Skip to content

Tutela penale del documento informatico

Informazioni tesi

  Autore: Davide Cardinali
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

La nozione di documento è oggetto di un’antica ma ancora attuale disputa che si concentra intorno a due opinioni: la prima, che intende dare una definizione di documento che sia valida per tutto l’ordinamento, è efficacemente espressa dalla formula per la quale il documento (che deriva da docere, insegnare) è una cosa che ci fa conoscere un fatto e si contrappone al testimone che è una persona che narra e non una cosa che rappresenta; la seconda, che, invece, non ritiene possibile una definizione unitaria di documento che sia valida anche per l’ordinamento penale, che identifica il documento con la nozione più ristretta di documento scritto, classica e autorevole è quella che definisce il documento come “ogni scrittura fissata sopra un mezzo trasmissibile, dovuta ad un autore determinato, contenente manifestazioni di volontà ovvero attestazioni di verità, atte a fondare o a suffragare una pretesa giuridica o a provare un fatto giuridicamente rilevante in un rapporto processuale o in un altro rapporto giuridico”. Questa definizione contiene i tre elementi che si ritiene un documento debba avere per poter essere tutelato penalmente:
1 - la forma scritta;
2 - la riconoscibilità dell’autore;
3 - il contenuto.
Questa è la base dalla quale partire per poter vedere se e come si possa tutelare il documento elettronico (rectius informatico) in un quadro normativo non ancora modificato dalla Legge n. 547 del 23 dicembre 1993.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1.1 Il falso informatico: difficoltà applicative nell’impianto originario del codice Nel nostro ordinamento i reati di falso sono previsti nel titolo VII del codice penale, relativo ai delitti contro la fede pubblica, in un apposito capo, il capo III, denominato “della falsità in atti” e costituito dagli articoli da 476 a 493-bis. La miglior dottrina ha osservato che “il nostro codice ha diluito la materia della falsità documentale in ben diciotto articoli, accresciuti poi a venti per effetto di leggi speciali. Ne è derivata una minuta casistica con una esasperante serie di distinzioni e sottodistinzioni, l’utilità delle quali è quanto mai discutibile dati i larghi poteri discrezionali che sono conferiti al giudice.” 1 ; invece l’oggetto tutelato è unico e consiste nella fiducia e sicurezza nelle relazioni giuridiche (pubblica fede) insita in ogni documento. 2 1 F. ANTOLISEI, Manuale di diritto penale p.s.II, XII ed., Milano, 1997, p. 90; ID., Nebuloso frammentarismo in materia di falso, in Giur. It., 1950, II, p.57. Nello stesso senso v. FIANDACA-MUSCO, Diritto penale p.s.I, II ed. rist. agg., Bologna, 1997, p. 566. 2 Sul punto non c’è unanimità in dottrina: una parte sostiene la tesi della plurioffensività (vedi per tutti F. ANTOLISEI, Manuale, cit., p.90 secondo il quale “l’oggetto giuridico dei delitti di falso documentario, …, è duplice: da un lato, consiste nella fiducia e sicurezza delle relazioni giuridiche; dall’altro, negli interessi specifici che trovano una garanzia nella genuinità e nella veridicità dei documenti in quanto mezzi di prova.” e che “… la considerazione di essi è assolutamente necessaria, se si vuole evitare di cadere, nell’applicazione della legge, in un aberrante formalismo.”), un’altra la critica (vedi per tutti FIANDACA-MUSCO, Diritto penale, cit., p.567 ss. per il quale “…i singoli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale
documenti elettronici
firma digitale
documenti informatici
tutela del documento informatico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi