Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prodotti tipici e turismo enogastronomico per la valorizzazione del territorio

La tesi ha come finalità l'analisi dello sviluppo del turismo eno-gastronomico mediante l'introduzione dei marchi di qualità, dedicando inoltre molta importanza al caso Sicilia.
Negli ultimi anni, il settore agricolo è stato interessato dallo sviluppo di attività complementari e alternative a l’offerta tradizionale di prodotti agricoli, ciò conferma l’evidente trasformazione che il settore agricolo sta attraversando, alla ricerca di sistemi diversi d’integrazione di reddito e di miglioramento delle condizioni socio-economiche degli operatori coinvolti.
La ricerca di un connubio tra tutela del territorio, dei suoi valori culturali, sociali e ambientali ed uno sviluppo economico nonché di fruizione turistica rappresenta una delle tematiche di base su cui su fonda il concetto di multifunzionalità dell’agricoltura. L’attività agrituristica è indubbiamente l’espressione più immediata di tale connubio, in quanto è in grado di creare fonti alternative di reddito contribuendo alla diversificazione economica del territorio, consentendo inoltre, il recupero di risorse che non venendo opportunamente valorizzate e tutelate rischierebbero di scomparire, degradarsi, o di rimanere inutilizzate.
Lo sviluppo di pratiche turistiche a basso impatto ambientale, volte a consentire al turista di vivere un’esperienza autentica con il territorio, allontanandosi dai modelli turistici canonici ovvero i classici pacchetti standardizzati, sono state altresì incentivate da una crescente domanda di servizi e strutture finalizzate alla vacanza- soggiorno in campagna. Tutti questi aspetti delineano una nuova sensibilità del turista, un turista che intende conoscere realmente il territorio entrando in contatto con la sua storia, la sua cultura e le sue tradizioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione La domanda turistica è estremamente ampia e variegata ed una sua analisi in termini di variabili qualitative e quantitative è fondamentale per poter apportare miglioramenti nell’articolazione dell’offerta e nell’eventuale impostazione delle differenti politiche di intervento. Al fine di analizzare correttamente la domanda turistica e’ necessario dare una definizione precisa del fenomeno turistico e dei turisti. Esistono diverse definizioni di turismo. Tra le prime vi e’ quella di Jafari 1 che definisce: “il turismo come lo studio dell’uomo (il turista) al di fuori del suo ambiente usuale, delle infrastrutture e del mondo ordinario (non turistico) e non ordinario (turistico) nei loro rapporti dialettici”.Un’altra definizione e’ quella data da Brikart 2 e Medlik: 3 per i quali “sono turismo tutte le relazioni e i fenomeni legati con il soggiorno di stranieri in una località in cui essi non esercitano un importante, permanente o temporanea, attività remunerata.” Nel 1937 la Società delle Nazioni ha definito” turista un soggetto che trascorre un periodo di almeno 24 ore in un Paese diverso da quello abituale di residenza.” Un forte impulso per una precisa e corretta definizione di turismo e’ stata data dall’ONU e dal World Tourism Organization(WTO) che hanno spezzato l’identità tra turismo e attività di vacanza per inserire le attività turistiche nel contesto più generale della mobilita’ della popolazione. 4 La definizione data da questi due organismi: “il turismo comprende le attività delle persone che viaggiano e soggiornano al di fuori del proprio ambiente abituale per meno di 12 mesi consecutivi ed il cui scopo principale del viaggio sia diverso rispetto all’esercizio di un’attività remunerata all’interno del luogo visitato.” Affinché si abbia turismo e’ necessaria quindi, la presenza di tre elementi:  la mobilità cioè lo spostamento di individui sul territorio;  la motivazione che ha determinato lo spostamento;  la durata dello spostamento. 1 Jafari, J.(2005) Turismo e territorio in Bencardino F. Prezioso M. Geografia del turismo. Mc.Graw Hill 2 Brikart J. (2005) Turismo e territorio in Bencardino F. Prezioso M. Geografia del turismo. Mc.Graw Hill pag 38-39 3 Medlik R. (2005) Turismo e territorio in Bencardino F. Prezioso M. Geografia del turismo. Mc.Graw Hill pag 39-40 4 Bencardino F. Prezioso M.(2005) Geografia del turismo. Mc.Graw Hill pag 40

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Dora Dimartino Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4719 click dal 30/11/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.