Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La relazione prenatale e il suo universo musicale

La relazione prenatale e lo sviluppo della relazione madre-bambino vista sotto il profilo psicologico con i contributi di A.Piontelli, D.Anzieu, D.Stern, J.Bowlby, e il profilo sonoro-musicale attraverso alcuni progetti musicoterapici come la Psicofonia e il canto prenatale, il dialogo sonoro di M.Scardovelli. La musica è l'elemento che aiuta lo sviluppo di una buona base sicura a partire dalla gestazione e nei primi anni di vita, quindi sviluppare progetti per questa fascia d'età è un metodo per la prevenzione di disturbi dello sviluppo, dell'attaccamento e del comportamento. Alcuni progetti di cui sono riportate le esperienze sono la Maison Verte di F.Dolto, il Servizio 0-5 della Tavistock Clinic e il Centro per bambini e famiglie al Porto antico a Genova.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione In questo elaborato viene presentato, attraverso riflessioni, progetti, ricerche e approfondimenti tra i contributi della letteratura pedagogica e psicoanalitica, un percorso che vuole portare l’attenzione sulla relazione prenatale e sul modo in cui si sviluppa nei primi anni di vita. In questo caso, oltre agli aspetti neurobiopsicologici, viene dato ampio spazio all’ambito sonoro-musicale, al modo in cui il suono si manifesta a partire dalla gestazione e come viene percepito dal feto, come accompagna lo sviluppo del bambino, e il ruolo che ricopre all’interno della relazione primaria e nella composizione della famiglia. L’idea di approfondire questa tematica nasce da una mia esperienza personale, infatti, facendo musica con un bambino autistico mi è capitato di osservare che i suoi comportamenti durante la performance musicale fossero estremamente diversi rispetto a quelli abituali, era molto spontaneo e dava l’impressione di avere un atteggiamento autentico; suonando egli si liberava dalle stereotipie e dalle ecolalie, conquistava subito il contatto visivo con l’altro e si divertiva. A fronte di questo effetto liberatorio che la musica aveva su di lui, pensai che fosse importante che condividesse questi momenti oltre che con me, anche con la mamma, figura primaria che lo accompagna e lo osserva durante tutti i giorni della settimana, affinché potessero condividere un momento speciale in cui dedicarsi l’uno all’altro. La mamma accolse con entusiasmo la mia proposta, e gli incontri successivi furono un’esplosione di gioia e vitalità, i due comunicavano e danzavano nella musica, il suono eliminava le differenze tra grandi e piccoli ponendoli sullo stesso piano comunicativo e relazionale; avevano trovato un linguaggio alternativo per esprimersi e condividere le proprie gioie, preoccupazioni e speranze, la musica si era posta come canale preferenziale per la loro relazione. Da questa esperienza, una strana sensazione iniziò ad accompagnare le mie giornate, ed è grazie a questo lavoro, che qui andrò a descrivere, che sono riuscita a dare una forma ed un colore a questa sensazione. L’elaborato seguente è suddiviso in tre parti principali: La prima parte approfondisce la tematica della relazione madre-bambino, il modo in cui si instaura durante la gestazione e come si sviluppa dopo la nascita.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giulia Rita Cacciavillani Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3597 click dal 22/11/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.