Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di impianto fotovoltaico connesso alla rete in bassa tensione

Obiettivo della tesi è la progettazione di un impianto fotovoltaico connesso alla rete in bassa tensione, alla luce dei nuovi riferimenti normativi e, soprattutto, delle novità introdotte dal CEI in merito alle regole di connessione degli utenti attivi e passivi.

L’elaborato analizza, in primis, gli aspetti generali sul fotovoltaico, concentrando l’attenzione sulle nuove frontiere riguardanti i materiali delle celle PV e, in modo particolare, i micro-inverter. Di notevole importanza è la seconda parte in cui sono evidenziate tutte le normative, decreti e disposizioni utilizzate per la progettazione, con un occhio di riguardo alla recente Norma CEI 0-21 che ha rivoluzionato il settore normativo, dando una notevole rilevanza agli impianti domestici o, comunque, in bassa tensione, visto il numero sempre maggiore degli stessi. Spazio è stato dedicato al IV Conto Energia, attualmente in vigore e con il quale è stata condotta l’analisi economica dell’impianto, senza tralasciare gli aspetti principali del V Conto Energia che, a breve, lo sostituirà con importanti novità.

La progettazione dell’impianto, infine, è stata realizzata in modo dettagliato al fine di spiegare e chiarire ogni aspetto, giustificando di volta in volta le scelte fatte, corredando, il tutto, con immagini “renderizzate” del sito di installazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Capitolo 1 - Aspetti generali 1.1 Radiazione solare e Irraggiamento solare La radiazione solare è definita come l’energia elettromagnetica emessa dal sole; al suo interno avvengono incessantemente reazioni termonucleari di fusione, che sprigionano enormi quantità di energia sotto forma di radiazioni elettromagnetiche. L’energia irradiata si propaga nello spazio e, dopo aver attraversato l’atmosfera, arriva sulla superficie terrestre ( A1 ). Qui viene rilevata ed espressa come quell’energia ricevuta in un determinato periodo di tempo dall’unità di superficie (kWh/m 2 ). I valori della radiazione solare media annua in Italia si possono desumere dalla Norma UNI 10349 ( B1 ). L’irraggiamento solare, invece, è definito come la radiazione solare per unità di tempo e di superficie ed è pari a 1353 W/m² (valore “storico”) fuori dall’atmosfera terrestre; tale valore prende il nome di costante solare (recenti misurazioni satellitari indicano valori compresi fra 1367 W/m² e 1371 W/m²). Tuttavia, nell’attraversare l’atmosfera terrestre, questo valore si attenua fino a circa 1000 W/m² in una giornata serena a causa degli effetti di riflessione, diffusione ed assorbimento da parte di gas e vapor acqueo; tale radiazione che giunge al suolo è composto da ( A2 ): • radiazione diretta: proveniente dalla linea congiungente il Sole alla Terra e costituisce la quota maggiore di energia irraggiata annualmente al suolo; • radiazione diffusa: è la quota parte di radiazione assorbita e riemesssa in tutte le direzioni dai gas presenti nell’atmosfera, dal vapor d’acqua e dal pulviscolo atmosferico; costituisce circa il 20% dell’energia irraggiata;

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Fiorentino Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 991 click dal 21/11/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.