Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La testimonianza della parte civile

La parte civile ricopre da sempre il ruolo di parte privata nel processo penale a partire dai tempi di Giandomenico Pisapia. Possono costituirsi parti civili anche le persone giuridiche e le associazioni ambientaliste. Mentre nell'ordinamento inglese di common law non esiste la parte civile e il processo penale arriva al plea bargaining, nell'ordinamento italiano la testimonianza della parte civile può valere come unica fonte di prova a condizione che sia attendibile e credibile. Il giudice è tenuto a operarne una valutazione fino allo scrupolo secondo il principio del libero convincimento. Ciò garantisce il diritto di difesa ex art. 24 Cost. e la parità delle parti in un processo penale di stampo accusatorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Oggetto del presente lavoro è una parte del diritto processuale penale che attiene al sistema probatorio con specifico riferimento ad una delle parti eventuali del processo penale. La testimonianza della parte civile è un tema che ha subito un’evoluzione storica special- mente negli anni ’70, quando era ancora vigente il processo inquisi- torio. Il tema è stato anche oggetto di dibattiti congressuali a partire dai più grandi processualpenalisti come Giandomenico Pisapia con riguardo al rapporto tra azione civile e giudizio penale e all’opportunità dell’inserimento dell’istituto della parte civile che “costituisce un peso di fondo nello svolgimento del processo penale fino ad assumere il ruolo di accusa privata 1 con il rischio di turbare il normale equilibrio delle parti” 2 . Di tale posizione si fece interprete il Carnelutti 3, che non esitò ad escludere l’istituto della parte civile, 1 Cattaneo M.A., Il liberalismo penale di Montesquieu, Napoli, 2000, p. 44: nel ca- pitolo VI dell’Esprit de lois Montesquieu, “filosofo della procedura”, paragonando il processo penale alle forme di governo, prende in considerazione la funzione dell’accusa nelle varie forme di governo. Egli ricorda che a Roma ogni cittadino aveva la facoltà di accusare un altro; l’istituto dell’accusa privata ben si inquadra nella repubblica, in cui “ogni cittadino deve avere uno zelo illimitato per il bene pubblico, al contrario della monarchia in cui l’accusa è pubblica ma è parte del pro- cesso”. Montesquieu considera conforme allo spirito della repubblica il processo accusatorio allo stato puro, secondo il modello dell’antica Roma e di molte poleis greche: un processo nel quale l’accusa può essere esercitata da quisque de popu- lo. 2 AA.VV., La testimonianza nel processo penale, Atti del VI Convegno Enrico De Nicola( Foggia-Vieste), Milano, 1974, p. 20 3 Carnelutti F., Principi del processo penale, Napoli, 1960, p. 53 , dopo aver os- servato che il rito accusatorio mal si concilia con l'esercizio dell'azione civile in se- de penale per il peso eccessivo che la presenza della parte civile può avere nel processo penale, fino ad assumere la veste di una vera e propria accusa privata turbando il normale equilibrio delle parti, sottolinea che data la profonda diffe- renza strutturale tra processo civile e processo penale la presenza della parte civile nel processo penale dà vita ad un ibrido, in cui i vantaggi sono minori degli svan- taggi, imponendo accanto al problema dell'essere quello dell'avere; Conso G., In- troduzione, in AA.VV., Nuovi profili nei rapporti tra processo civile e processo pe- nale, XIVXV, il quale rileva che la "semplificazione avrebbe dovuto passare anche attraverso l'esclusione dell'azione civile nel processo penale, mentre ciò è avvenu- to solo in qualche rito alternativo"; Ghiara A., sub art. 74, in Commento al nuovo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Chiara Letizia Ticozzi Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 967 click dal 10/01/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.