Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Machiavellismo e antimachiavellismo nel pensiero di Campanella

La mia tesi di laurea a partire dall'analisi delle lettere e delle poesie di Campanella, proseguendo poi con l'esame della Monarchia di Spagna e di altri testi politici del filosofo calabrese vuole mettere in evidenza i punti di contatto e di differenziazione tra il pensiero politico campanelliano e quello di Machiavelli.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il mio lavoro di tesi intende ricostruire gli elementi machiavellici presenti nel pensiero politico di Tommaso Campanella. La nostra analisi è stata condotta a partire dal capitolo 27 della Monarchia di Spagna, il quale circolando in una versione anonima in latino indipendente dal corpus del testo maggiore, ha generato nei secoli a venire l’immagine di un Campanella maestro delle arti della simulazione. Il filosofo calabrese era accusato di essere un seguace delle dottrine machiavelliche, condannate nella teoria, ma riproposte in una serie di suggerimenti pratici molto spregiudicati che difficilmente si possono conciliare con un pensiero genuinamente cattolico come quello dello Stilese. Il primo capitolo della tesi ripercorre le principali vicende biografiche e processuali dello Stilese e la sua formazione culturale e filosofica. Nel secondo capitolo si analizza l’influenza del pensiero politico di Machiavelli in Campanella, sia in generale e sia esaminandolo in alcuni testi esemplari: l’Atheismus Triumphatus, le Lettere e le Poesie. Pur non essendo testi politici in senso stretto, anche in essi traspare la critica o la vicinanza a dottrine machiavelliche, ricordando la fondamentale unità del pensiero campanelliano, nel quale metafisica, teologia, politica e scienza si fondono insieme. Nel terzo capitolo esamineremo la presenza di Machiavelli nei testi politici di Campanella sia in generale sia soffermandoci sui contenuti della Monarchia di Spagna (in particolare sul capitolo 27). Nel quarto capitolo, infine, esamineremo i contenuti di alcuni degli scritti politici del periodo francese (1634-1639).

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Dario Gallotta Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1650 click dal 26/11/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.