Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dipendenza da esercizio fisico: come riconoscerla, come intervenire. Somministrazione di test a 4 gruppi sperimentali

L’attività fisica è indiscutibilmente importante per la salute fisica e psichica, ma la situazione si capovolge quando un soggetto non può più fare a meno dell’attività fisica e questa diventa totalizzante e influisce sulle altre aree della vita fino ad assumere caratteristiche ossessive. La dipendenza da esercizio fisico è caratterizzata da sintomi simili a quelli presenti in altri tipi di dipendenze (astinenza, tolleranza) e possono manifestarsi anche problematiche alimentari. Lo strumento utilizzato per la valutazione è la “Exercise Dependence Scale-21” (EDS-21).

Gli aspetti innovativi di questo studio sono:
(1) messa a punto della versione italiana della EDS-21,
(2) ideazione di due nuovi questionari a supporto della EDS-21,
(3) somministrazione dei questionari a 290 atleti non professionisti italiani che praticano tiro con l’arco, nuoto, maratona, attività in palestra.

I risultati ottenuti dalla caratterizzazione del campione di 224 soggetti valutabili
(a) supportano la validità dell’ EDS-21 tradotta in italiano;
(b) dimostrano che il 7.6% del campione in esame è a rischio di dipendenza da attività sportiva (trend: tiro con l’arco < nuoto < palestra < maratona) e che i soggetti a rischio dipendenza sono per il 94% a rischio dipendenza fisica e per il 6% psicologica;
(c) indicano la notevole propensione a modificare l’alimentazione nei gruppi maratona, nuoto e palestra, mentre è praticamente assente nel tiro con l’arco;
(d) il 76% dei soggetti è a conoscenza dell’esistenza della dipendenza da attività fisica;
(e) la maggior parte dei soggetti parlerebbe del problema con altri atleti, amici, colleghi, familiari, istruttori, trainer, medico e solo il 2% si rivolgerebbe allo psicologo.

Mostra/Nascondi contenuto.
32 / 157 Parte sperimentale Obiettivi Razionale 1 Valutare la presenza di dipendenza da esercizio fisico in atleti italiani non professionisti appartenenti a gruppi eterogenei (tiro con l’arco, nuoto, maratona, palestra) utilizzando la Exercise Dependence Scale (EDS)-21. Per raggiungere questo obiettivo ho tradotto dall’inglese all’italiano la EDS-21. 2 Analizzare i dati in base al sesso e all’età. 3 Differenziare tra dipendenza fisica e dipendenza psicologica. 4 Valutare eventuali differenze tra praticanti sport aerobici e praticanti sport anaerobici. La ricerca bibliografica effettuata non ha evidenzia- to nè studi effettuati in Italia utilizzando la EDS-21 nè studi internazionali effettuati su gruppi eterogenei di atleti praticanti sport aerobici e anaerobici. Al meglio della mia cono- scenza, non esiste la ver- sione italiana della EDS-21. 5 Mettere a punto e utilizzare un nuovo questionario per valutare la consapevo- lezza dell’esistenza di dipendenza da attività fisica. Il questionario integra la EDS-21. L’idea mi è venuta notando che raramente si sente parlare di dipendenza da attività fisica. 6 Mettere a punto e utilizzare un nuovo “single item” per analizzare che cosa fanno i soggetti in caso di astinenza da attività fisica. Il “single item” integra la EDS-21. L’idea mi è venuta notando che non sempre l’attività fisica è inserita corretta- mente nello stile di vita, in particolare per quanto riguarda l’alimentazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Elisabetta Rovelli Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2189 click dal 21/11/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.