Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le operazioni straordinarie nei processi di ricambio generazionale

Il concetto di family business è da sempre oggetto di studio e discussione nell’ambito delle teorie aziendalistiche, che hanno tentato di fornire una definizione unanimemente condivisa, capace di racchiudere in sé le diverse tipologie di imprese familiari esistenti. L’importanza del tema è particolarmente avvertita in Italia, dove il tessuto imprenditoriale si compone, per la maggior parte, di imprese familiari medio-piccole, punto di forza e, al tempo stesso, di debolezza della nostra economia. Il capitalismo familiare, infatti, da un lato rappresenta un modello di successo, dall’altro deve affrontare le sfide per la continuità nel mercato del terzo millennio.
Il passaggio generazionale può rappresentare, per le imprese familiari, un momento di rottura e di discontinuità con i modelli del passato. Infatti, circa il 50% delle imprese che sopravvive dopo la seconda generazione, e soltanto il 30% di queste arriva alla terza.
Uno dei problemi delle nostre imprese familiari risiede nella cultura dell’imprenditore-fondatore che, identificandosi nella sua impresa, mostra una certa riluttanza nel cedere la sua posizione. A ciò, si aggiunga l’atavico legame tra impresa familiare e banca rende le suddette aziende poco flessibili e aperte alle novità dei mercati.
Gli strumenti della finanza straordinaria possono essere la soluzione ad una cultura imprenditoriale che rischia di non far decollare l’economia, ormai ostaggio della recente crisi finanziaria globale. Le operazioni di leveraged financing, sfruttando la leva del debito, possono guidare le nostre imprese verso un più avanzato modello imprenditoriale, capace di affrontare la concorrenza internazionale. In particolare, le operazione di family buy-out e management buy-out/in, assistite dall’abilità finanziaria di investitori istituzionali in attività di private equity, riescono a garantire la continuità dell’impresa preservando i valori guida della famiglia e, allo stesso tempo, fanno emergere quel maggior valore in esse inespresso.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il presente lavoro si propone di individuare le strategie e le tecniche di finanza straordinaria per gestire al meglio il delicato momento del passaggio generazionale nelle imprese familiari. In particolare si è posta l’attenzione sulle tecniche di leveraged financing, spesso sostenute da investitori specializzati in attività di private equity. Nel primo capitolo, sono state analizzati i caratteri principali delle imprese familiari italiane, contraddistinte da una forte commistione tra l’istituto impresa e l’istituto famiglia. La conseguenza di questo forte legame si riflette spesso in una cultura scarsamente improntata all’innovazione e nella difficoltà di competere sui mercati internazionali. Nel corso del capitolo, poi, si è discusso del delicato momento del passaggio generazionale soffermandosi sulle fasi di cui esso si compone e sulle differenti tipologie di successione, a seconda dei soggetti coinvolti nel processo e del grado di controllo che la famiglia esercita sull’impresa.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Anna Zasa Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3091 click dal 26/11/2012.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.