Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dimissione protetta e continuità assistenziale: proposta di una scheda di dimissione infermieristica per il paziente anziano.

La tesi si articola in quattro capitoli.
Primo capitolo. In esso viene contestualizzato e quantificato il fenomeno dell'anzianità nel 2012 con dati riguardanti la popolazione. Successivamente è stato delineato un sintetico ritratto del paziente geriatrico e delle più comuni patologie che lo affliggono. Non viene approfondita la tematica riguardante la cura di tali patologie ma ne sono stati fatti solo accenni propedeutici rimandando eventuali chiarimenti alla letteratura specializzata. Tale premessa è importante per comprendere l'articolazione della “scheda infermieristica di dimissioni” che rappresenta il nucleo centrale della tesi.
Secondo capitolo. In esso sono brevemente illustrati i servizi territoriali, cioè quelle strutture che il paziente incontrerà dopo la dimissione e del cui operato potrà avvalersi al momento del bisogno.
Terzo capitolo. Si evidenzia l'importanza della valutazione multifunzionale del paziente al momento della dimissione. Oltre ai metodi di elaborazione si sottolinea l'uso delle “scale” come base per una uniforme e standardizzata valutazione dell'assistito.
Quarto capitolo. In esso si spiegano le caratteristiche di una scheda di dimissione e ne viene proposto un modello. Si tratta di una scheda infermieristica di dimissione multifunzionale basata sull'analisi degli 11 modelli della salute di Gordon. Essa è pensata per accompagnare il paziente over 65 in tale passaggio e verrà proposta all'Azienda Ospedaliera di Cremona, con la possibilità di essere utilizzata nella quotidianità del lavoro ospedaliero.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'Italia è uno degli stati europei con il maggior numero di anziani rispetto alla popolazione attiva. L'aumento della vita media delle persone in rapporto ad un forte decremento della natalità ha così generato un fenomeno dai numerosi risvolti sociali ed economici che devono essere analizzati ed approfonditi con attenzione. L'anziano che, per una qualsiasi patologia geriatrica, accede all'ambito ospedaliero, incontra un sistema organizzato che ha cura dei pazienti con interventi basati sulle migliori prove di efficacia. Pertanto non sono oggi previste degenze prolungate nel tempo e le dimissioni sono precoci. Il percorso che incontra l'anziano dopo la dimissione può essere, a seconda del caso, di vario tipo. Può rientrare subito a domicilio nel suo ambiente familiare, proseguire i trattamenti con ricoveri temporanei presso strutture specializzate oppure entrare in maniera permanente in una Residenza Socio Assistenziale. Il rientro in famiglia è quello di certo più desiderato dalla persona anziana e raccomandato sia sotto l'aspetto relazionale sia affettivo. La necessità di riformare il sistema pensionistico, che ha prolungato la vita lavorativa a 65-67 anni, genererà delle ripercussioni sociali che andranno attentamente valutate. Negli anni futuri ci saranno nel nucleo familiare genitori ultraottantenni che dovranno essere assistiti da figli ultrasessantenni solo in parte disponibili perché ancora pienamente inseriti nel mondo del lavoro. Ciò comporterà di sicuro minor tempo ed energia da dedicare all'assistenza ed alle cure quotidiane dell'anziano, funzioni che in parte dovranno essere espletate da figure terze rispetto alla famiglia (badanti). L'accesso alla Residenza Socio Assistenziale è quello meno desiderato dal paziente, ma diventa necessario in presenza di situazioni familiari complesse e di specifiche patologie. A causa dell'esiguo numero di posti disponibili e dell'elevato costo delle rette rispetto agli assegni pensionistici, in futuro l'anziano giungerà sempre più in RSA solo in caso di estrema ed inderogabile necessità. Diventa quindi necessario istituire una rete di collegamento tra i vari soggetti che intervengono nella fase di dimissione dall'ambito ospedaliero: medico ospedaliero, medico di medicina generale, infermiere, anziano, familiari, operatori delle RSA. Lo scopo primario è quello di creare, nella fase di gestione della dimissione 1

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Benedetto Castelli Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20104 click dal 09/01/2013.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.