Skip to content

Strategie di formazione nel rapporto tutor-studente

Informazioni tesi

  Autore: Kristela Bushkolaj
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di I Livello
Anno: 2012
Docente/Relatore: Guarcello Emanuela
Istituito da: Università degli Studi di Torino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

Questa tesi invita a scoprire le strategie della formazione degli adulti e le responsabilità che emergono, per ciascun professionista della salute, dall'accompagnamento dello studente nel tirocinio non solo rispetto alla trasmissione di un sapere, ma soprattutto nell’identificazione di un modello e di un ruolo professionale. Sono state analizzate le teorie di insegnamento e di apprendimento in modo di comprendere quali strategie migliorano l’insegnamento e rendono più efficace l’apprendimento. Molti studiosi quali Rogers, Schon, Lindman, Tough, ecc. hanno dato il loro contributo nella formazione degli adulti. Uno dei contributi più noti è stato dato da Malcolm Knowles (2010) attraverso una teoria dell’apprendimento degli adulti che tiene conto delle caratteristiche specifiche che presentano i discenti adulti, ossia un'arte e una scienza di aiutare gli adulti ad apprendere. Gli ultimi vent’anni hanno prodotto dei nuovi importanti sviluppi nel contenuto dei progetti di apprendimento per gli adulti, in seguito a tutto ciò è nata l’esigenza di formare professionisti in grado di sviluppare e integrare l’apprendimento teorico, “il sapere” (competenze intellettuali), e l’apprendimento clinico, “il saper fare” (competenze tecnico/gestuali-organizzative), con “il saper essere” (competenze comunicative-relazionali). Con la legge n. 341 del 1990, all’art.13 (Riforma degli ordinamenti didattici universitari), viene istituita in Italia la funzione tutoriale. La didattica tutoriale è quella che oggi sembra rispondere meglio alle esigenze di una formazione centrata sullo studente, orientata ai bisogni sanitari di una società in rapido cambiamento, capace di formare professionisti in grado di mantenere livelli adeguati di competenze. I protocolli d’intesa tra Università e Regioni, nelle norme attuative per la gestione dei corsi di Laurea e Laurea Magistrale, hanno definito con maggior dettaglio i requisiti, le modalità di reclutamento e soprattutto le funzioni di questa figura. Le competenze specifiche del tutor, soprattutto di tipo metodologico e relazionale, attraverso le quali si vanno a produrre cambiamenti, ossia apprendimenti, negli individui coinvolti nella relazione educativa sono legate all’esercizio della tutorship . Alcune metodologie della tutorship indicate come funzionali per l’acquisizione di saperi strumentali sono: il PBL, il role playing, gli autocasi, il briefing e il debriefing. Visto il significato e la necessità del ruolo del tutor nella formazione degli adulti nasce l’esigenza di uno strumento metodologico attraverso il quale strutturare il percorso formativo allo scopo di raggiungere, nella modalità più adeguata, la finalità di una maggiore autonomia degli studenti. Proprio a tal proposito, la pedagogia ha approfondito il tema della progettazione educativa. Per capire meglio le funzioni e l’interesse che lega il tutor all’ambito della progettazione, si è inteso percorrere le fasi della progettazione educativa ipotizzando un progetto educativo per lo studente del primo anno nel laboratorio analisi di biochimica clinica.
Nello svolgere il proprio compito lavorativo, i tutor dovranno mettere in campo delle capacità relazionali quali: la comunicazione, la creazione di un rapporto di fiducia e la conoscenza che il tutor può avere di se stesso, che lo aiuteranno ad entrare in contatto con gli studenti e a instaurare e mantenere una relazione di aiuto e sostegno. L’aspetto relazionale riveste un’importanza particolare per il tutor, il quale svolge una professione interamente basata sul rapporto interpersonale e di conseguenza, per quanto “esperto” e abile tecnico, centra il suo focus lavorativo su questa dimensione. Provare a percorrere le tappe della relazione educativa all’interno dei rapporti umani può rendere tali professionisti maggiormente consapevoli della responsabilità, ma anche della ricchezza che questo compito porta con sé.
In conclusione, si evidenzia l’esigenza di promuovere e sviluppare le conoscenze e le competenze dei tutor come professionisti della salute in grado di aiutare e promuovere l’innovazione, offrendo una professionalità dinamica, in permanente formazione. La formazione dei tutor deve necessariamente continuare nel corso della carriera con i master, corsi del programma Educazione Continua in Medicina (ECM), gli stage ed i congressi, sotto un' ottica di costante formazione ed aggiornamento. Solo in questo modo i tutor potranno essere sempre in grado di promuovere gli obiettivi del progetto educativo, cioè poter trasformare lo studente in un professionista della salute che svolga la propria professione in piena autonomia professionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2    Introduzione Questa tesi invita a scoprire le strategie della formazione degli adulti e le responsabilità che emergono, per ciascun professionista della salute dall’accompagnamento dello studente nel tirocinio non solo rispetto alla trasmissione di un sapere, ma soprattutto nell’identificazione di un modello e di un ruolo professionale. Quando il sapere non è costituito solo da nozioni ma comporta anche l’acquisizione di comportamenti, atteggiamenti, di ruoli e di valori, è veicolato dalla relazione tra chi apprende e chi insegna (Sasso, Lotti, Gamberoni, 2009). Sono state analizzate le teorie di insegnamento e di apprendimento in modo di comprendere quali strategie migliorano l’insegnamento e rendono più efficace l’apprendimento. Secondo Rogers (1969) la verità dell’uomo moderno consiste nel fatto che vive in un ambiente in continua evoluzione, per ciò lo scopo dell’istruzione deve essere la facilitazione dell’apprendimento e definisce l’insegnante un facilitatore d’apprendimento. Uno dei contributi più noti è stato dato da Malcolm Knowles (2010) attraverso una teoria dell’apprendimento degli adulti che tiene conto delle caratteristiche specifiche che presentano i discenti adulti, ossia un’arte e una scienza di aiutare gli adulti ad apprendere. Knowles ha iniziato a costruire il modello andragogico d’istruzione basato sul modello pedagogico e ha identificato le differenziazioni del modello andragogico rispetto a quello pedagogico sulle base di sei presupposti quali: il bisogno di conoscere,  il concetto di sé,  il ruolo dell’esperienza del discente,  disponibilità ad apprendere,  l’orientamento verso l’apprendimento  e  la motivazione. Gli ultimi vent’anni hanno prodotto dei nuovi importanti sviluppi nel contenuto dei progetti di apprendimento per gli adulti. Anche gli studi di Tough riguardavano i progetti di apprendimento concentrati sul “ruolo di aiuto” del formatore e hanno prodotto un “immagine composta ma abbastanza coerente dell’aiutante ideale secondo le quali le abilità relazionali del formatore riguardano: la capacità di monitorarsi continuamente per giungere a un buon livello di consapevolezza, le competenze relative alla gestione delle emozioni, la conoscenza di strumenti utili all'individuazione e alla valorizzazione delle differenze individuali, la consapevolezza di sè, l’ascolto attivo. In seguito a tutto ciò è nata l’esigenza di formare professionisti in grado di sviluppare e integrare l’apprendimento teorico “il sapere” (competenze intellettuali) e l’apprendimento clinico “il saper fare” ( competenze tecnico/gestuali-organizzative) con “il saper essere” (competenze comunicative-relazionali). Con la legge n. 341 del 1990, all’art.13 (Riforma degli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

insegnamento
pedagogia
apprendimento
tutor
tutorship
andragogia
relazione educativa
progetto educativo
formazione in età adulta
professionista della salute
tecnico di laboratorio biomedico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi