Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di malattia nelle opere di Goldstein e Canghuilem

“La Malattia può essere considerata come la compromissione dello stato normale dell’organismo, inteso come sistema biologico in equilibrio dinamico.
[…]. Lo stato di malattia può essere causato da alterazioni primitive di organi primitivi od apparati o dall’interazione dell’organismo con l’ambiente […].”
Questo è un’esempio di definizione generale che si può incontrare della malattia, aprendo una qualsiasi enciclopedia o libro di scienze. Ma sarebbe quanto meno riduttivo cercare di ricondurre a poche righe, tratte da una fredda enciclopedia, un concetto che tanto significa nella nostra dimensione culturale e sociale, e definire con queste parole concetti quali “valore medio della funzione organica” e “sofferenza”, sui quali tanto hanno discusso per decenni studiosi, medici e biologi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il concetto di malattia. Introduzione. “La Malattia può essere considerata come la compromissione dello stato normale dell’organismo, inteso come sistema biologico in equilibrio dinamico. […]. Lo stato di malattia può essere causato da alterazioni primitive di organi primitivi od apparati o dall’interazione dell’organismo con l’ambiente […].” 1 . Questo è un’esempio di definizione generale che si può incontrare della malattia, aprendo una qualsiasi enciclopedia o libro di scienze. Ma sarebbe quanto meno riduttivo cercare di ricondurre a poche righe, tratte da una fredda enciclopedia, un concetto che tanto significa nella nostra dimensione culturale e sociale, e definire con queste parole concetti quali “valore medio della funzione organica” e “sofferenza”, sui quali tanto hanno discusso per decenni studiosi, medici e biologi. Se nel nostro immaginario la malattia viene associata con la sofferenza e l’incapacità ad assolvere i propri compiti, bisogna pure ricordarsi che tale immaginario tende a dimostrarsi assai plastico, soggetto alle percezioni che ci vengono imposte, sia dall’ambiente, che dalla cultura imperante nella nostra 1 Voce tratta da Enciclopedia di Repubblica, volume 13, UTET, edizioni Torino SpA, Moncaglieri, 2003 pag. 64 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michele Anoardi Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 759 click dal 29/11/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.