Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione della struttura cristallina di carbamazepina nei prodotti farmaceutici che operano nel mercato Albanese

La capacità di una sostanza di cristallizzare in due o più celle elementari, dando origine ad altrettante strutture cristalline chimicamente identiche ma differenti nella disposizione e/o nella conformazione delle molecole nella cella elementare, crea una situazione in cui una forma cristallina, può avere un tasso favorevole di dissoluzione, di assorbimento ed equilibro di solubilità, a confronto con le altre forme. Comunque l'incidenza del polimorfismo, basato su Cambridge Structural Data-base (CSD), è all’incirca 3% dei composti organici, invece per i composti farmaceutici nello stato solido è quasi un terzo. Per i farmaci che hanno più forme polimorfiche ed pseudo polimorfiche, le differenze di biodisponibilità tra le varie forme sono state segnalate (York, 1983: Rajenda e David, 1995). Carbamazepina, la quale ha come minimo quattro forme polimorfiche ed una forma idrata (Kaneniwa et al., 1984; Krahn and Mielck,1987), è ampiamente prescritto come anticonvulsionante. Quando esistono duo o più polimorfi, la forma metastabile può essere quella scelta dal formulatore, se più solubile alla temperatura di interesse. Pero si devono considerare eventuali problemi di transizioni di fase durante le operazioni di produzione e/il periodo di conservazione e ricorrere ad eventuali eccipienti stabilizzanti.
Per l'esistenza di tale forme polimorfiche, si sono messi a confronto tre tipi di generici con le compresse di Carbamazepina brevettati dalla casa farmaceutica NOVARTIS la quale lo commercializza con il nome Tegretol ® 200mg.
Le compresse che fanno parte nello studio, sono quelle a rilascio convenzionale di Carbamazepina presenti nel mercato Albanese ed quello Kosovaro:
- Tegretol ® 200mg (NOVARTIS)
- Karbamazepin 200mg (PROFARMA DERMOPHARMA AG)
- Taver ® 200mg (MEDOCHEMIE)
- Carbamazepin 200mg (ACTAVIS)
Gli studi sono stati condotti per valutare il potenziale di transizioni polimorfiche a verificarsi durante la produzione ed eventualmente durante il stoccaggio. Sono stati studiati i corrispettivi profili di dissoluzione per valutare in vitro la velocità e il grado di rilascio del farmaco. I test di dissoluzione sono stati effettuati per confrontare i generici con la patente utilizzando i valori del fattore di somiglianza ed i valori del fattore di diversità f1 ed f2.
Inoltre i campioni sono stati analizzati nello spettro IR ed sottoposti ad eventi termici utilizzando una variante della DSC classica la DSC a temperatura modulata (MT-DSC).
I lavori sono stati svolti presso i laboratori dell’Università di Kristal a Tirana, ed presso l'Università Nazionale di Atene, Facoltà di Scienze, Dipartimento di Chimica.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Abstract La capacita di una sostanza di cristallizzare in due o più celle elementari, dando origine ad altrettante strutture cristalline chimicamente identiche ma differenti nella disposizione e/o nella conformazione delle molecole nella cella elementare, crea una situazione in cui una forma cristallina, può avere un tasso favorevole di dissoluzione, di assorbimento ed equilibro di solubilità, a confronto con le altre forme. Comunque l'incidenza del polimorfismo, basato su Cambridge Structural Data-base (CSD), e' all’incirca 3% dei composti organici, invece per i composti farmaceutici nello stato solido e' quasi un terzo. Per i farmaci che hanno più forme polimorfiche ed pseudo polimorfiche, le differenze di biodisponibilità tra le varie forme sono state segnalate (York, 1983: Rajenda e David, 1995). Carbamazepina, la quale ha come minimo quattro forme polimorfiche ed una forma idrata (Kaneniwa et al., 1984; Krahn and Mielck,1987), e' ampiamente prescritto come anticonvulsionante. Quando esistono duo o più polimorfi, la forma metastabile può essere quella scelta dal formulatore, se più solubile alla temperatura di interesse. Pero si devono considerare eventuali problemi di transizioni di fase durante le operazioni di produzione e/il periodo di conservazione e ricorrere ad eventuali eccipienti stabilizzanti. Per l'esistenza di tale forme polimorfiche, si sono messi a confronto tre tipi di generici con le compresse di Carbamazepina brevettati dalla casa farmaceutica NOVARTIS la quale lo commercializza con il nome Tegretol ® 200mg. Le compresse che fanno parte nello studio, sono quelle a rilascio convenzionale di Carbamazepina presenti nel mercato Albanese ed quello Kosovaro:  Tegretol ® 200mg (NOVARTIS)  Karbamazepin 200mg (PROFARMA DERMOPHARMA AG)  Taver ® 200mg (MEDOCHEMIE)  Carbamazepin 200mg (ACTAVIS) Gli studi sono stati condotti per valutare il potenziale di transizioni polimorfiche a verificarsi durante la produzione ed eventualmente durante il stoccaggio. Sono stati studiati i corrispettivi profili di dissoluzione per valutare in vitro la velocità e il grado di rilascio del farmaco. I test di dissoluzione sono stati effettuati per confrontare i generici con la patente utilizzando i valori del fattore di somiglianza ed i valori del fattore di diversità f1 ed f2 . Inoltre i campioni sono stati analizzati nello spettro IR ed sottoposti ad eventi termici utilizzando una variante della DSC classica la DSC a temperatura modulata (MT-DSC). I lavori sono stati svolti presso i labaoratori dell’ Universita di Kristal a Tirana, ed presso l'Università Nazionale di Atene, Facoltà di Scienze, Dipartimento di Chimica. Parole chiave: Carbamazepina; Polimorfismo; MT-DSC; Monoclino

Tesi di Master

Autore: Ledian Cama Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 330 click dal 22/11/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.