Skip to content

Pirateria e diritti umani

Informazioni tesi

  Autore: Astrit Meta
  Tipo: Tesi di Master
Master in Secondo Livello in Protezione internazionale dei diritti umani
Anno: 2012
Docente/Relatore: Pavone Ilja
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

Con il termine pirateria si indica quell’attività di depredazione compiuta in danno di navi mercantili, in alto mare o ancorate nella zona portuale, la cui origine coincide addirittura con la nascita della navigazione.
La prima parte della tesi presenta un'introduzione generale che descrive l'evoluzione della pirateria fin dalla prima descrizione che ne diedero Plutarco e Cicerone.
Si prosegue con la descrizione degli aspetti giuridici e legali che fanno riferimento al Convention of Montego Bay, adottata dalle Nazioni Unite nel 1982.
A questa prima parte descrittiva segue un approfondimento su quali sono le attività intraprese dalle Nazioni Unite per combattere questo fenomeno, con un focus particolare sulla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU che ha innovato il Convention of Montego Bay.
La terza parte della tesi presenta in breve le operazioni militari internazionali nel Golfo di Aden per contrastare la pirateria.
Si conclude con considerazioni personali e con il suggerire nuovi spunti di riflessione, come il rapporto tra pirateria e diritti umani, la questione della detenzione dei pirati e le leggi internazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ASPETTI GENERALI INTRODUZIONE A. Alle origini del fenomeno 1. Con il termine pirateria si indica quell’attività di depredazione compiuta in danno di navi mercantili, in alto mare o ancorate nella zona portuale, la cui origine coincide addirittura con la nascita della navigazione 2 . 2. Importanti sono le leggi approvate dall’antica Roma per combattere la pirateria. La legge “de pirati bus persequendis” del 100 a.C. trattava della sicurezza dei traffici marittimi della Roma, dei latini e degli alleati di Roma e la legge “Lex Gabinia” che conferì a Pompeo poteri eccezionali per estirpare la pirateria. 3. La prime definizioni dei pirati risalgono allo storico Plutarco che descrisse i pirati come coloro che attaccavano senza autorità legale , non soltanto le navi mercantili, ma anche le città marittime, e a Cicerone, il quale li chiama come hostes humani generis, termine questo riservato a intere comunità dedite alla pirateria e affermava che il pirata non è un nemico di guerra dei romani, ma è nemico comune di tutti 3 . 4. In seguito, tra il secolo XV e il XVII, la pirateria si trasforma in guerra di corsa. Una nave privata e armata, dotata di capitano ed equipaggio che operava una forma di guerra economica in supporto alle azioni degli Stati che rilasciavano loro la lettera di corsa era autorizzata a catturare beni o personale degli altri stati ed era chiamata “nave corsara”. 5. È solo con la nascita dello stato moderno e l’affermazione della sua sovranità su terra, mare adiacente e sui vascelli che percorrono le rotte marittime mondiali che il termine pirateria assume il significato odierno inteso come pericolo per la libera circolazione delle merci e per la sicurezza degli scambi commerciali. B. Entità del fenomeno 6. Il fenomeno della pirateria si è sviluppato ed esteso quasi incontrastato da misure repressive in quattro aree del pianetta: Nell’Africa Orientale gli attacchi vengono di norma effettuati in alto mare ma sono avvenuti anche a navi ancorate nei porti con uso delle armi e dirottamenti della nave in zone non note. Tutto questo accompagnato con la richiesta di riscatto per il rilascio della nave e dell’equipaggio. A causa dello sfasciamento dello stato somalo e il crollo dell’autorità statale somala non si sono verificate interventi di contrasto da parte delle autorità costiere o della polizia. Nell’oceano indiano gli attacchi da parte dei pirati interessano le acque portuali del Bangladesh con unità all’ancoraggio. I mezzi usati dai pirati sono piccole imbarcazioni con a bordo tre o cinque persone che effettuano l’abbordaggio della nave razziando provviste alimentari. La guardia costiera locale agisce ma i tempi di intervento sono lunghi e i pirati si allontanano sfuggendo alla cattura. Nel mare della Cina le acque prospicienti l’Indonesia sono valutate a rischio in modo particolare quelle portuali ove frequenti sono gli attacchi alle navi all’ancora. Questi attacchi mirano soprattutto al furto 2 Contro la pirateria hanno dovuto combattere tutte le grandi potenze dell’antichità che si affermarono nel Mediterraneo. Lo storico Tucidide racconta della lotta del re di Creta Minosse contro i pirati delle isole. La guerra del Peloponneso, Tucidide; la potenza ateniese attraverso la Lega di Delo, in età ellenistica, il regno dei Tolomei e Rodi assicurarono le vie marittime del Mediterraneo orientale, e la Roma repubblicana concesse poteri eccezionali a Pompeo Magno nella lotta ai pirati provenienti dalla Cilicia e da Creta, in “Pirati di ieri e di oggi” , Supplemento alla Rivista Marittima Dicembre 2009, pp. 12-18 3 Cicerone, De Officis, Libro I, § 107, Utet, Torino 1980.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

onu
pirateria
somalia
operazioni militari
convention of montego bay
golfo di aden

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi