Skip to content

''The embodiment of gender'': il corpo della donna da oggetto a strumento di azione

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Luerti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Enzo Colombo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Come avviene il processo di assegnazione di una determinata classe sessuale a un corpo? Come si definiscono le caratteristiche appartenenti all'una o all'altra classe?
Cosa comporta tutto questo per gli individui?
Queste sono le domande a cui questo elaborato cercherà di rispondere, analizzando in particolare il sistema di significati legati all'ideale di femminilità dominante nella cultura occidentale e il suo ruolo nella costruzione di un corpo di donna caratterizzato da fragilità, debolezza e dalla tendenza verso un'immobilità ideale.
Per comprendere a fondo le modalità in cui avviene tale costruzione si è scelto di indagare tre tematiche fondamentali: l'uso dello spazio, la socializzazione primaria e l'oggettivazione sessuale; luoghi in cui si diffondono, a livello discorsivo, i valori e gli ideali all'origine dell'inibizione corporea femminile.
Infine, verrà analizzato il mondo dello sport: un'arena sociale in cui tali valori sono continuamente riprodotti e dove gli eventuali varchi che si aprono nel corso di tale riproduzione possono rivelarsi di fondamentale importanza per la loro stessa ridefinizione.
La costruzione del corpo sessuato avviene attraverso diversi ambiti di “fabbricazione” (Guillaumin, 2006). Esistono interventi diretti: da quelli più superficiali (la moda che riguarda sia gli stili del vestire sia l'apertura di fori nelle orecchie, nel naso e sulle labbra) a quelli più invasivi che modificano il corpo in maniera permanente (gli interventi di chirurgia estetica, la riduzione o l'allungamento di alcune parti del corpo come i piedi e il collo, le mutilazioni genitali); e interventi meno visibili che si concretizzano in ingiunzioni verbali, sanzioni sociali, processi mimetici e pratiche discorsive che portano i due sessi ad utilizzare il proprio corpo, ad assumere una determinata postura e a muoversi nello spazio in modalità differenti. In questo lavoro si prenderà in considerazione la seconda tipologia di interventi, perché, in quanto scarsamente visibili, permettono di plasmare il corpo senza rendere evidente la vera natura del potere a cui rispondono: non un potere repressivo e centralizzato, ma un potere creativo e capillare che produce e diffonde conoscenza.
Partendo dal presupposto che il corpo nella sua esistenza sociale è sempre sessuato, quindi fin dalla nascita suscettibile agli interventi normativi, non si cercherà in questo lavoro di individuare i confini tra ciò che è naturale e ciò che è sociale, si cercherà piuttosto di scoprire come il corpo è socialmente regolato e come gli interventi su di esso sono implicati nelle relazioni di potere.
Ciò che si intende mettere in luce è la componente ideologica di qualsiasi concezione sostenga l'idea che gli esseri umani abbiano una particolare natura fissa ed immutabile e come questa concezione abbia degli effetti sul modo in cui le donne vivono il proprio corpo e si pongono in relazione con lo spazio circostante. La subordinazione femminile non può essere analizzata senza prendere in considerazione la dimensione materiale e simbolica dei corpi, poiché i corpi che abitiamo sono il risultato di costruzioni che fanno capo ad una concezione del mondo fondata su uno squilibrio di potere tra uomini e donne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La società è un prodotto umano. La società è una realtà oggettiva. L'essere umano è un prodotto sociale Berger e Luckmann Tra natura e cultura vi è un rapporto dialettico. L'ordine sociale prodotto dagli esseri umani viene in parte condizionato dalla natura, ma le norme sociali non possono essere intese come riflesso o espressione del biologico. Allo stesso tempo, la componente biologica degli individui non è fissa ed immutabile, ma è a sua volta plasmabile, nel suo significato e nella sua materialità, dall'ambiente sociale circostante. Per chiarire con un esempio: l'impulso sessuale fa parte della natura dell'essere umano, tale natura però non ne stabilisce le modalità di espressione, è il sistema sociale e culturale ad incanalare tale impulso in disposizioni socialmente accettate (Berger e Luckmann, 1969). Possiamo osservare, tuttavia, che le norme sociali non plasmano i corpi allo stesso modo: i nostri corpi sono costruiti in funzione di particolari divisioni create da un sistema di classificazione che non solo differenzia, ma contrappone e gerarchizza. La distinzione più importante all'interno delle diverse società è quella tra donne e uomini: due categorie sociali, definite anche “classi sessuali”, create attraverso la costruzione di “corpi sessuati” (Guillaumin, 2006). Fin dalla nascita gli individui sono immersi nel sistema di aspettative che vengono loro attribuite sulla base del loro sesso biologico e sono così spinti, attraverso l'educazione e l'osservazione di modelli standardizzati di comportamento, a rientrare nelle categorie sessuali definite socialmente: divisioni che, pur ispirandosi a caratteristiche individuali di tipo biologico (organi riproduttivi e caratteri sessuali secondari), non sono prodotte dalla natura, ma sono, al contrario, costruite e sostenute dall'ordine sociale. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

socializzazione
corpo
genere
femminilità
identità di genere
patriarcato
stereotipi di genere
corpo femminile
maschilità
donne e sport
media
sessismo
differenze di genere
cultura e società
sessualizzazione
incorporamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi