Skip to content

La Finanza Etica. Il Caso Etica Sgr e il Rating Etico: Sabaf S.P.A.

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Camillo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giuseppe Calabrese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

Questo interesse e questa attenzione verso il benessere porta a riconsiderare un aspetto che da anni era stato messo da parte: l’approccio etico nell’economia. Da qualche anno ormai si sente parlare di etica: le imprese iniziano ad adottare codici etici, e molte volte si dotano di un comitato etico, si parla di etica nelle professioni, etica dell’ambiente, etica del diritto, finanza etica (di cui si parlerà nel seguente lavoro). Se ne parla come se l’etica fosse un qualcosa in più nell’ordinarietà delle cose e nel nostro caso nell’economia. Forse l’espressione più giusta è “un ritorno dell’etica”, perché la stessa economia è nata dalla filosofia, dalla ricerca della buona vita per l’uomo.
Il presente lavoro inizia, infatti, con lo studio sulle teorie etico-economiche, evidenziando come già i filosofi dell’Antica Grecia riflettevano sul senso dell’agire umano, anche in campo economico. La domanda socratica “Come bisogna vivere” e l’Etica Nicomachea di Aristotele hanno ispirato gran parte degli studi successivi sull’economia, fino al Seicento – Settecento, quando l’agire economico ha iniziato ad avere una sua “autonomia”.
Nel primo capitolo oltre, all’analisi delle teorie che si sono succedute fino ai giorni nostri, e delle influenze che hanno avuto sull’economia reale, si riflette anche sulle ragioni che hanno portato al distacco tra l’etica e l’economia, e successivamente si analizza come la globalizzazione e la conseguente finanziarizzazione dell’economia abbiano accentuato ancora di più l’urgenza etica.
per lungo tempo, lo studio dell’economia ha fatto riferimento a un concetto di felicità e ben-essere interamente identificabile e caratterizzabile in termini di aumento della ricchezza individuale. Parallelamente, a livello macro, la “società del benessere” incarnava l’idea per cui l’aumento della ricchezza economica e dei livelli di consumo si sarebbe tradotto nell’aumento del grado di felicità degli individui e dell’intera società. Alcuni studi recenti, dagli anni ’70 in particolare con Easterlin, hanno evidenziato il “paradosso della felicità”, cioè all’aumentare del reddito, il livello di felicità riportato dagli individui aumenta
fino a un certo punto oltre il quale comincia a diminuire.
L’inquinamento, lo sfruttamento delle risorse, la speculazione, la deregulation spinta dai mercati finanziari, l’esplosione dell’indebitamento, il nuovo ruolo assunto dalle banche, la mancanza di identità delle imprese divenute ormai solo mezzo per il profitto da raggiungere a tutti i costi, fanno sì che la riflessione si sposti su quale economia oggi può portare davvero a quel benessere sociale, che possa garantire a noi, alle nostre famiglie ed all’intera comunità non solo un presente migliore, ma anche di preservare il futuro delle prossime generazioni. È in questo contesto che nasce e si inserisce nell’economia mondiale il fenomeno della finanza etica, che cerca di riportare una cultura che affianchi alla crescita economica, una crescita sostenibile “attenta all’uomo e al mondo in cui vive.”
Nel secondo capitolo si studia in maniera approfondita questo nuovo fenomeno, evidenziandone la storia, la legislazione, gli strumenti e la diffusione sul mercato, con uno sguardo particolare al Socially Responsible Investment. Quest’ultimo è oggetto del terzo capitolo nel quale si approfondiscono gli strumenti maggiori dello SRI, i fondi etici: la loro diffusione sul mercato europeo e italiano, le caratteristiche che li differenziano dai fondi comuni tradizionali e l’andamento sui mercati, in quanto è un fenomeno che negli ultimi anni si è diffuso notevolmente tra il pubblico degli investitori.
Nel capitolo quarto si parla invece di una realtà italiana, Etica SGR, appartenente al gruppo Banca Etica, società che offre unicamente fondi socialmente responsabili. È un caso particolare di studio in quanto, in Italia, la sua crescita è in controtendenza sia rispetto al mercato italiano dei fondi comuni, che ai fondi etici presenti sul territorio nazionale. Particolare attenzione verrà posta sul processo di selezione ESG, e in particolare sul caso delle imprese italiane. Dal 2010, infatti, la società ha adottato una propria procedura interna di valutazione delle imprese nazionali. Il lavoro termina con l’applicazione pratica di tale metodologia su di una società, che è un “modello” di impresa socialmente responsabile, la Sabaf s.p.a., che ha adottato dal 2001 il bilancio integrato, segno di una maggiore diffusione della sua politica socio-ambientale, oltre che economica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nell’approcciarmi al seguente lavoro vorrei iniziare con questa frase: “L’uomo più si avvicina al benessere, più si dimentica di essere uomo”. Non è la citazione di un economista, o di un filosofo o di qualche noto studioso, ma è una frase di un uomo anziano, Felice Mangiarano, che da 80 anni vive su una carrozzella, incontrato in una domenica di marzo, nel CIM di Bisceglie. La sua fragile condizione, prima ancora che la sua età, lo portano ad affermare di essere innanzitutto un “uomo”, e tale deve essere nel rispetto per sé stesso e nel rapporto con gli altri. Ma cosa c’entra questa affermazione con l’economia? La risposta può sembrare anche scontata, ma l’economia moderna con il passare degli anni e del tempo, pian piano si è dimenticata della sua funzione, in quanto “è l’economia che è al servizio dell’uomo e non viceversa”. Ma se riflettiamo meglio su questa frase notiamo come si parli di “benessere”: per lungo tempo, lo studio dell’economia ha fatto riferimento a un concetto di felicità e ben-essere interamente identificabile e caratterizzabile in ter- mini di aumento della ricchezza individuale. Parallelamente, a livello macro, la “società del benessere” incarnava l’idea per cui l’aumento della ricchezza economica e dei livelli di consumo si sarebbe tradotto nell’aumento del grado di felicità degli individui e dell’intera società. 1 Alcuni studi recenti, dagli anni ’70 in particolare con Easterlin, hanno evidenziato il “paradosso della felicità”, cioè all’aumentare del reddito, il livello di felicità riportato dagli individui aumenta fino a un certo punto oltre il quale comincia a diminuire. 2 Il dibattito sulla definizione e la misurazione del benessere individuale che si è sviluppato negli ultimi anni ha raggiunto pieno riconoscimento con la crea- zione, nel 2008, da parte del presidente Nicolas Sarkozy della “Commissione sulla Misurazione della Performance Economica e del Progresso Sociale” con l’obiettivo di evidenziare i limiti dell’utilizzo del PIL quale indicatore del benessere e formalizzare un set di indicatori e linee guida per la misurazione del benessere da utilizzare nel momento di policy design e policy evaluation. 3 1 Cfr. VENTURI P., RAGO S., Verso l’economia del benessere, AICCON, Forlì, maggio 2011, pag. 9 2 Ibidem 3 Ivi, pag. 10

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banca etica
sviluppo sostenibile
finanza etica
fondi etici
etica ed economia
rating etico
esg
sri
etica sgr
imprese responsabili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi