fondo che ne hanno per lungo tempo, e con successo, caratterizzato la formulazione delle strategie. Lo spettatore dal canto suo, si trova bombardato da migliaia di messaggi pubblicitari, ed ormai ha imparato ad evitarli; occorrono quindi nuove soluzioni che soddisfino le aziende e allo stesso tempo appaghino il consumatore. La pubblicità convenzionale, non risulta più in grado di dare una risposta concreta a tutti i problemi di comunicazione che incontra un annunciante. Le aziende hanno così avvertito la necessità di trovare nuove forme di comunicazione commerciale capaci di offrire risultati migliori. Uno di questi strumenti è il product placement, ovvero l’inserimento di un prodotto o di una marca all’interno di un contenuto d’intrattenimento, che può essere una pellicola cinematografica, un programma televisivo, un videogioco, ecc. riuscendo perfettamente ad integrarsi con esso. Una tecnica pubblicitaria, e allo stesso tempo una fonte di finanziamento per il cinema, che sarà oggetto di studio di questa tesi. L’obiettivo del lavoro sarà quello di esaminare le molteplici e complesse implicazioni che il product placement comporta nell’ambito della produzione dei contenuti d’intrattenimento nei mezzi di comunicazione di massa, per procedere poi con l’approfondimento specifico delle modalità di realizzazione, di funzionamento e gestione strategica del product placement quale forma di comunicazione d’impresa, passando anche per l’evoluzione giuridica cui questa tecnica è stata sottoposta, in particolare nel contesto italiano. La complessità che il product placement comporta, deriva dal fatto che l’inserimento di prodotti e di marche all’interno di contenuti d’intrattenimento, non rappresenta solamente uno strumento promozionale per favorire i risultati economici dell’impresa, ha anche implicazioni sociali e culturali in senso ampio. L’origine di questa tecnica pubblicitaria, di cui si parlerà nel primo capitolo, risale alla fine dell’Ottocento, proprio con riferimento alle prime esperienze cinematografiche, quando cominciò ad emergere la necessità per i produttori sia di allestire le scene con realismo senza sostenere i costi per acquistare marchi e prodotti di altre imprese, sia di ridurre in qualche modo le ingenti spese per la distribuzione e promozione dei film. La nascita avviene nel 1897 in Francia, ma il mercato più fertile in cui il product placement riesce a diffondersi è senz’altro l’America, dove decolla nei primi anni del Ventesimo Secolo.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Perone Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1714 click dal 16/01/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.