Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il valore strategico della marca nel retail. Il caso Montblanc

Il presente lavoro ha per oggetto l’analisi del brand e di come esso sia uno strumento indispensabile nell’ambito del percorso di crescita, caratterizzazione ed esposizione al pubblico di una realtà aziendale di qualsivoglia settore. Tramite un marchio un’impresa può procedere con coerenza nel suo viaggio nel cuore e nella mente dei consumatori dando alla propria produzione e distribuzione un taglio proprio unico ed inimitabile che la faccia emergere dalla giungla indistinta del mercato. Dopo aver affrontato il problema definitorio di un’entità tanto fondamentale quanto immateriale quale il marchio vengono esposte le sue modalità di gestione e le tecniche di valutazione da un punto di vista finanziario nonché la sua rilevanza nell’influenzare il volume delle vendite di una determinata impresa. La logica di fondo di tale ricerca non si limita però ad una mera analisi della, pur ampia, letteratura sul brand ma si focalizza sull’influenza che esso può avere anche sul proprio retail network di riferimento. Dopo un’analisi della distribuzione in generale segue una disamina sul settore lusso e sulle sue peculiarità dal punto di vista della clientela e dei punti vendita deputati a soddisfarla. Nell'ultima parte del lavoro, riguardante il caso dell’azienda Montblanc, vengono analizzate dapprima la storia e la filosofia dell’impresa di Amburgo per poi concentrarsi sul cambiamento radicale che l’ha riguardata negli ultimi vent'anni dal punto di vista dei prodotti trattati e della propria immagine aziendale e di retail. A dare un taglio più “pratico” alla panoramica sul caso trattato seguono, al termine, tre interviste in appendice a persone poste a livelli diversi della catena del valore aziendale che illustrano come sul campo siano avvenuti i cambiamenti esposti in ambito teorico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro ha per oggetto l’analisi del brand e della sua indubbia importanza nell’ambito del percorso di crescita, caratterizzazione ed esposizione al pubblico di una realtà aziendale di qualsivoglia settore. Dopo aver affrontato il problema definitorio di un’entità tanto fondamentale quanto immateriale quale il marchio vengono esposte le sue modalità di gestione e le tecniche di valutazione da un punto di vista finanziario nonché la sua rilevanza nell’influenzare il volume delle vendite di una determinata impresa. Senza l’ausilio dei marchi vi sarebbero mercati indifferenziati, nei quali l’oggettivo valore e le oggettive peculiarità legate ad un determinato produttore non sarebbero agevolmente rilevabili creando, come logica conseguenza, mercati asettici non essendovi alcun’interesse ed incentivo per le imprese a migliorare o quantomeno caratterizzare la propria produzione. La logica di fondo di tale ricerca non si limita però ad una mera analisi della, pur ampia, letteratura sul marchio ma incanala il proprio focus su come esso abbia un ruolo primario anche nelle strategie che riguardano il proprio network di riferimento nell’ambito del retail. Il settore della distribuzione viene dapprima descritto per linee generali, enumerando le svariate forme che esso ha assunto negli ultimi cinquant’anni, per poi concentrarsi 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Libutti Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2118 click dal 09/11/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.