Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marketing Conversazionale e Web 2.0: un dialogo tra l'azienda e il mercato

Al giorno d'oggi, la rivoluzione che, da alcuni anni, ha profondamente cambiato Internet si lega al Web 2.0: una concezione del Www che permette di definire le nuove modalità d’interazione online tra gli utenti nonché i rinnovati criteri di fruizione e condivisione della conoscenza. Ci si trova all’interno di uno scenario in cui la Rete favorisce le dinamiche relazionali e conversazionali attraverso l’uso di strumenti quali blog, wiki, forum, instant messaging e social network, per mezzo dei quali è possibile condividere e diffondere dati, testi, immagini e video.
Il fenomeno Web 2.0 e i paradigmi culturali e sociali che ne scaturiscono si configurano come l’ennesima trasformazione delle modalità comunicative non solo tra gli individui ma anche tra l’azienda e i clienti.
Con l’avvento di Internet, il modello di comunicazione broadcasting (da uno a molti), del monologo unidirezionale da-marca-a-consumatore lascia il posto alla conversazione, a un flusso comunicativo bidirezionale.
Nella postmodernità, la separazione netta tra domanda e consumo, tipica dell’età moderna, viene meno. Adesso il consumatore acquista un ruolo attivo, conquista una voce. Grazie alle possibilità offerte dalle nuove tecnologie di comunicazione, che permettono di connettere i consumatori, di veicolare messaggi e contenuti su marche, prodotti e servizi, emerge una nuova figura, sociale ed economica, quella del prosumer.
Proprio a partire da questo contesto in cui il Web appare sempre più sociale e partecipativo, il marketing si sta progressivamente evolvendo in quello che attualmente è definito l’approccio non-convenzionale.
Ogni azienda deve porre al centro dell’attenzione le persone, iniziare a dialogare con i clienti, investire il proprio tempo nella costruzione di relazioni con le persone con le quali vuole entrare in contatto. È questo quanto auspicato dagli autori del Cluetrain Manifesto.
Gli strumenti nati con i social media e le nuove realtà del Real-Time Web, come Facebook, FriendFeed, Twitter e recentemente anche Foursquare, iniziano a delineare i nuovi paradigmi del marketing conversazionale e le nuove leve del marketing mix.
L’obiettivo della tesi è di mostrare le principali differenze tra il Web 1.0 e il Web 2.0, focalizzando l’attenzione sulla definizione del nuovo Www come piattaforma conversazionale e sul passaggio dalla società dell’informazione a quella della partecipazione. Interessante risulta anche osservare come, alla luce di questi cambiamenti, per le aziende risulti proficuo sviluppare la propria presenza in Rete e sui Social Media (Facebook Marketing, Twitter Marketing, FriendFeed Marketing). In conclusione ci si soffermerà sulle principali strategie di marketing non-convenzionale (viral, tribal, societing) per poi passare ad analizzare i principali geo-social network e la recente tendenza delle aziende a investire nei Location-based services.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Al giorno d’oggi, la rivoluzione che, da alcuni anni, ha profondamente cambiato Internet si lega al Web 2.0: una concezione del Www che permette di definire le nuove modalità d’interazione online tra gli utenti nonché i rinnovati criteri di fruizione e condivisione della conoscenza. Ci si trova all’interno di uno scenario in cui la Rete favorisce le dinamiche relazionali e conversazionali attraverso l’uso di strumenti quali blog, wiki, forum, instant messaging e social network, per mezzo dei quali è possibile condividere e diffondere dati, testi, immagini e video. Il fenomeno Web 2.0 e i paradigmi culturali e sociali che ne scaturiscono si configurano come l’ennesima trasformazione delle modalità comunicative non solo tra gli individui ma anche tra l’azienda e i clienti. Con l’avvento di Internet, il modello di comunicazione broadcasting (da uno a molti), del monologo unidirezionale da-marca-a-consumatore lascia il posto alla conversazione, a un flusso comunicativo bidirezionale. Nella postmodernità, la separazione netta tra domanda e consumo, tipica dell’età moderna, viene meno. Adesso il consumatore acquista un ruolo attivo, conquista una voce. Grazie alle possibilità offerte dalle nuove tecnologie di comunicazione, che permettono di connettere i consumatori, di veicolare messaggi e contenuti su marche, prodotti e servizi, emerge una nuova figura, sociale ed economica, quella del prosumer. Proprio a partire da questo contesto in cui il Web appare sempre più sociale e partecipativo, il marketing si sta progressivamente evolvendo in quello che attualmente è definito l’approccio non-convenzionale. Ogni azienda deve porre al centro dell’attenzione le persone, iniziare a dialogare con i clienti, investire il proprio tempo nella costruzione di relazioni con le persone con le quali vuole entrare in contatto. È questo quanto auspicato dagli autori del Cluetrain Manifesto. Gli strumenti nati con i social media e le nuove realtà del Real-Time Web, come Facebook, FriendFeed, Twitter e recentemente anche Foursquare, iniziano a delineare i nuovi paradigmi del marketing conversazionale e le nuove leve del marketing mix. Il primo capitolo affronta l’evoluzione di Internet, soffermandosi in particolare sulla nascita del Web 2.0 e sulle varie definizioni che di questo concetto sono state sviluppate nel corso del tempo dai vari esperti del settore, primo fra tutti Tim O’Reilly. A questo riguardo ci si soffermerà sulle principali differenze tra il Web 1.0 e il Web 2.0 sintetizzate da quest’ultimo nell’articolo “What Is Web 2.0: Design Patterns and

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Veronica Salemi Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4055 click dal 06/12/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.