Skip to content

Il persistere del mito polare nel romanzo ''Al Polo Australe in velocipede'' di E. Salgari

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Sorrenti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Francesco Surdich
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

In questo elaborato si è cercato innanzitutto di dimostrare come il fascino, ma allo stesso tempo le paure esercitate dal Nord si siano protratte nel corso dei secoli in campo culturale e letterario: per questo abbiamo deciso di intraprendere un discorso molto ampio sulla visione e i miti del Nord, partendo dall’antichità e dal Medioevo, per arrivare alle prime vere e proprie esplorazioni tra il XIX e il XX secolo.
Ho deciso di dedicarmi ad Emilio Salgari, tra l’altro in occasione del centenario della sua scomparsa, per concorrere ad eliminare lo stereotipo legato al romanziere veronese di semplice autore per ragazzi, dimostrando come fosse strettamente legato alla cultura dei suoi tempi: rielaborando le teorie e i miti visti in precedenza, Salgari scrive un romanzo ambientato in un continente all’epoca praticamente sconosciuto come l’Antartide, Al Polo Australe in velocipede, ispirato dai lavori dei maestri Edgar Alan Poe e Jules Verne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo I: la visione del Nord e del Polo nel tempo 1.1 I miti antichi e medievali 1 Il concetto di Settentrione nell’antichità e nel Medioevo va riferito principalmente alla sfera antropologica più che a quella geografica: infatti, esso non è inteso come nozione stabile, ma come qualcosa di fluttuante, che si allarga nell’Antichità e si restringe nel corso dell’Alto Medioevo, per poi tornare a dilatarsi nuovamente nei secoli successivi. Concetti come oscurità, gelo, tenebrosità, barbarie, bellicosità e tutto ciò che ri- guarda usi, costumi e stili di vita veri o fittizi delle popolazioni servono in sostan- za a distinguere il Nord dalle altre parti dell’Eurasia. Settentrione in sostanza è quanto si differenzia, opponendosi, al mondo circum-mediterraneo: opposizione, tuttavia, che non si giustifica semplicemente con la mancanza di una facilmente percorribile via di comunicazione, sia marittima che terrestre, tra Nord e Sud; ma anche e soprattutto dalla mancanza di una continuità sul piano culturale: la Scizia, tanto per fare un esempio, era relativamente vicina alle terre “civilizzate” dell’Europa Meridionale, ma la sua totale diversità etnica e climatica la faceva ap- parire come parte di un alter orbis. Il primo tentativo, di cui si hanno notizie, di stabilire un collegamento ma- rittimo tra Mediterraneo e i mari del Nord non portò ad alcun risultato concreto, se non alla constatazione che la penetrazione nell’Atlantico Settentrionale e nel Mar Baltico era ostacolata da una natura assai ostile. Pitea, eminente cittadino della co- lonia greco-focese di Massalia (odierna Marsiglia), nonché geografo e commer- ciante, fu incaricato, tra il 340 e il 325 a.C., dalla sua città di compiere un viaggio al di là delle famigerate colonne d’Ercole con l’obiettivo di aprire una via com- merciale con i paesi del nord, con interessi soprattutto per il traffico dell’ambra e dello stagno: quest’ultimo, prestando fede a una testimonianza di Plinio il Vec- chio, pare sia stato importato per la prima volta da un tale chiamato Midacrito, 1 Per la compilazione di questo paragrafo ci siamo valsi in particolar modo del saggio di L. DE ANNA, Il mito del Nord. Tradizioni classiche e medievali, Napoli, Liguori, 1994.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

salgari
velocipede
polo sud
polo australe
mito polare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi