Skip to content

Aspetti problematici della disciplina dello stalking

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Castagna
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Manfredi Parodi Giusino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

La legge n.38/2009, attuativa del decreto legge n.11/2009 intitolato «Misure urgenti in materia di pubblica sicurezza e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori», ha introdotto nel nostro codice penale, precisamente al capo III del titolo XII, parte II, nella sezione dedicata ai delitti contro la libertà morale, l’art.612-bis, relativo ai c.d. “atti persecutori”. In tal modo è venuto in essere, anche nel nostro ordinamento, seppur con enorme ritardo rispetto ad altri paesi (specialmente appartenenti al sistema di common law) la tanto agognata tutela in tema di “stalking”.
L’art. 612-bis dispone che: «Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da 6 mesi a 4 anni chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato o divorziato o da persona che sia legata da relazione affettiva alla persona offesa.
La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità di cui all’art. 3 L. 5 febbraio 1992 n.104, ovvero con armi o da persona travisata. Il delitto è punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di sei mesi. Si procede tuttavia d’ufficio se il fatto è commesso nei confronti di un minore o di una persona con disabilità di cui all’art. 3 L. 5 febbraio 1992 n.104 nonché quando il fatto è connesso con altro delitto per il quale si deve procedere d’ufficio. »
Nonostante la portata innovativa della norma, come affermato da autorevole dottrina , non mancano perplessità in ordine a vari punti che definire controversi potrebbe risultare riduttivo.
Occorre, preliminarmente, delineare in che consista lo “stalking”: quale siano le condotte persecutorie, integrative della fattispecie di reato, e quale sia il profilo psicologico dell’autore.
La parola “stalking” deriva dal verbo inglese “to stalk” che viene, a mio avviso impropriamente, tradotto come “pedinare”.
A mio avviso, la traduzione più condivisibile e che meglio esprime il senso del “to stalk” è “perseguitare” .
In realtà il termine è stato per la prima volta utilizzato, riferendolo a un uomo nel XIX secolo per definire l’attività del predatore che, camminando furtivamente, segue la preda e con pazienza attende il momento idoneo per sferrarle l’attacco.
Al di là del paragone suggestivo è importante sottolineare la cennata definizione perché esprime compiutamente la condotta dello stalker.
“Il predatore” reiterando insistentemente condotte intrusive quali telefonate, appostamenti, pedinamenti, e-mail o comportamenti integranti di per sé reato (molestie, ingiurie, danneggiamento) si insinua nella vita privata della vittima, cagionandole gravi e perduranti stati psicologici di ansia e paura, che non le permettono di condurre una esistenza pacifica e tranquilla .
Il lavoro di ricerca si basa su tutti gli aspetti di criticità della nuova normativa, dalla mancanza di tipicità della sua lettera, ai problemi in ordine all'incapacità di intendere e di volere dello stalker affetto da patologia mentale, al delicatissimo tema delle riforme in materia processuale, in particolar modo l'ammissibilità delle intercettazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE La legge n.38/2009, attuativa del decreto legge n.11/2009 intitolato <<Misure urgenti in materia di pubblica sicurezza e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori>>, ha introdotto nel nostro codice penale, precisamente al capo III del titolo XII, parte II, nella sezione dedicata ai delitti contro la libertà morale, l’art.612-bis, relativo ai c.d. “atti persecutori”. In tal modo è venuto in essere, anche nel nostro ordinamento, seppur con enorme ritardo rispetto ad altri paesi ( 1 ) (specialmente appartenenti al sistema di common law) la tanto agognata tutela in tema di “stalking”. L’art. 612-bis dispone che: <<Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da 6 mesi a 4 anni chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato o divorziato o da persona che sia legata da relazione affettiva alla persona offesa. La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità di cui all’art. 3 L. 5 febbraio 1992 n.104, ovvero con armi o da persona travisata. Il delitto è punito a querela della persona offesa. 1 L. TERZI, Il nuovo reato di stalking: prime considerazioni, in Riv. pen., 2009, tomo 2, p. 780 e ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

intercettazioni
stalking
atti persecutori
art.612bis
nuovo incidente probatorio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi