Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scheduling delle lavorazioni in un reparto di molatura

La frase “mi raccomando, non innamoratevi dei modelli e dei sistemi che create” l’ho sentita ripetere ripetutamente dai professori, in questi tre anni di corso. In effetti, la teoria si dimostra spesso, o sempre, molto diversa dalla pratica, ma questo non significa che non sia giusto pianificare le decisioni attraverso gli strumenti ingegneristici che ci sono stati forniti. La bravura di un ingegnere sta proprio nel fatto di gestire le differenze che si presentano tra la programmazione e la realtà.
Tralasciando il fattore umano, che non è possibile imparare tra i banchi universitari, questa tesi si è concentrata sullo sviluppo di uno strumento di supporto alla programmazione delle lavorazioni di un reparto di molatura, prima con la stesura di un modello di programmazione lineare, poi con lo sviluppo di due semplici software per la gestione dello stesso modello.
Grazie all’esperienza che ho vissuto, un progetto del corso “Studi di Fabbricazione” tenuto dal Professor Tani, ho potuto studiare da vicino come un’azienda di Castel Maggiore (BO), la I.S.B. produttrice di molle, gestisce e organizza un reparto per la molatura dei pezzi. Una volta appreso i metodi di lavoro, ho potuto sviluppare un modello matematico che, in linea teorica, rappresenta la realtà del reparto.
Sfruttando poi i software creati appositamente per l’ottimizzazione dei modelli di programmazione lineare intera, come Gurobi e LPSolve, ho potuto mettere in pratica le mie pregresse esperienze informatiche per operare sul modello da me sviluppato.
Da questo lavoro sono giunto alla creazione di un primo software, creato in linguaggio C, che implementa il modello in base all’input dell’utente, che potrebbe essere un qualsiasi responsabile di produzione alle prese con lo scheduling delle lavorazioni, e lo ottimizza grazie all’integrazione con i software LPSolve e Gurobi. In un secondo momento ho creato un altro programma, in linguaggio Visual Basic, che permette una visualizzazione chiara e semplice della soluzione ricavata dall’utilizzo del primo software. Utilizzando contemporaneamente questi due programmi è risultato evidente che la programmazione lineare, abbinata all’informatica, è un valido strumento per lo scheduling delle lavorazioni di un qualsiasi reparto rappresentabile tramite un modello matematico.
Lo scopo di questo lavoro, oltre alla creazione di uno strumento di supporto alla pianificazione delle lavorazioni nel reparto in esame, è stato anche quello di imparare a utilizzare gli strumenti fondamentali della programmazione lineare intera, abbinati alle conoscenze informatiche, e inoltre fornire, senza alcuna pretesa, informazioni utili per chi volesse per la prima volta utilizzare software come Gurobi o LPSolve.

Mostra/Nascondi contenuto.
[4] INTRODUZIONE La frase “mi raccomando, non innamoratevi dei modelli e dei sistemi che create” l’ho sentita ripetere ripetutamente dai professori, in questi tre anni di corso. In effetti, la teoria si dimostra spesso, o sempre, molto diversa dalla pratica, ma questo non significa che non sia giusto pianificare le decisioni attraverso gli strumenti ingegneristici che ci sono stati forniti. La bravura di un ingegnere sta proprio nel fatto di gestire le differenze che si presentano tra la programmazione e la realtà. Tralasciando il fattore umano, che non è possibile imparare tra i banchi universitari, questa tesi si è concentrata sullo sviluppo di uno strumento di supporto alla programmazione delle lavorazioni di un reparto di molatura, prima con la stesura di un modello di programmazione lineare, poi con lo sviluppo di due semplici software per la gestione dello stesso modello. Grazie all’esperienza che ho vissuto, un progetto del corso “Studi di Fabbricazione” tenuto dal Professor Tani, ho potuto studiare da vicino come un’azienda di Castel Maggiore (BO), la I.S.B. produttrice di molle, gestisce e organizza un reparto per la molatura dei pezzi. Una volta appreso i metodi di lavoro, ho potuto sviluppare un modello matematico che, in linea teorica, rappresenta la realtà del reparto. Sfruttando poi i software creati appositamente per l’ottimizzazione dei modelli di programmazione lineare intera, come Gurobi e LPSolve, ho potuto mettere in pratica le mie pregresse esperienze informatiche per operare sul modello da me sviluppato. Da questo lavoro sono giunto alla creazione di un primo software, creato in linguaggio C, che implementa il modello in base all’input dell’utente, che potrebbe essere un qualsiasi responsabile di produzione alle prese con lo scheduling delle lavorazioni, e lo ottimizza grazie all’integrazione con i software LPSolve e Gurobi. In un secondo momento ho creato un altro programma, in linguaggio Visual Basic, che permette una visualizzazione chiara e semplice della soluzione ricavata dall’utilizzo del primo software. Utilizzando contemporaneamente questi due programmi è risultato evidente che la

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Roberto Fabbri Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 372 click dal 18/12/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.