Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Realtà Virtuale come nuova metodologia dei dati storico-archeologici. Il caso-studio del Foro romano

Ad un occhio poco esperto, infatti, i Fori Imperiali possono apparire come una serie di monumenti ed edifici antichi differenti (ma talvolta anche molto simili tra loro) ammassati in una qualsiasi zona della città; il visitatore potrebbe avvertire un senso di smarrimento.
In suo aiuto per fortuna accorrono persone, di certo competenti in materia storico-archeologica, preposte a guidarlo in questa “selva oscura” di monumenti, spiegando anche in maniera chiara ed esaustiva la storia dell’area e di ogni singolo edificio e costruzione.
In tal modo, però, il senso di smarrimento e spaesamento sono allontanati dal visitatore in maniera momentanea, cioè solo per il tempo che si ha a disposizione durante la visita guidata. Ma alla fine del percorso, e in un immediato futuro, cosa rimarrà in fatto di conoscenza al visitatore?
Come cercare allora di ripristinare questo gap comunicativo e conoscitivo? In che maniera, e attraverso quali mezzi, si possono aiutare i futuri visitatori dell’area archeologica dei Fori di Roma a destreggiarsi all’interno di quell’intricato percorso archeologico nel quale monumenti di qualsiasi tipologia ed epoca si trovano in stretta connessione spaziale l’uno con l’altro?
Una valida risposta è offerta dall’utilizzo delle più recenti tecnologie digitali, le cosiddette ICT (Information and Communication Technology), e in particolare della Realtà Virtuale.
In effetti la visione diretta di un modello tridimensionale - per quanto possibile fedele e conforme ai più recenti dati di studio e scavo - di tutta l’area archeologica e dei suoi monumenti, offrirebbe all’utente una maggior trasparenza e, soprattutto, visibilità di dati e un più facile e durevole apprendimento degli stessi da parte dell’utente rispetto a quando questi si trova ad apprenderli ascoltandoli durante la semplice visita guidata dell’area.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “Roma non è stata costruita in un giorno” dice un famoso detto popolare. Nulla di più vero. Roma è una città che ha avuto un’evoluzione urbanistica fin da tempi remotissimi, e che ancora oggi è in fase di sviluppo. Ma se questa moderna fase di crescita è sotto gli occhi di tutti, meno visibile è lo sviluppo topografico ed urbanistico dell’antica Roma, di quell’Urbe che aveva il suo centro socio-politico e giuridico nel Foro, oggi area archeologica di grande prestigio per la Capitale e meta di milioni di turisti italiani e stranieri. Non si fraintendano queste parole: tutti sappiamo quanto, e in che modo, siano visibili i singoli monumenti presenti nell’area del Foro romano e dei Fori imperiali. Ciò che intendo dire è che è poco comprensibile e leggibile - dal mio punto di vista - all’occhio del semplice visitatore e turista dell’area archeologica, la cronologia edificatoria delle due aree forensi romane. Ad un occhio poco esperto, infatti, i Fori possono apparire come una serie di monumenti ed edifici antichi differenti (ma talvolta anche molto simili tra loro) ammassati in una qualsiasi zona della città; il visitatore potrebbe avvertire un senso di smarrimento. In suo aiuto per fortuna accorrono persone, di certo competenti in materia storico- archeologica, preposte a guidarlo in questa “selva oscura” di monumenti, spiegando anche in maniera chiara ed esaustiva la storia dell’area e di ogni singolo edificio e costruzione. In tal modo, però, il senso di smarrimento e spaesamento sono allontanati dal visitatore in maniera momentanea, cioè solo per il tempo che si ha a disposizione durante la visita guidata. Ma alla fine del percorso, e in un immediato futuro, cosa rimarrà in fatto di conoscenza al visitatore? Cosa rimarrà nella sua mente? Poco o niente, perché raramente rimarranno impressi al visitatore dati storici ed archeologici e nozioni cronologiche, al contrario della magnificenza e dello splendore di ogni singolo edificio. E soprattutto, non rimarrà impresso in lui un quadro completo di come sia andato evolvendosi l’antico Forum.

Laurea liv.I

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Livia Romano Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 448 click dal 21/12/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.