Skip to content

La metodologia LCA (Life Cycle Analysis). Sfide e potenzialità per il futuro.

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Giordana
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Enrica Vesce
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

Il crescente interesse degli ultimi decenni nei confronti delle tematiche ambientali è stato il terreno fertile indispensabile per la nascita della metodologia della Life Cycle Analysis. Verso la fine degli anni ’60, inizio anni ’70, ci si iniziava a rendere conto che per molti prodotti una porzione preminente degli impatti ambientali era dovuta non tanto alla fase di utilizzo del prodotto, ma alla sua produzione, trasporto o fine vita. Gradualmente, l’importanza di indagare questi aspetti assunse sempre più rilevanza. Questo approccio assolutamente innovativo e in contrapposizione con i metodi tradizionali di valutazione aprì una breccia nel sistema, e nacquero rapidamente numerose iniziative orientate al ciclo di vita, con lo scopo ultimo di dare un contributo alla riduzione degli impatti ambientali di una produzione tramite una conoscenza più approfondita dei suoi processi.
Il Life Cycle Assessment (in italiano “Valutazione del Ciclo di Vita”) si è affermato come uno degli strumenti fondamentali. Esso è un metodo oggettivo di valutazione e quantificazione dei carichi energetici ed ambientali e degli impatti potenziali associati ad un prodotto, processo o attività lungo l’intero ciclo di vita (“dalla culla alla tomba”). Grazie all‘impulso derivante dalle politiche europee su ambiente, energia, risorse e rifiuti, a cui si sono affiancate anche numerose iniziative private, l‘LCA e l‘approccio di ciclo di vita stanno diventando sempre più strumenti necessari per la definizione di politiche pubbliche e per la competitività delle imprese.
In questo lavoro di ricerca, dopo una parte iniziale in cui si tratta la metodologia nel suo complesso (la struttura, i metodi di implementazione, le applicazioni e i punti deboli) si passa ad indagare alcune delle tematiche più attuali nel campo dello studio del ciclo di vita.
Nella parte centrale si affronta un tema ad oggi molto attuale nella comunità scientifica internazionale. La metodologia LCA è originariamente nata a fini comparativi nel settore industriale (il prodotto A è “migliore” rispetti al prodotto B?), ma negli ultimi decenni è stata utilizzata per scopi diversi in settori disparati. Molte volte alla comunità scientifica è capitato di porsi la seguente domanda: uno studio LCA può essere valido anche al di fuori del contesto che l’ha prodotto? Ovvero, uno studio LCA è “oggettivizzabile”? Fino a che punto, cioè, i risultati ottenuti in uno studio LCA possono essere utilizzati anche al di fuori dell’ente originario, sia esso pubblico o privato? Ad esempio, ci si potrebbe chiedere: uno studio LCA sulla produzione di patate nella provincia di Torino potrebbe essere utilizzato per indicare gli impatti ambientali della produzione di patate nella provincia di Vercelli?
Nell’ultima parte si cerca infine di scoprire il ruolo che lo studio del ciclo di vita potrebbe rivestire nel prossimo futuro nelle politiche macroeconomiche rivolte a una transizione dei sistemi di produzione tradizionali verso sistemi più sostenibili nel lungo periodo. Come rendere più efficace la metodologia? Quali sono gli ostacoli che essa dovrà affrontare e quali i miglioramenti necessari affinché possa sviluppare tutte le potenzialità che si intravedono oggi?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE “In order to survive and lead fulfilling lives all humans must satisfy certain needs. One of the strategies that people adopt to satisfy their needs is the consumption of a wide spectrum of goods and services which are traded on global and local markets. These different products or services generally have a long story occurring over time and space. It starts with the extraction of raw materials, the production and transportation of the components of the product, followed by the production of the product itself up to its consumption and final disposal or recycling. This story is called the cradle-to-grave life cycle. The Integrated-Product Policy of the European Union states: All products cause environmental degradation in some way, whether from their manufacturing, use or disposal.” (C. Basset-Mens, H. van der Werf, LCA FOOD, 2007) 1 Il crescente interesse degli ultimi decenni nei confronti delle tematiche ambientali è stato il terreno fertile indispensabile per la nascita della metodologia della Life Cycle Analysis. Verso la fine degli anni ’60, inizio anni ’70, ci si iniziava a rendere conto che per molti prodotti una porzione preminente degli impatti ambientali era dovuta non tanto alla fase di utilizzo del prodotto, ma alla sua produzione, trasporto o fine vita. Gradualmente, l’importanza di indagare questi aspetti assunse sempre più rilevanza. Questo approccio assolutamente innovativo e in contrapposizione con i metodi tradizionali di valutazione aprì una breccia nel sistema, e nacquero rapidamente numerose iniziative orientate al ciclo di vita, con lo scopo ultimo di dare un contributo alla 1 http://www.lcafood.dk/

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
energia
lca
impatti
life cycle
ciclo vita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi