Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''The embodiment of gender'': il corpo della donna da oggetto a strumento di azione

Come avviene il processo di assegnazione di una determinata classe sessuale a un corpo? Come si definiscono le caratteristiche appartenenti all'una o all'altra classe?
Cosa comporta tutto questo per gli individui?
Queste sono le domande a cui questo elaborato cercherà di rispondere, analizzando in particolare il sistema di significati legati all'ideale di femminilità dominante nella cultura occidentale e il suo ruolo nella costruzione di un corpo di donna caratterizzato da fragilità, debolezza e dalla tendenza verso un'immobilità ideale.
Per comprendere a fondo le modalità in cui avviene tale costruzione si è scelto di indagare tre tematiche fondamentali: l'uso dello spazio, la socializzazione primaria e l'oggettivazione sessuale; luoghi in cui si diffondono, a livello discorsivo, i valori e gli ideali all'origine dell'inibizione corporea femminile.
Infine, verrà analizzato il mondo dello sport: un'arena sociale in cui tali valori sono continuamente riprodotti e dove gli eventuali varchi che si aprono nel corso di tale riproduzione possono rivelarsi di fondamentale importanza per la loro stessa ridefinizione.
La costruzione del corpo sessuato avviene attraverso diversi ambiti di “fabbricazione” (Guillaumin, 2006). Esistono interventi diretti: da quelli più superficiali (la moda che riguarda sia gli stili del vestire sia l'apertura di fori nelle orecchie, nel naso e sulle labbra) a quelli più invasivi che modificano il corpo in maniera permanente (gli interventi di chirurgia estetica, la riduzione o l'allungamento di alcune parti del corpo come i piedi e il collo, le mutilazioni genitali); e interventi meno visibili che si concretizzano in ingiunzioni verbali, sanzioni sociali, processi mimetici e pratiche discorsive che portano i due sessi ad utilizzare il proprio corpo, ad assumere una determinata postura e a muoversi nello spazio in modalità differenti. In questo lavoro si prenderà in considerazione la seconda tipologia di interventi, perché, in quanto scarsamente visibili, permettono di plasmare il corpo senza rendere evidente la vera natura del potere a cui rispondono: non un potere repressivo e centralizzato, ma un potere creativo e capillare che produce e diffonde conoscenza.
Partendo dal presupposto che il corpo nella sua esistenza sociale è sempre sessuato, quindi fin dalla nascita suscettibile agli interventi normativi, non si cercherà in questo lavoro di individuare i confini tra ciò che è naturale e ciò che è sociale, si cercherà piuttosto di scoprire come il corpo è socialmente regolato e come gli interventi su di esso sono implicati nelle relazioni di potere.
Ciò che si intende mettere in luce è la componente ideologica di qualsiasi concezione sostenga l'idea che gli esseri umani abbiano una particolare natura fissa ed immutabile e come questa concezione abbia degli effetti sul modo in cui le donne vivono il proprio corpo e si pongono in relazione con lo spazio circostante. La subordinazione femminile non può essere analizzata senza prendere in considerazione la dimensione materiale e simbolica dei corpi, poiché i corpi che abitiamo sono il risultato di costruzioni che fanno capo ad una concezione del mondo fondata su uno squilibrio di potere tra uomini e donne.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La società è un prodotto umano. La società è una realtà oggettiva. L'essere umano è un prodotto sociale Berger e Luckmann Tra natura e cultura vi è un rapporto dialettico. L'ordine sociale prodotto dagli esseri umani viene in parte condizionato dalla natura, ma le norme sociali non possono essere intese come riflesso o espressione del biologico. Allo stesso tempo, la componente biologica degli individui non è fissa ed immutabile, ma è a sua volta plasmabile, nel suo significato e nella sua materialità, dall'ambiente sociale circostante. Per chiarire con un esempio: l'impulso sessuale fa parte della natura dell'essere umano, tale natura però non ne stabilisce le modalità di espressione, è il sistema sociale e culturale ad incanalare tale impulso in disposizioni socialmente accettate (Berger e Luckmann, 1969). Possiamo osservare, tuttavia, che le norme sociali non plasmano i corpi allo stesso modo: i nostri corpi sono costruiti in funzione di particolari divisioni create da un sistema di classificazione che non solo differenzia, ma contrappone e gerarchizza. La distinzione più importante all'interno delle diverse società è quella tra donne e uomini: due categorie sociali, definite anche “classi sessuali”, create attraverso la costruzione di “corpi sessuati” (Guillaumin, 2006). Fin dalla nascita gli individui sono immersi nel sistema di aspettative che vengono loro attribuite sulla base del loro sesso biologico e sono così spinti, attraverso l'educazione e l'osservazione di modelli standardizzati di comportamento, a rientrare nelle categorie sessuali definite socialmente: divisioni che, pur ispirandosi a caratteristiche individuali di tipo biologico (organi riproduttivi e caratteri sessuali secondari), non sono prodotte dalla natura, ma sono, al contrario, costruite e sostenute dall'ordine sociale. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristina Luerti Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2871 click dal 30/11/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.