Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti della spiritualità di Martin Lutero nella logica della Theologia Crucis

Il lavoro intende offrire una visione più profonda del riformatore, mettendo in risalto la sua spiritualità in riferimento alla teologia della croce. Il lavoro è strutturato in cinque capitoli, che sono collegati l’uno all’altro secondo un filo unitario. Il primo capitolo affronta il rapporto tra mistica e spiritualita, e cerca di comprendere se Lutero possa essere considerato o no un mistico; il secondo capitolo delinea il percorso storico della chiesa e della società nel XVI secolo, affrontando la situazione in Germania e in Europa. Vengono messi in evidenza la decadenza della chiesa e i forti cambiamenti politici e sociali che caratterizzano gli sviluppi successivi della riforma di Lutero. Questo capitolo è indispensabile per capire il tempo in cui Lutero vive e come matura la sua spiritualità profondamente mistica. Il terzo capitolo cerca di delineare in modo approfondito, la sua vita vissuta nel periodo della giovinezza, la formazione teologica, la sua conversione, la scoperta della giustizia di Dio. Si espone anche il suo rapporto con i genitori, le sue ansie, le sue paure, ma soprattutto si incontra il Lutero della riforma, che è determinante per comprendere la sua maturazione e la lunga fioritura di scritti che interesseranno gli sviluppi successivi della Riforma, dove si trova un uomo ormai formato, maturo nelle scelte teologiche e nei punti che affronterà in relazione ai suoi insegnamenti e ai vari problemi posti contro il clero corrotto del tempo. Il quarto capitolo delinea il percorso dell'Anfechtung nella Teologia della Croce e infine il quinto capitolo analizza le opere spirituali più importanti di Lutero: le Lettere, gli insegnamenti, le lodi, i canti, i suoi discorsi a tavola, i vari sermoni. Lo scopo dell’ultimo capitolo è quello di entrare nel vivo della religiosità di Lutero e cioè il suo interessarsi dell’insegnamento del popolo tedesco, a cui si è particolarmente dedicato. Lo scopo del lavoro è quello di delineare una figura nuova di Lutero, dal punto di vista spirituale, perchè la sua teologia è quella di un credente che riflette di accettare pienamente la sequela nella sofferenza, ed è spesso dichiarato disobbediente. Dio è impotente, debole nel mondo e solo così egli ci sta a fianco. Lo scopo di questo lavoro ed il suo fascino risiedono proprio in questo: far risaltare la profondità e la novità delle intuizioni teologiche di Lutero e nel dare strutturazione scolastica e schematica ad un pensiero sofferto ed originale, che ha dato nuovi impulsi alla ricerca teologica ed alla spiritualità della Chiesa.
Ben altre vie di ricerca si aprono per lo studioso appassionato ed attento, che partendo da questo sfondo, porterebbero a traguardi dottrinali veramente affascinanti, ma ci basti aver stigmatizzato, con un flash storico-dottrinale, il momento fondante di un corso di pensiero estremamente ricco.

Mostra/Nascondi contenuto.
V INTRODUZIONE Il presente lavoro è frutto di varie esperienze maturate durante l’arco della mia vita. Esperienze che mi hanno formato lungo tutto il percorso teologico, che mi ha visto impegnato su vari fronti: teologico - formativi e religioso-pastorali. Durante gli anni di licenza mi sono appassionato al Corso di Cristologia e Antropologia teologica, che mi ha particolarmente affascinato su determinati aspetti della Riforma protestante. Infatti, ho impiegato ben tre corsi tutoriali su tematiche collegate l’uno all’altra e con una certa continuità. Le tematiche discusse hanno affrontato vari temi: la Croce nella teologia di Lutero, il rapporto Erasmo e Lutero e la sua visione ecclesiale. Adesso concludendo l’iter universitario per conseguire la licenza, offro una panoramica altamente significativa: gli aspetti della religiosità di Martin Lutero nella logica della Theologia crucis, che è anche il titolo della tesi. Il lavoro è in una sorta di continuità con i tre corsi precedenti, ma offre nuovi spunti, nuove ricerche critiche di valutazione della teologia di Martin Lutero. L’amore per lo studio, la ricerca teologica, il sacrificio, mi hanno dato l’input a cominciare questo affascinante viaggio alla scoperta sia del pensiero del riformatore, che pesa ancora nella storia, sia le nuove valutazioni sulla sua figura espresse nella teologia cattolica e protestante. Non molti conoscono Lutero e il suo pensiero, e a volte coloro che conoscono il nome, hanno al riguardo un pensiero piuttosto distorto. Ma chi è in realtà Lutero? Molti cattolici rimangono senza risposta, perplessi. Ma è una perplessità per la quale dovremmo “ringraziare” il cattolicesimo-romano, per la sua secolare campagna denigratoria nei suoi confronti. È, infatti, a motivo di una distorta campagna cattolico-romana che il nome di Lutero è generalmente accostato ad un’immagine distorta, sia riguardo la sua vita che

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Christian Mauro Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2933 click dal 13/12/2012.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.