Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di tecniche di allocazione di risorse in reti cellulari di quarta generazione

Le telecomunicazioni mobili negli ultimi anni hanno avuto una rapida diffusione, non solo per quel che riguarda il trasferimento dei dati. L’incremento delle velocità di connessione e la sempre più crescente multimedialità dei dispositivi, ha creato non pochi problemi dal punto di vista della banda utilizzata.
Data la scarsità di risorse a disposizione e le elevate richieste degli utenti, è d’obbligo utilizzare le risorse attraverso un’accurata, ma soprattutto efficiente, politica di gestione. A questo scopo, è stata utilizzata un’allocazione di banda dinamica, che contrariamente a quella statica, ci permette di affidare le frequenze inutilizzate ad altre persone che le richiedono.
Il problema della gestione dello spettro radio, è stato ampiamente affrontato in letteratura, anche con buoni risultati. Quello che propone questo elaborato, è integrare uno schema di controllo di potenza, con quello che viene definito come Spectrum Sharing, dove due operatori mettono in condivisone una porzione della loro banda che può venire usata da tutti gli utenti attraverso delle politiche di gestione delle contese.
E’ definito, quindi, un algoritmo di controllo di potenza, compatibile con lo standard LTE, che ci permetterà di dimostrare come in alcuni casi, considerando dei parametri come l’SINR, la potenza di ogni sotto-canale e la porzione di banda condivisa, unitamente all’algoritmo da noi proposto, la capacità dell’intero sistema aumenti, senza compromettere in modo evidente la qualità delle trasmissioni.
Per validare le nostre teorie ci serviremo di simulazioni ricavate da un’estensione ad hoc per un noto simulatore di reti di telecomunicazioni, dove verrà implementato il nostro algoritmo e paragonato ad alcuni esistenti, il tutto considerando un scenario di simulazione il più possibile reale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1!! Introduzione Il mondo della telefonia mobile, negli ultimi anni, ha conosciuto un progresso e un’espansione di grande impatto sulla vita giornaliera delle persone. Mentre una volta il telefono cellulare era considerato un semplice apparecchio elettronico atto a compiere chiamate o mandare messaggi, ora invece è visto come una chiave universale per le comunicazioni multimediali, poiché ci permette di essere costantemente collegati ad internet, controllare periodicamente la nostra mail, e in generale offre una serie di applicazioni web-based molto utili quotidianamente. Lo sviluppo non è stato solo a livello “applicativo”, ma anche a livello “fisico”, giacché in questo momento i terminali sono sempre più piccoli e performanti e offrono svariate modalità di interazione, dal touchscreen alla tastiera fisica qwerty o, in alcuni casi, entrambi. Lo sviluppo tecnologico delle reti mobili, congiuntamente a quello della rete internet e delle applicazioni web in generale, e l’aumentare di telefoni di ultima generazione, ha evidenziato però un accrescere del traffico dati e un sovraccarico della rete mobile, sottolineando l’inadeguatezza delle infrastrutture attuali e il conseguente bisogno di una politica di gestione delle risorse radio più efficiente. Il crescente bisogno di data-rate sempre più alti e ritardi di trasmissione esigui,

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonino Orsino Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 471 click dal 11/12/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.