Skip to content

Indicatori comulativi del carico di lavoro in sedute specifiche di Rugby Union

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Zambello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze e tecnica dello sport
  Relatore: Silvia Pogliaghi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Il rugby è uno sport situazionale di combattimento e cooperazione contraddistinto da un elevato numero di partecipanti (giocatori) e da contatti fisici intensi e continui. Dal punto di vista fisiologico – biologico, è classificato come una disciplina a impegno aerobico – anaerobico alternato, e come in qualsiasi attività sportiva, l’obiettivo è il raggiungimento del massimo risultato possibile. Questo si raggiunge portando l’atleta al livello più alto di performance possibile attraverso la somministrazione di adeguati programmi di lavoro. Lo scopo della tesi è di indagare e confrontare due metodologie oggettive (attraverso l’utilizzo della FC) di monitoraggio della quantificazione dell’intensità dell’allenamento, non essendoci ancora studi che valutano questo aspetto. Queste due metodologie sono il Summated Heart Zone Score e il Lucia’s TRIMP che entrambi si basano sulla FC ma rispettivamente la prima considerando 5 zone di intensità al di sopra del 50% della FCmax suddivise ogni dieci percentili, mentre l’altra di basa su 3 zone di intensità in corrispondenza delle soglie ventilatorie dei singoli atleti. Lo studio è stato effettuato durante la stagione 2009/2010, nei mesi di gennaio e febbraio in 15 giocatori della società “Venezia Mestre Rugby 1986” che partecipa al campionato Italiano di rugby in categoria super 10, ossia Eccellenza. Questi atleti hanno un’età media di 24,8 ± 3,8 anni, un peso medio di 99,8 ± 12,7 kg e un’altezza media di 184,7 ± 4,2 cm, suddivisi per reparti: 8 FW (avanti) e 7 BW (tre quarti). Il protocollo dello studio prevedeva una batteria al fine di tracciare una fotografia di ogni singolo atleta. Testi in laboratorio: test antropometrici dove abbiamo ricavato peso, altezza e pliche cutanee; un test fisiologico incrementale su treadmill nel quale abbiamo registrato la frequenza cardiaca attraverso un cardiofrequenzimetro Polar e i parametri respiratori respiro per respiro utilizzando il metabolimetro Cosmed b2 Quark. Test su campo: prima della seduta di allenamento è stata fatta indossare una fascia SUUNTO Memory Belt per la rilevazione e la registrazione della frequenza cardiaca che permette poi il trasferimento e l'analisi di questi in un secondo momento. Su un apposito modulo venivano indicati gli orari, la durata e le caratteristiche delle diverse fasi dell'allenamento specifico al fine di definire in termini qualitativi la sessione. Le sessioni erano suddivise principalmente in due tipologie: 6 sedute collettive, 6 sedute a reparti (mischie, touch e moul) e 2 sedute di fitness svolte in palestra. L’analisi dei dati e la relativa discussione viene effettuata calcolando la FCmax, il VO2max, la relazione FC/VO2 e le soglie ventilatorie dei singoli soggetti, successivamente poi le %FCmax e le FCmedie dei singoli soggetti, delle sedute e suddivisi per reparti e di tutti questi valori le loro deviazioni standard. Sono stati quindi calcolati gli indicatori cumulativi di carico SHRZ e Lucia’s TRIMP. Analizzando i dati rilevati nelle sedute collettive non ci sono differenze significative per quanto riguarda l’intensità tra avanti e tre quarti, mentre nelle sedute a reparti il lavoro svolto dai tre quarti è più intenso rispetto a quello svolto dagli avanti. Confrontando SHRZ con il TRIMP, la correlazione è molto simile soprattutto quando utilizziamo i dati medi delle sedute. Utilizzando invece i dati individuali notiamo anche qui una piccola divergenza nella parte bassa del grafico che sta a indicare il lavoro a bassa intensità. Tenendo presente tutti i dati ottenuti e confrontati, si può giungere alla conclusione che è importante tenere sotto controllo l’intensità degli allenamenti e che possiamo utilizzare indistintamente i due metodi di monitoraggio (SHRZ e TRIMP) se utilizziamo i dati medi delle sedute. Mentre se andiamo a valutare il lavoro dei singoli atleti risulta più accurato l’utilizzo del Lucia’s TRIMP perché lavora su dati oggettivi basati sulle soglie ventilatorie individuali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Rugby Union 5 1. RUGBY UNION 1.1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL GIOCO Il rugby è uno sport situazionale di combattimento e cooperazione contraddistinto da un elevato numero di partecipanti (giocatori) e da contatti fisici intensi e continui. Dal punto di vista fisiologico – biologico è classificato come una disciplina ad impegno aerobico – anaerobico alternato. Gli atleti sono infatti impegnati in attività ad alta intensità (sprinting, talking, mauling, rucking, cruising...) alternate a fasi a bassa intensità (standing, jogging, walking...). Il gioco si sviluppa in costante opposizione con gli avversari (disciplina di contatto) e di cooperazione con i propri compagni. La molteplicità delle situazioni presuppone la loro corretta lettura ed interpretazione da parte dei giocatori che partecipano con efficacia, intervenendo sulla palla o presidiando lo spazio nel rispetto del regolamento. Le regole fondamentali del gioco sono la segnatura della meta, il placcaggio, utilizzato per fermare un avversario lanciato verso la linea di meta o per tentare di sottrargli la palla; il tenuto ed il passaggio non in avanti se effettuato con le mani, mentre se calciato con i piedi, questo può essere anche lanciato in avanti. Il rispetto scrupoloso delle regole determina diritti e doveri dei giocatori in campo, pertanto il portatore di palla può/deve avanzare, può passare o calciare. Il compagno del portatore può/deve avanzare, può/deve aiutare il compagno ad avanzare e può ricevere il pallone. Il difensore può/deve avanzare per bloccare correttamente il portatore, recuperare la palla per contrattaccare. Ogni squadra è composta di 15 giocatori (più le rispettive riserve), suddivisi nei seguenti ruoli: · 8 avanti: · 2 piloni, uno destro e uno sinistro; · 1 tallonatore; · 2 seconde linee, una di desta e una di sinistra; · 3 terze linee: ala destra, ala sinistra e centro; · 7 tre quarti: · 2 mediani, uno di mischia e uno di apertura; · 2 ali, una destra e una sinistra; · 2 centri;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rugby union
indicatori di carico
lucia's trimp
shrz
carico di lavoro
intensità esercizio
scala di borg
trimp
rugby

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi