Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sovrappeso e obesità: implicazioni etiche

È noto che negli ultimi secoli il modo di alimentarsi della società occidentale ha subíto profondi cambiamenti, tanto per questioni culturali quanto per l'avvento di innovazioni tecniche che hanno permesso migliorie nel trattamento dei cibi, in particolare in termini di conservazione. Numerosi sono i contributi teorici da cui questo lavoro prende le mosse e che hanno affrontato da punti di vista non esclusivamente medico-scientifici la questione dei cambiamenti alimentari.
Il primo capitolo presenta il problema del sovrappeso e dell'obesità da un punto di vista statistico e medico-scientifico.
Con il secondo capitolo si entra nel cuore del problema e della questione etica. Dapprima si evidenzierà la teoria etica di riferimento, il Comunitarismo Moderato, e si argomenteranno i motivi della sua scelta.
Il terzo capitolo, come anticipato più sopra, consiste in un'analisi articolata a partire da tre diversi riferimenti attraverso il modello del “pro” e “contro”. Ovvero, per ogni argomentazione si evidenzieranno i punti di forza e quelli critici che concorrono al suo sostegno.
Il quarto ed ultimo capitolo si propone un duplice obiettivo. In primis affronterà due cogenti argomentazioni di carattere etico che per esigenze di completezza abbiamo sentito l'esigenza di inserire. Nel paragrafo “Il peso della valigia...” si discuterà di un'argomentazione del filosofo Peter Singer, il quale sostiene che la maggior parte dei ragionamenti sul sovrappeso e sull'obesità sono viziati da una petitio principii che porta a vedere l'eccessivo peso di una persona come chili “privilegiati”.
Un'altra argomentazione parimenti forte che valuta se ci siano i presupposti per un trattamento sanitario obbligatorio nei confronti degli individui obesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Non capisco proprio perché ti comporti così!” “Uh, forse perché sono cattivo e ho bisogno di un'alimentazione insana e sbilanciata?” 1 Epidemia di obesità, è con queste parole che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lancia l'allarme nel suo European Health Report del 2002. Nel mondo si contano circa 300 milioni di individui obesi, e circa la metà della popolazione mondiale risulta essere sovrappeso. Questi numeri si concentrano nelle aree più industrializzate del globo e si collocano all'interno di un trend di crescita che dalla metà degli anni Novanta del secolo scorso ad oggi non accenna ad arrestarsi. Obiettivo di questo lavoro è quello di valutare ed individuare alcuni problemi di carattere etico che questo fenomeno solleva. Collocando i problemi dell'obesità e del sovrappeso all'interno di una teoria etica ci si propone di dare una valutazione di essi da un punto di vista morale individuando eventuali contraddizioni rispetto a questioni analoghe (es. problema del tabagismo o dell'alcolismo), valutando l'argomento anche da un punto di vista storico, e non ultimo affrontando con gli stessi princìpi problemi attuali quali i vari interventi attuati o proposti per far fronte a questa situazione. La cogenza e le implicazioni filosofiche di questo problema sono tra le principali motivazioni che hanno spinto ad affrontare l'argomento su un terreno ancora poco battuto quale è quello dell'indagine morale. Come anticipato in apertura di questa introduzione, trattando delle problematiche legate al sovrappeso e all'obesità ormai non sono più eccessivi termini evocativi come quello di “epidemia” o “allarme”. È noto che negli ultimi secoli il modo di alimentarsi della società occidentale ha subíto profondi cambiamenti, tanto per questioni culturali quanto per l'avvento di innovazioni tecniche che hanno permesso migliorie nel trattamento dei cibi, in particolare in termini di conservazione. La vera rivoluzione in questo ambito ha però visto il suo avvento a partire dalla seconda metà degli anni Novanta, periodo in cui l'industria alimentare ha conosciuto un altissimo tasso di crescita. Le 1Dialogo tra Archimede Pitagorico e Mad Ducktor, nella storia di Bruno Enna e Corrado Mastantuono, “Paperinik e il ritorno di Mad Ducktor”, in Topolino (n° 2967), Milano, Mondadori, 3.10.2012, p. 32. 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Xavier Bellanca Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3960 click dal 21/11/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.