Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova geografia economica e la concentrazione territoriale dell'industria

Questa tesi sviluppa il tema della nuova geografia economica e la concentrazione territoriale dell'industria.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione. La localizzazione delle attività produttive è una caratteristica ovvia del mondo economico. Tuttavia, l’analisi spaziale è stata a lungo trascurata dalla teoria economica principale (mainstream economics). Eppure, analisi dei fenomeni di localizzazione erano già state effettuate dai geografi tedeschi come Weber, von Thünen, Christaller e Lösch. Purtroppo, questi studi sono stati spesso ignorati dai manuali di economia i quali spesso delineano i caratteri di una disciplina priva di ogni dimensione spaziale. Cosa potrebbe spiegare questa lunga esclusione? Secondo Krugman (1995), nell’economia spaziale doveva esserci qualcosa che la rendeva un terreno sgradito per l’analisi dell’economia mainstream: questo era il problema della struttura del mercato in presenza dei rendimenti crescenti. Si tratta del problema del cosiddetto capitalismo di autoconsumo (backyard capitalism). S'immagini un mondo formato da una superficie perfettamente omogenea; supponiamo inoltre che vi siano costi di trasporto e che non vi siano economie di scala. In questo mondo ipotetico le attività economiche si distribuirebbero in modo irregolare presentando le concentrazioni che normalmente osserviamo e darebbero vita ad aree urbane altamente specializzate? Ovviamente questo non accadrebbe perché il risultato più efficiente sarebbe una distribuzione omogenea della produzione di ogni bene in modo tale da annullare i costi di trasporto. In assenza delle economie di scala, non si formerebbero neanche piccoli agglomerati, ma si osserverebbe un mondo formato da piccole entità autosufficienti. Ma il mondo reale non è omogeneo e le attività economiche tendono a concentrarsi in agglomerati di imprese. Si potrebbe pensare che tale distribuzione sia influenzata esclusivamente dalla localizzazione delle risorse naturali, ma questo non sarebbe

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Costantini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11190 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.