Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Regolamento ''Roma I'' nella giurisprudenza della Corte di Giustizia

Tesi in Diritto dell'Unione Europea.
Presentazione della giurisprudenza della Corte di Giustizia della Comunità Europea sul regolamento applicabile alle obbligazioni contrattuali: il regolamento "Roma I".
Focus sulla materia dei contratti conclusi da un contraente debole: i contratti conclusi dai consumatori, i contratti di lavoro subordinato, i contratti di trasporto e quelli di assicurazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il regolamento (CE) n. 593/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 giugno 2008 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali, comunemente noto come regolamento “Roma I”, entrato in vigore il 17 dicembre 2009, sostituisce la previgente Convenzione di Roma del 1980. Il regolamento Roma I fa parte di una serie di atti adottati dall'Unione Europea al fine di istituire un sistema unitario di diritto internazionale privato all'interno di essa che prevalga sulle norme nazionali in materia. Il regolamento Roma I si occupa di disciplinare, uniformemente, in tutti gli Stati membri, l'individuazione della legge applicabile in caso di conflitti di legge in materia di obbligazioni contrattuali civili e commerciali. Il regolamento vincola i giudici degli Stati membri nella scelta della legge da applicare a contratti aventi elementi di internazionalità, stipulati nell'ambito, o che, comunque, presentino collegamenti con Stati dell'Unione Europea. Il regolamento si applica a tutti i rapporti contrattuali aventi caratteristiche di internazionalità, con alcune esclusioni elencate all'art. 1 dello stesso regolamento. Negli articoli seguenti viene stabilito il criterio principale, definito dallo stesso regolamento come “pietra angolare” del sistema, della libertà di scelta della legge applicabile al contratto ad opera delle parti e gli altri criteri di collegamento previsti in caso di mancanza di scelta. È poi prevista una disciplina speciale nel caso di contratti conclusi da un contraente considerato la parte debole: i contratti conclusi dai consumatori, i contratti di lavoro subordinato, i contratti di trasporto e quelli di assicurazione. Lo scopo di queste previsioni speciali è tutelare una delle due parti del contratto che si trova in posizione svantaggiata e non in grado di imporre efficacemente la propria scelta di legge.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Martina Calzolari Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 822 click dal 13/12/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.