Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche socio-assistenziali rivolte agli anziani non autosufficienti nel distretto 6 dell'ASL di Milano 1: scenario attuale e prospettive future

Il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione, la diffusione della non autosufficienza e il conseguente emergere di nuovi bisogni sociali legati non solo ai cambiamenti demografici ma anche ai cambiamenti nella struttura familiare e alla crescita dell’occupazione femminile, portano la questione delle politiche sociali rivolte agli anziani non autosufficienti all’ordine del giorno nel dibattito scientifico e accademico. In un contesto attraversato da profondi mutamenti sia in termini di revisione dei ruoli e delle competenze degli attori pubblici sia in termini di vincoli macro-economici che impongono tagli alla spesa pubblica, il livello locale si trova a dover “organizzare” le risposte al bisogno socio assistenziale in una crescente tensione tra una domanda sempre più elevata da un lato e risorse finanziarie sempre più scarse dall’altro all’interno di uno scenario di policy caratterizzato da un’elevata frammentarietà e poca integrazione degli interventi. L’ampia mole di lavori accademici e non usciti nell’ultimo triennio e dedicati a questo argomento testimoniano un’attenzione crescente che va promossa e sostenuta. Questa tesi vuole aggiungere un piccolo tassello alla riflessione in corso.
In particolare, il primo capitolo affronta, da un punto di vista concettuale e definitorio, il tema della non autosufficienza, offre una prima quantificazione del fenomeno e analizza il sistema di intervento e le scelte di policy con riferimento al livello nazionale, introducendo alcuni elementi di comparazione della situazione italiana nel più ampio panorama europeo.
Il secondo capitolo focalizza l’attenzione sul modello lombardo di welfare, ne descrive gli assetti emergenti, la capacità di risposta ai bisogni, gli strumenti individuati per attivare il sistema di interventi e servizi e le loro implicazioni rispetto al perseguimento degli obiettivi deliberati. Il terzo capitolo, relativo all’analisi sul campo, restringe ancor più la lente sul livello locale e, in particolare, sul distretto 6 dell’ASL Milano 1 detto anche “del Magentino”: dopo una prima descrizione del contesto socio-demografico e dei servizi e interventi rivolti alla popolazione anziana non autosufficiente, l’analisi indaga i volumi di spesa, le modalità di gestione dei servizi, le fonti di finanziamento, i livelli di compartecipazione alla spesa da parte degli utenti e i criteri di accesso ai servizi confrontandoli in ottica comparativa dapprima con i distretti dell’ASL Milano 1 e successivamente tra Comuni afferenti allo stesso distretto.
Ne risulta un quadro caratterizzato da una forte frammentarietà degli interventi, da una capacità di risposta molto modesta rispetto ai bisogni emergenti e da un sistema di intervento che così come risulta organizzato a livello locale, e, in particolare, nel distretto preso in esame, genera rilevanti differenze territoriali rinvenibili non solo tra distretti, ma anche tra Comuni dello stesso distretto.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione, la diffusione della non autosufficienza e il conseguente emergere di nuovi bisogni sociali legati non solo ai cambiamenti demografici ma anche ai cambiamenti nella struttura familiare e alla crescita dell’occupazione femminile, portano la questione delle politiche sociali rivolte agli anziani non autosufficienti all’ordine del giorno nel dibattito scientifico e accademico. In un contesto attraveRSAto da profondi mutamenti sia in termini di revisione dei ruoli e delle competenze degli attori pubblici sia in termini di vincoli macro-economici che impongono tagli alla spesa pubblica, il livello locale si trova a dover “organizzare” le risposte al bisogno socio assistenziale in una crescente tensione tra una domanda sempre piø elevata da un lato e risorse finanziarie sempre piø scarse dall’altro all’interno di uno scenario di policy caratterizzato da un’elevata frammentarietà e poca integrazione degli interventi. L’ampia mole di lavori accademici e non usciti nell’ultimo triennio e dedicati a questo argomento testimoniano un’attenzione crescente che va promossa e sostenuta. Questa tesi vuole aggiungere un piccolo tassello alla riflessione in corso. In particolare, il primo capitolo affronta, da un punto di vista concettuale e definitorio, il tema della non autosufficienza, offre una

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianna Garbini Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1950 click dal 06/12/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.