Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La consegna infermieristica: valutare l'efficacia di una nuova procedura operativa al fine di standardizzare e uniformare un'assistenza infermieristica di qualità

Questa tesi affronta il tema della consegna infermieristica. La consegna è “il metodo di passaggio d’informazioni aggiornate sull’utente e costituisce il momento in cui gli infermieri si trovano assieme, a ogni cambio turno, per comunicarsi quanto è accaduto durante il turno appena concluso e per trasmettersi i dati necessari a pianificare l'assistenza; essa è un fondamentale elemento per la sicurezza nell'assistenza ai pazienti”.
Una corretta comunicazione e trasmissione delle informazioni rilevanti, tra gli infermieri, è fondamentale per evitare che accadano eventi avversi, errori che possano gravare sugli assistiti. Perciò, la comunicazione tra gli operatori influisce sulle attività assistenziali e se è corretta ed efficace accresce la qualità dell’assistenza fornita. Le fasi logiche fondamentali di questo elaborato sono:
• Descrivere la consegna in maniera dettagliata;
• Descrivere la revisione della letteratura effettuata;
• Descrivere lo studio sperimentale eseguito.
Questo documento è diviso in quattro capitoli. Il primo capitolo affronta dettagliatamente questo tema. Nel secondo capitolo è presentata la revisione della letteratura. Le parole chiave utilizzate sono state:
• Nursing handover;
• Shift handover;
• Consegne.

I risultati, derivati dall’analisi della documentazione ottenuta hanno messo in evidenza che per ottenere una corretta trasmissione delle informazioni rilevanti sono necessari nuovi strumenti e metodi a sostegno della consegna infermieristica e l’implementazione di quelli già esistenti. Il capitolo terzo “La ricerca” è dedicato allo studio eseguito. L’obiettivo principale del ricercatore è stato: sperimentare una procedura operativa, di nuova creazione, per gestire e supportare la consegna infermieristica, verificandone i risultati in termini di efficacia e gradimento della stessa, con il fine ultimo di promuovere un’assistenza infermieristica di qualità. Lo studio si è articolato secondo le seguenti fasi:
1. Indagare lo stato dei fatti, attraverso la somministrazione di un questionario anonimo;
2. Interpretare i risultati ottenuti;
3. Creare uno strumento per la consegna infermieristica: una nuova procedura operativa con lo scopo di standardizzare le modalità e i contenuti della consegna infermieristica;
4. Sperimentare tale procedura;
5. Interpretare i risultati ottenuti dalla sperimentazione attraverso la somministrazione di un secondo questionario, di gradimento, per valutare la comprensibilità e l’efficacia della procedura operativa proposta.
È stata eseguita una valutazione preliminare della situazione di partenza, somministrando il questionario anonimo. I risultati ottenuti dal primo questionario, assieme a quelli della revisione della letteratura, hanno giustificato l’obiettivo principale di questo studio: “produrre ed introdurre un nuovo strumento di standardizzazione per la consegna infermieristica, e valutarne l’efficacia”. Così, è stata creata la “Procedura Operativa per la Gestione della Consegna Infermieristica”.
Questa procedura si proponeva di:
• “Disciplinare” le modalità di consegna;
• Fornire agli infermieri un metodo per la documentazione dell’assistenza;
• Fornire una nuova modulistica.
Questa nuova procedura operativa è stata creata in accordo alle più recenti evidenze scientifiche con lo scopo di migliorare l'efficacia della consegna infermieristica.
I contenuti della procedura operativa proposta sono:
1. La definizione strutturata delle modalità: “Scritta e orale” e “Solo scritta”;
2. La regola mnemonica, “HAND ME AN ISOBAR” (elaborata dal Royal Hobart e dall'University of Tasmania, e approvato dall'Australian Commission on Safety and Quality in Healthcare -ACSQH- 2010);
3. La nuova modulistica, Note di Andamento Infermieristico (NAI);
4. Le “mini linee guida” di compilazione definite “Macroaree d’Informazione”.
La “Procedura Operativa per la Gestione della Consegna Infermieristica” è stata sperimentata. Gli infermieri hanno visionato la procedura e utilizzato la NAI per documentare l’assistenza di alcuni utenti, per alcuni giorni. Al termine della sperimentazione è stato somministrato loro un questionario di gradimento con il fine di indagare se tale procedura fosse risultata di facile comprensione ed efficace per la documentazione dell’assistenza e la gestione della consegna infermieristica.
I risultati ottenuti, dalla sperimentazione della nuova procedura operativa e dai questionari di gradimento, denotano che gli infermieri hanno ritenuto valide la procedura e la NAI per rendere più efficace la registrazione e trasmissione delle informazioni rilevanti di turno in turno e nel gestire la consegna. Questi risultati sono molto incoraggianti e positivi. Infine il quarto capitolo è dedicato alle “Conclusioni e sviluppi futuri”. La principale conclusione cui si è giunti è che migliorare il processo della consegna infermieristica è possibile e auspicabile.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Quando si è cominciato a parlare di tesi, è sempre stato detto a noi studenti, che questa doveva trattare argomenti “strettamente infermieristici”. Perciò, ho cominciato a domandarmi cosa significasse “strettamente infermieristico”, cosa intendessero loro dell’università. Non è stato semplice scegliere una tematica su cui focalizzare questo elaborato finale, soprattutto perché la letteratura ci avvisa che: “L’infermieristica è una disciplina che, con il suo corpo di conoscenza, si focalizza sul conoscere e comprendere gli individui e la loro esperienza di salute” 1 . Il primo pensiero dopo aver letto questa definizione è stato:“hai detto poco!”. Poi è venuta alla mente anche la definizione di salute: “Il completo stato di benessere nella sfera fisica, psichica, sociale e non la sola assenza di malattia” 2 . L ’ambito è così divenuto sempre più ampio, e unendo le due definizioni si sarebbe potuto affermare che: “praticamente tutto è strettamente infermieristico” e, quindi, sono infiniti gli argomenti che possono essere visti da una prospettiva infermieristica. Si è consapevoli che questa è una generalizzazione estrema ma è stata inserita per far riflettere sulla professione infermieristica. Quanto appena detto deve essere inoltre associato alla realtà della figura infermieristica: l’infermiere è onnipresente negli ambienti sanitari. Qualsiasi realtà considerata, sia di carattere generale (ad esempio un reparto di medicina generale) sia di carattere specialistico (esempio un reparto di ortopedia, di urologia, ecc.) ha infermieri che, nell’esercizio della propria professione, offrono il loro servizio al singolo utente e/o alla comunità. Quest’affermazione evidenza come la professione infermieristica, e nello specifico il ruolo dell’infermiere, sia versatile e si adatti ad ogni tipo di ambiente sanitario. Data la grande possibilità di scelta non è stato facile scegliere l’argomento cui avrebbe trattato questa tesi. Desideravo trattare un argomento “strettamente infermieristico proprio”, cioè qualcosa solo di questa professione in quanto tale. Inizialmente mi ero rivolta verso l’ambito psichiatrico, poi chirurgico, ma non riuscivo a sentirle mie queste realtà. Questo perché il contesto di sfondo non lo avvertivo come “strettamente infermieristico”. La soluzione a questo problema è stata trovata in seguito alla possibilità di poter frequentare il tirocinio pratico presso un’altra realtà distante, nel vero senso della parola, e diversa da quella a cui ero abituata. Dalle differenze vissute in queste due realtà è nata l’idea di trattare l’argomento della consegna infermieristica. La consegna infermieristica è un’attività propria degli infermieri e di questa 1 Fain JA. La ricerca infermieristica. Seconda edizione. Milano: McGraw-Hill; 2004.p. 4. 2 Costituzione OMS. Supplemento 2006.p. 1.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Viola Poli Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 23221 click dal 11/12/2012.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.